Log in

 

Serie D, Ciserano - Dro 3-1

Serie D, Ciserano - Dro 3-1

Sconfitta amara per il Dro

 

Termina con un roboante 3 a 1 in favore dei padroni di casa la sfida tra Ciserano e Dro. Al Comunale Carlo Rossoni, in un clima caldo afoso, i droati sono riusciti a passar in vantaggio nella prima frazione grazie a un gol di Molnar, subendo l'immediato pareggio di bomber Ghisalberti e il doppio sorpasso ospite nella ripresa.

La cronaca. La partita racconta poco o nulla sino al 17', quando Farimbella pennella per Ischia su calcio di punizione, la difesa respinge favorendo Amassoka; il bomber droato controlla e ripropone al centro per Molnar che solissimo fa centro da pochi passi. Meno di 5' dopo i padroni di casa tornano in carreggiata grazie a una gran giocata di Ghisalberti che spalle alla porta addomestica la sfera prima di depositarla nell'angolino basso. Il numero 10 rossoblù ci prova nuovamente al 25', impegnando Chimini in angolo con un diagonale da posizione defilata, e al 32', sfruttando un errore di Concato in fase offensiva. Al 39' i gialloverdi si fanno vedere in avanti ancora su calcio da fermo di Farimbella ma nella circostanza Petrisor non si fa sorprendere anticipando l'incornata di Binatti. Nel finale Concato si fa perdonare per l'errore commesso in precedenza salvando il risultato con un anticipo provvidenziale su Ghisalberti.

Come all'andata anche in questa gara di ritorno i bergamaschi partono
forte nella seconda frazione, impegnando a più riprese il portierone gialloverde che al 20' compie un autentico miracolo sul tracciante di Iori. Il Ciserano mette la freccia nell'azione successiva con Chimenti, bravo a fiondarsi per primo su una respinta di Chimini. Il tris dei rossoblù giunge di lì a poco con Ghisalberti che, colpito in pieno volto da una respinta dell'estremo difensore droato, ribadisce la palla in rete. In pieno controllo dell'incontro i padroni di casa gestiscono il vantaggio. Prima della fine dell'incontro il Dro si rifà vedere nell'area ospite grazie a una combinazione di Kumrija e Milicevic che mette Amassoka in condizione di colpire di testa ma il tentativo finisce sopra la traversa. Allo scadere Chimini evita il poker allontanando di riflesso una deviazione fulminea di Crociati.

Quella rimediata sul campo del Ciserano è una sconfitta amara per i ragazzi di mister Soave, obbligati ora a dare il massimo per evitare una zona play-out sempre più vicina ed assicurarsi la salvezza quanto prima!

Il tabellino

CISERANO 3
DRO 1
MARCATORI: 17' pt Molnar (D), 21' pt e 34' st Ghisalberti, 23' st Chimenti (C)
CISERANO: Petrisor, Foglieni (38' st Lacchini), Crociati, Mastrototaro, Mapelli, Gritti, Romeo, Chimenti, Iori, Ghisalberti, Maspero (49' st Fornari). All. Monza
DRO: Chimini, Allegretti, De Min, Binatti (37' st Daldosso), Ischia, Molnar, Concato (9' st Kumrija), Farimbella, Amassoka, Milicevic, Paoli (23' st Pilenga). All. Soave
ARBITRO: Bertini di Lucca (Abatantuono di Firenze e Vannini di Siena)
NOTE: ammoniti Ghisalberti (C), Paoli, Concato, Farimbella (D); calci d'angolo 1-8.

  • Pubblicato in Serie D

Serie D, Scanzorosciate - Dro 1-0

Serie D, Scanzorosciate - Dro 1-0


Il Dro cade nella tana dello Scanzorosciate


Dopo tre risultati utili consecutivi, il Dro cade in trasferta al termine di una partita che l'ha visto dominare sul piano del gioco, mancando però l’affondo finale ai propri inseguitori diretti: i bergamaschi dello Scanzorosciate Calcio, che ora insidiano la posizione d’equilibrio precario dei gialloverdi sullo stretto fazzoletto di terra che segna il confine con la zona playout.

Una buona prestazione, si diceva, poiché, come quasi sempre accade, i droati sono riusciti a limitare le iniziative avversarie, riproponendo il proprio gioco ben oltre la striscia di centrocampo, al di là della quale, tuttavia, è parsa mancare quell’incisività e quella propositività offensiva che si sta rendendo sempre più necessaria. Dimostrazione di ciò sono le numerose iniziative senza esito che la compagine gialloverde sviluppa nel primo tempo, dalle quali lo Scanzorosciate riesce a divincolarsi solamente dopo il 40’, quando Pellegris, da pochi passi, mette a lato rischiando addirittura di rompere l’equilibrio dell’incontro.

