Log in

 

Pro Vercelli: attenta e diligente vince ad Avellino

Campionato Primavera, trofeo “Facchetti 2016-17”  sabato 15 aprile 2017, presso il campo sportivo “Posto” di Pratola Serra (Av). Ore 11:00  Avellino 0 –  Pro Vercelli 3.

Marcatori:  15′ De Mitri (P.V.), 33′ Gouri (P.V.), 72′ De Mitri (P.V.).

La ventiquattresima giornata di campionato poteva regalare agli irpini una vittoria che li portava a soli tre punti dalla sfidante Pro Vercelli. Le ultime due giornate di campionato poi potevano permettere ai Campani il tentativo di abbandonare l’ultimo posto in classifica. Così non è stato e la Pro Vercelli, con una gara attenta e diligente, ha inflitto una severa sconfitta all’Avellino per tre a zero. Il risultato dei Piemontesi non è stato mai in discussione e dopo il doppio vantaggio, l’incontro, è stato ottimamente amministrato dai ragazzi di mister Grieco.

Dopo i primi minuti di equilibrio solo su calcio da fermo si sblocca la gara. Da un angolo battuto dalla destra di Pizzella, di testa irrompe il N. 7 De Mitri che al 15° porta in vantaggio gli ospiti. Galvanizzato dalla rete, sulla sua fascia di competenza il ragazzo di Torino di scuola Juventus semina il panico nella retroguardia dell’Avellino. La sua buona prestazione la corona al 72° quando segna la sua seconda marcatura per il risultato finale di Avellino 0 – Pro Vercelli 3. A dire il vero, la reazione dell’Avellino si è avuta, ma è stata smorzata definitivamente con la seconda marcatura degli ospiti al 33° della prima frazione. Infatti, quando sembrava nell’area l’arrivo del pareggio dell’Avellino, un errore di scambio in avanti ha concesso una ripartenza alla Pro Vercelli. Micidiale scambio con fuga dell’attaccante Gouri, buona anche la sua gara, e diagonale che trafigge per la seconda volta l’incolpevole Pizzella. La ripresa non ha più dato stimoli ad un remissivo Avellino e la Pro Vercelli con un folto centrocampo, dove è emerso anche il napoletano Di Napoli, ha ben amministrato il resto della gara. Nel finale oltre alla rete della doppietta di De Mitri, ben altre due ghiotte occasioni sprecate in malo modo dalla Pro Vercelli. Così dopo solo un minuto di recupero il Sig. De Tullio di Bari ha decretato il triplice fischio che ha sentenziato : Avellino 0 – Pro Vercelli 3.                                              

                                  I numeri della gara: 

Avellino: Pizzella, Cozzolino, Saccavino, Rizzo, Esposito, Dragone (46′ Perna), Tascone (77′ Miranda), Crisci, Riccio (46′ Coiro), Arciello e Lucignano. All.  Renato Cioffi.

Panchina: Jusufi, De Martino, Alfano, Rota, Branchi, Bongiovanni, Marino, De Sarlo e Pizi.

Pro Vercelli: Tripicchio, Vitale, Vernero (53′ Wang), Sangiorgi, Picone Chiodo, De Marino, De Mitri, Di Napoli (71′ Rosano), Gouri, Foglia (77′ Pagliaro) e Bani. All.: Vito Grieco.

Panchina: Cairola, Lora, Della Morte e Soto.

Marcatori:  15′ De Mitri (P.V.), 33′ Gouri (P.V.), 72′ De Mitri (P.V.).

Arbitro: Sig. Nicola De Tullio di Bari con i collaboratori: Burgi e Catiani.

Ammoniti: Dragone (A), Crisci (A), Perna (A), Picone (P) e De Mitri (P).

Note:Giornata di sole leggermente ventilata. Circa 100 spettatori sulla tribuna del “Posto” di Pratola Serra.

 

Pro Vercelli: vittoria ad Avellino

Campionato Primavera, trofeo “Facchetti 2016-17”  sabato 15 aprile 2017, presso il campo sportivo “Posto” di Pratola Serra (Av). Ore 11:00  Avellino 0 –  Pro Vercelli 3.

Marcatori:  15′ De Mitri (P.V.), 33′ Gouri (P.V.), 72′ De Mitri (P.V.).