La seconda frazione recita lo stesso canovaccio della prima metà di gara: in avanti Crivaro e Amassoka dialogano bene, scambiano con Farimbella, Pilenga e Bertoldi, ma la manovra non porta a sbocchi positivi. Per i droati, l’unico pericolo in avvio di ripresa si registra al 15’ quando, su cross di Bonomi, Pellegris manca d’un soffio l’aggancio sotto porta in scivolata. Il brivido ridesta il Dro, che riparte con Crivaro ma la conclusione finale di Lollo Amassoka è fuori misura. Due minuti dopo Crivaro tenta la staffilata dai 20 metri e solo il miglior Regazzoni gli nega la gioia del gol, rifugiandosi in corner. Le sorti dell’incontro cambiano definitivamente dopo la mezzora, quando Chimini respinge incredibilmente un tentativo di Pellegris ma è poi lo stesso centravanti ad insaccare da distanza ravvicinata. Negli ultimi instanti i droati tentano il tutto per tutto, esercitando un forcing forsennato
Crivaro in azione
Crivaro in azione

nell’area bergamasca, mancando però la deviazione vincente.

Il tabellino

SCANZOROSCIATE 1
DRO 0

Reti: 32’ st Pellegris (S)
Scanzorosciate: Regazzoni, Fratus, Venturi, Ubbiali, Rondelli, Rota, Gualdi, Botticini (40’ st Fusar), Pellegris, Bonomi (21’ st Austoni), Capelli (15’ st Melandri). All. Valenti
Dro: Chimini, Concato, De Min, Bertoldi, Ischia, Molnar, Pilenga (22’ st Paoli), Ruaben (37’ st Caridi), Crivaro, Amassoka, Farimbella (37’ st Milicevic). All. Soave
Arbitro: Sajmir Kumara di Verona (Pedroni di Schio e Paggiola Di Legnago)
Note: ammoniti Fratus, Rota, Capelli (S), Ischia, Farimbella (D)

  • Pubblicato in Serie D

Serie D, Dro - Olginatese 1-0

Serie D, Dro - Olginatese 1-0

Per le tante occasioni create, anche fosse stato un pareggio, ci sarebbe stato di che recriminare. Ma è andata pure peggio. A Dro è arrivata una sconfitta che rischia di compromettere la rincorsa alla salvezza della prima squadra. Infatti l’Olginatese torna dal Trentino con un brutto 1-0 opera dell’ex di turno, Ivo Molnar, abile a sfruttare l’unica occasione concessa agli avversari nel primo tempo.

Il campo è pesantissimo, ma i bianconeri non rinunciano a far girar palla. I padroni di casa cercano di colpire sugli esterni in contropiede. Ed è infatti su una punizione seguente a un fallo sulla fascia che arriva il gol. Palla calciata verso la porta, alle spalle della difesa si libera Molnar che di piatto mette in rete: 1-0. L’occasione migliore per l’Olginatese è sulla testa di Recino a dieci minuti dalla fine del tempo, ma la conclusione è troppo centrale per poter impensierire il portiere di casa.

La ripresa è un assedio all’area locale. Prima Laribi sfiora il palo, poi Rossi l’incrocio su punizione, quindi Rebecchi al volo impegna il numero uno trentino. Incredibile al 22′ quando il tiro a botta sicura di Brogonoli viene respinto sulla linea di porta e sulla ribattuta Rossi calcia fuori. Ferrari, entrato nel secondo tempo, ci prova anche da fuori area, ma il portiere ci arriva ancora con la mano aperta. Il Dro ha un paio di occasioni in contropiede sul finale di gara, ma non è capace di sfruttarle.

Finisce 1-0 con tanta rabbia per un risultato che avrebbe potuto e dovuto essere diverso.

 

DRO: 1

OLGINATESE: 0

MARCATORE: 26′ pt Molnar (D).

DRO: Chimini, Concato, De Min, Bertoldi, Ischia, Molnar, Pilenga (dal 29’ st Caridi), Ruaben (dal 18’ st Paoli), Crivaro (dal 43’ st Allegretti), Amassoka, Farimbella. All. Soava

OLGINATESE: Celeste, Corti, Tarasco, Mara (dal 27’ st Rigamonti), Narducci, Laribi (dal 43’ st Marinoni), Brognoli, Bonizzi (dal 7’ st Ferrari), Recino, Rebecchi, Rossi. All. Cotroneo

ARBITRO: Lipizer di Verona.