La ventiquattresima giornata di campionato poteva regalare agli irpini una vittoria che li portava a soli tre punti dalla sfidante Pro Vercelli. Le ultime due giornate di campionato poi potevano permettere ai Campani il tentativo di abbandonare l’ultimo posto in classifica. Così non è stato e la Pro Vercelli, con una gara attenta e diligente, ha inflitto una severa sconfitta all’Avellino per tre a zero. Il risultato dei Piemontesi non è stato mai in discussione e dopo il doppio vantaggio, l’incontro, è stato ottimamente amministrato dai ragazzi di mister Grieco.

Dopo i primi minuti di equilibrio solo su calcio da fermo si sblocca la gara. Da un angolo battuto dalla destra di Pizzella, di testa irrompe il N. 7 De Mitri che al 15° porta in vantaggio gli ospiti. Galvanizzato dalla rete, sulla sua fascia di competenza il ragazzo di Torino di scuola Juventus semina il panico nella retroguardia dell’Avellino. La sua buona prestazione la corona al 72° quando segna la sua seconda marcatura per il risultato finale di Avellino 0 – Pro Vercelli 3. A dire il vero, la reazione dell’Avellino si è avuta, ma è stata smorzata definitivamente con la seconda marcatura degli ospiti al 33° della prima frazione. Infatti, quando sembrava nell’area l’arrivo del pareggio dell’Avellino, un errore di scambio in avanti ha concesso una ripartenza alla Pro Vercelli. Micidiale scambio con fuga dell’attaccante Gouri, buona anche la sua gara, e diagonale che trafigge per la seconda volta l’incolpevole Pizzella. La ripresa non ha più dato stimoli ad un remissivo Avellino e la Pro Vercelli con un folto centrocampo, dove è emerso anche il napoletano Di Napoli, ha ben amministrato il resto della gara. Nel finale oltre alla rete della doppietta di De Mitri, ben altre due ghiotte occasioni sprecate in malo modo dalla Pro Vercelli. Così dopo solo un minuto di recupero il Sig. De Tullio di Bari ha decretato il triplice fischio che ha sentenziato : Avellino 0 – Pro Vercelli 3.                                              

                                   I numeri della gara: 

Avellino: Pizzella, Cozzolino, Saccavino, Rizzo, Esposito, Dragone (46′ Perna), Tascone (77′ Miranda), Crisci, Riccio (46′ Coiro), Arciello e Lucignano. All.  Renato Cioffi.

Panchina: Jusufi, De Martino, Alfano, Rota, Branchi, Bongiovanni, Marino, De Sarlo e Pizi.

Pro Vercelli: Tripicchio, Vitale, Vernero (53′ Wang), Sangiorgi, Picone Chiodo, De Marino, De Mitri, Di Napoli (71′ Rosano), Gouri, Foglia (77′ Pagliaro) e Bani. All.: Vito Grieco.

Panchina: Cairola, Lora, Della Morte e Soto.

Marcatori:  15′ De Mitri (P.V.), 33′ Gouri (P.V.), 72′ De Mitri (P.V.).

Arbitro: Sig. Nicola De Tullio di Bari con i collaboratori: Burgi e Catiani.

Ammoniti: Dragone (A), Crisci (A), Perna (A), Picone (P) e De Mitri (P).

Note:Giornata di sole leggermente ventilata. Circa 100 spettatori sulla tribuna del “Posto” di Pratola Serra.

 

Giacomin e Cioffi dopo Avellino 2 Cittadella 2.

Giulio Giacomin e Renato Cioffi  i due allenatori, dopo la gara primavera tra Avellino e Cittadella.

Per la ventunesima giornata del campionato primavera, presso il campo “Posto” di pratola Serra, si sono affrontate l’Avellino e il Cittadella. Dopo una gara combattuta fino all’ultimo minuto, il risultato si chiude in parità sul risultato di due a due.

Il tecnico della formazione Veneta, campione d’Italia uscente nella categoria Berrretti è Giulio Giacomin. Tante esperienze per Lui, sia da calciatore che da allenatore nel campionato “Cadetto”.

P.D.: “Sig. Giacomin un ostacolo duro l’Avellino del collega Cioffi?”

Giacomin: “ Una gara dura … intensa, in un campionato difficile con tante formazioni importanti! Una gara secondo me, molto condizionata dal vento, che poi ci ha portato al novantesimo a subire anche il pareggio. Dispiace perché pensavamo di portare via i tre punti. In definitiva, ripeto, dispiace questo pareggio che poi non aiuta nessuno delle due squadre. Entrambe le formazioni miravano a vincere la gara per muovere un po’ questa classifica ed alla fine è risultato questo pareggio che non favorisce nessuno.”

P.D.: “ Cittadella campione uscente nel campionato Berretti … ci sono ragazzi nel suo organico già pronti per il grande salto?”

Giacomin: “ Qui sono presenti già due ragazzi nel giro della prima squadra. C’è poi qualche infortunato, assente qui, che ha già esordito…noi adesso faremo una lunga pausa, causa Viareggio. Stacchiamo un attimo, anche perché dobbiamo cercare di cambiare qualcosa per migliorare ulteriormente proprio in vista di appuntamenti importanti. Dopodicchè, si penserà a ringiovanire l’organico che dovrà sostituire coloro che poi andranno a far nuove esperienze.”

Dai progetti del Cittadella, siamo poi passati al Direttore e Tecnico dell’Avellino Sig. Renato Cioffi, per un breve esame della gara.

P.D.: “Finale di primo tempo con una sfortunata autorete. Ha notato poi una buona ripresa?”

Cioffi: “ Lei che ha seguito un po’ il nostro campionato, avrà potuto notare che in altri tempi queste gare si perdevano! Oggi invece abbiamo avuto una buona reazione, dopo che nel primo tempo siamo andati sotto, senza meritarlo! Una gara difficile che ristagnava a centro capo. Primo tempo con pochissime occasioni dall’una e dall’altra parte, poi lo svantaggio sfortunato quanto immeritato! Inizio ripresa addirittura una mazzata! Nel secondo tempo abbiamo iniziato con la volontà di riprendere la gara, ma abbiamo subito un goal assurdo! Da ricordare poi che nei primi dieci minuti della gara mi è parso netto un calcio di rigore su Arciello … questo non in senso polemico, ma a significare che sono contento della reazione dei ragazzi. Hanno dato prova di maturità reagendo anche ad episodi sfavorevoli pareggiando una gara che poteva essere anche vinta. Terzo risultato positivo consecutivo! Cosa questa, mai capitata prima. Adesso abbiamo questa pausa, poi un’altra battaglia. Sempre in casa ospiteremo l’Ascoli. Sarà questo periodo di pausa un momento per recuperare tutte le nostre energie per ripartire. Consapevoli di fare meglio di oggi, che di fronte avevamo una squadra che l’anno scorso ha vinto un titolo nazionale e che ha fatto solo pochi innesti per il campionato in corso. Noi abbiamo tenuto testa a questi nostri avversari che oltre la rete, nella ripresa, non gli abbiamo più concesso occasioni. I ragazzi hanno lottato fino alla fine ed hanno ottenuto un pareggio meritato, ma si poteva cogliere anche l’intera posta che poteva contribuire alla crescita della propria autostima!”

 Pasquale D'Aniello

Avellino non in palla contro un buon Sassuolo

Campionato Primavera, trofeo “Facchetti 2016-17”  sabato 04 febbraio 2017, presso il campo sportivo “Posto” di Pratola Serra (Av). Ore 11:00  Avellino 1 –  Sassuolo 5.

Marcatori:   24' Scamacca (S), 27' e 74' Zecca (S), 46' Dragone (A), 55' e 63' Pierini (S).

Avellino sconfitto da un Sassuolo che è apparsa la migliore formazione del girone “B” del campionato primavera, tra quelle viste sul Campo Posto di Pratola Serra (Av). Bisogna anche dire che l’Avellino non è parsa oggi, quella compagine grintosa vista contro l’Udinese e soprattutto contro il Torino. Certo è che oggi in campo, tra le fila degli Emiliani c’era anche il neo-acquisto Gianluca Scamacca. Rete per lui ma tanti assist e recuperi importanti. A dimostrazione di un diverso passo e visibilmente già pronto per il grande salto. Evidentemente la sua formazione tra le giovanili della Lazio, poi della Roma ed all’estero con il PSV Eindoven, hanno maturato tantissimo questo ragazzo Romano nato nel gennaio del 1999.

Avellino sempre in affanno e partita mai in discussione, anche ad inizio ripresa quando l’Avellino aveva solo il minimo svantaggio. Il Sassuolo primavera è parsa una squadra a specchio ed ad immagine di quella di Mister Di Francesco. Eppure a fine gara il Tecnico Mandelli ha evidenziato alcuni aspetti negativi dei suoi ragazzi che dovranno ancora essere limati. Dopo una prima resitenza degli Irpini, al 24’ Scamacca sblocca su calcio da fermo con la complicità di una deviazione e un non deciso intervento del portiere Jusufi. Passano solo 3 minuti e una stupenda azione corale del Sassuolo viene ben finalizzata con una veloce diagonale del N.11 Zecca, per la precisione al minuto 27. Allo scadere di tempo, l’Avellino accorcia su calcio di rigore magistralmente realizzato da Dragone. Buona la sua gara, al di là della marcatura.