AMMONITI: Molnar, Farimbella, Ruaben (D), Laribi, Recino, Ferari (O).

  • Pubblicato in Serie D

Serie D, Levico Terme - Dro 0-1

Serie D, Levico Terme - Dro 0-1

È un punto che fa morale quello strappato dal Dro sul campo del Levico al termine di un match molto fisico, dove l'approccio agonistico ha fatto da padrone penalizzando la bellezza del gioco.

In avvio le due compagini si studiano, lasciando poco spazio alle reciproche iniziative offensive. L'equilibrio viene meno al 17', quando Baido, forzata la marcatura di Binatti, infila di testa un Chimini esitante. Il Dro reagisce con Daldosso, che su calcio di punizione impegna Seveso, ma al 24' sono ancora i termali a sfiorare il raddoppio con Braccalenti. Poco dopo la mezzora, i droati costruiscono due chiare occasioni da rete con Binatti, ma un Seveso strepitoso chiude lo specchio della porta.

Nella seconda frazione il Levico mostra da subito una grande propositività in attacco ma la sorte salva il Dro anche quando, a porta praticamente sguarnita, Tessaro centra in pieno il palo. Da quel momento sino all'azione che conduce alla rete del pari non si segnalano grandi giocate. Al 37' Pipoli trattiene Milicevic in area, per il direttore di gara non ci sono dubbi: seconda ammonizione, espulsione per il difensore e calcio di rigore. Dal dischetto Lollo Amassoka spiazza Seveso ristabilendo la parità. Nonostante l'inferiorità numerica, i padroni di casa non demordono, provando il sorpasso nel finale, ma un ottimo Chimini salva il risultato.

LEVICO TERME 1
DRO 1
RETI: 17’ pt Baido (L), 38’ st Amassoka (D)
LEVICO TERME: Seveso, Rippa (1’ st Marini), Pipoli, Del Carro, Agosti, Tobanelli, Osti, Pancheri, Braccalenti (1’ st Filippini), Tessaro, Baido. All. Mezzanotti
DRO: Chimini, Concato, De Min (19’ st Pegoraro), Ruaben (27’ st Bertoldi), Allegretti, Binatti, Paoli (19’ st Farimbella), Daldosso, Crivaro, Amassoka, Milicevic. All. Soave
ARBITRO: Niccolò Panozzo di Castelfranco Veneto (Tirico di Modena e Caggiano di Reggio Emilia).
NOTE: 500 spettatori circa. Campo in discrete condizioni. Ammoniti: Rippa, Del Carro, Pipoli (L). Al 37’ st espulso Pipoli (L) per doppia ammonizione.

  • Pubblicato in Serie D

Dro, triangolare di preparazione per la Bustese in vista dell’impegno di domenica prossima in Coppa Italia contro l’Inveruno

Triangolare di preparazione per la Bustese in vista dell’impegno di domenica prossima in Coppa Italia contro l’Inveruno.
Opposta al Brera, formazione milanese che disputerà il campionato di Eccellenza, ed al Meda, squadra ai nastri di partenza del torneo di 1^ categoria, l’undici granata ha collezionato un pari ed una vittoria. Nella prima gara di 45 minuti la squadra di Maurizio Ganz ha impattato per 1 a 1 col Brera, passando in vantaggio dopo soli quattro minuti con Moretti, per poi essere raggiunta nel finale da una rete di Ronchi.
Nel secondo incontro ci ha pensato Mazzini a risolvere il match con un goal realizzato al cinque minuti dal termine.
Bene in avanti la coppia Moretti-Mazzini, in grado di far vedere una già più che discreta intesa, mentre nel reparto difensivo si è distinto ancora Rosana, già autore di una buona prova col Legnano. Non è dispiaciuto Laribi che ha mostrato tanta personalità, mentre da valutare la prova offerta da Matteo Anania, difensore ex Perugia classe 84 in prova dal Locarno. Si sono comunque fatti sentire i carichi di lavoro effettuato in fase di preparazione e di conseguenza la Bustese vista oggi ha sostanzialmente giocato al piccolo trotto, senza forzare e col pensiero rivolto all’interessante derby di domenica prossima contro l’Inveruno.

  • Pubblicato in Serie D