La ripresa ha evidenziato una sola azione d’attacco per l’Avellino ben bloccata dalla retroguardia del Sassuolo. Per il resto gara sempre sotto controllo da parte dei ragazzi di Mandelli. Al 54’ stupendo gesto tecnico di Scamacca: stop di tacco e stoccata dal limite che incoccia sul palo alla sinistra di Jusufi. Da questo momento l’Avellino è parso meno concentrato ed ha subito la doppietta di Pierini al 55’ e 63’ e quella di Zecca che al 74’ ha bissato la rete del primo tempo. Finale : Avellino 1 – Sassuolo 5.

                                               I numeri della gara:

Avellino: Jusufi, Rescigno, Dragone, Todisco, Sgambati, Bongiovanni (61' De Sarlo), Crisci (35' Paudice), Branchi, Pizi, Garofalo (47' Esposito) e Ciotti.     

A disposizione: Cappa, Perna, Alfano, Rizzo, Caruso, Pastina, Miranda, Saccavino e Marino.

Allenatore: Sig. Renato Cioffi. 

Sassuolo: Vitali, Gambardella, Masetti, Abelli, Ferrini, Ravanelli, Pierini (74' Caputo), Marin (70' Sarzi Maddidini), Scamacca, Franchini e Zecca.   

A disposizione: Costa, Saccani, Rossini, Celia, Cipolla, Romairone e Bruschi.

Allenatore: Sig. Paolo Andrea Mandelli.

Marcatori:   24' Scamacca (S), 27' e 74' Zecca (S), 46' Dragone (A), 55' e 63' Pierini (S).

Arbitro: Sig. Vigile di Cosenza, per l’occasione coadiuvato dai Sigg. Mansi di Nocera Inferiore (Salerno) e Cantafio di Lamezia Terme (Catanzaro). 

Ammonizioni: Rescigno, Dragone, Bongiovanni e Garofalo dell'Avellino; Marin del Sassuolo.

Note: Mattinata nuvolosa con un forte vento che ha portato sulla tribuna del Posto di Pratola Serra solo 80 spettatori circa. Recupero un solo minuto per tempo.

 

 

 

 

 

 

 

Cioffi dell'Avellino e Coppitelli del Torino

Cioffi  e Coppitelli all’indomani di Avellino Torino

Campionato Primavera, trofeo “Giacinto Facchetti” Avellino -  Torino  2  –  3.

Avellino delle giovanili all’anno zero con il direttore Renato Cioffi. Il tecnico ex-Bellaria succeduto a quella panchina che fu anche del grande Arrigo Sacchi, quando assunse l’impegno con l’Avellino (estate 2016) dichiarò questa nuova avventura “stimolante”. Difatti gli stimoli non stanno mancando. Nell’ultima gara di campionato disputata, l’Avellino ha incontrato il Torino di mister Federico Coppitelli. Avellino Torino, conclusasi con lo scoppiettante risultato di 2 a 3, è stata una gara molto combattuta ed emozionante. Diversi gli stati d’animo dei due tecnici Renato Cioffi (Avellino) e Federico Coppitelli (Torino).

P.D.: “Partita rocambolesca con il forte Torino! Sotto per tre a zero l’Avellino, con l’ausilio di qualche episodio più fortunato, poteva anche arrivare al pari?”

Cioffi (Av): “Ma guardi che il Torino è davvero forte! Ha già tanti ragazzi, in orbita prima squadra. Proprio per questo, voglio fare i complimenti alla mia squadra …squadra giovane, che ci ha creduto fino alla fine! Forse con qualche episodio fischiato a nostro favore, la gara si poteva anche pareggiare! Al di là dell’episodio su Perrotta, che a mio avviso era rigore netto, sul tiro di Pizi un difensore del Torino ha effettuato proprio una parata in area. E questo era rigore a dir poco clamoroso! Questo sommato ad altri due rigori, subiti all’andata a Torino, non sono moniti di polemica, ma certamente intaccano il morale dei ragazzi che lavorano un’intera settimana. A prescindere, ci tengo a sottolineare la tenacia di questi ragazzi che non si è mai fermata, fino all’ultimo istante di gara. Consideriamo poi che questo è un gruppo molto giovane costituito da tanti classe 2000 e non dimenticando anche qualche 2001 che stiamo inserendo per avviare una crescita importante per la nostra Società dell’Avellino Calcio!”

Di seguito colui che è stato nominato “il ragazzo prodigio” della panchina. Il tecnico del Torino Federico Coppitelli 32 anni, dottore in scienze politiche e con già alcuni campionati vinti ai tempi in cui allenava nelle giovanili della Roma.

P.D.: “Eccellente primo tempo del Torino, ma poi, una volta sul tre a zero partita diventata dura qui ad Avellino?”

Coppitelli: “Sapevamo benissimo che qui non era semplice e questo spiega la nostra partenza sprint! Squadre di spessore, come Pescara ed Udinese hanno lasciato punti qui ad Avellino. Noi per settanta minuti abbiamo fatto una buona gara, senza subire tiri in porta e tenendo sempre sotto controllo la gara. Poi i goals  subiti, hanno riaperto la partita! In effetti in questi campi, non è mai semplice la gestione. Certo sul finale noi ci siamo un po’ complicato le cose … ma penso che ci stà di incontrare delle difficoltà in alcuni momenti. Per il resto siamo soddisfatti! Abbiamo fatto una striscia di risultati positivi anche se le vittorie, come questa con l’Avellino, ci inducono a pensare che abbiamo ancora molto da lavorare per migliorare alcuni aspetti.” 

 

 

 

 

Donnarumma vittoria ad Avellino e convocazione in prima squadra

Derby Campano nel Campionato Primavera: Avellino 3 – Benevento 4. Sabato 17 dicembre 2016.  Campo sportivo “Posto” di Pratola Serra (Avellino), ore 11:00.

MARCATORI: 20'pt e 22'pt Arciello (Av), 30'pt e 13'st Brignola (B), 26'st Crudo (B), 32'st Dragone (A) (Rig.), 41'st Pinto (B). 

AVELLINO

Cappa, Rescigno, Dragone, Todisco, Bongiovanni, Sgambati, Crisci, D'Attilio ( 86’ Pizi), Lucignano, Arciello e Cozzolino. In panchina con il tecnico Renato Cioffi:Jusufi, Esposito, Perna, Krivca, Caruso, Federico, D'Acunzo, Paudice, Miranda, Branchi e Saccavino. 

BENEVENTO

Piscitelli (43' Cioce), Iodice, Sparandeo, Donnarumma, Rutjens, Fusco, Mincione, Crudo, Filogamo (18' Quattrocchi di seguito al 75' Volpicelli), Brignola e Pinto. In panchina con il tecnico Giovanni Ignoffo: Martone, Cesarano, Caiazza, Maisto, Saccone, Sorgente, Ronga, Casaburi e Lama.

Direttore di gara: Sig. Fabio Natilla di Molfetta con i Brindisini Pierluigi Mazzei e Gianluigi Di Stefano.

 

Spettacolare la partita tra Avellino e Benevento e non soltanto per le sette marcature. Qualche brutto siparietto al di fuori del rettangolo di giuoco ha lascia tanto sconcerto soprattutto perché ancora non si è capito che i settori giovanili hanno il compito più gravoso di plasmare quelli che poi un domani dovrebbero essere dei “professionisti” dello sport calcio. Per fortuna a fine gara sono stati i protagonisti della gara a placare i genitori un tantino esagitati. Parte bene l’Avellino che nei primi quindici minuti colleziona ben quattro occasioni da rete tutte sprecate in malo modo dai propri attaccanti. Brutto episodio al 16’ quando per un fortuito contatto, l’attaccante Filogamo del Benevento, per infortunio, è costretto a lasciare il posto a Quattrocchi. Dal 20’ al 22’ l’Avellino concretizza quello non fatto prima e con una doppietta di Arciello si porta sul doppio vantaggio. Il Benevento appare tramortito e solo una funambolica azione di Brignola al 30’ desta i giallorossi che per tutto il primo tempo vengono messi sotto dall’Avellino. Più convinta la ripresa per i Sanniti. Al 13’ del secondo tempo sale in cattedra l’ex Interista Alessio Donnarumma che, con una micidiale progressione sulla sinistra, supera tutti i suoi avversari e serve su un piatto d’argento il goal del pari a Brignola: due a due! Ma la gara non finisce qui. Al 71’ Benevento in vantaggio con un tiro dalla distanza del n. 8 Crudo. L’Avellino non ci stà e crea altre occasioni che però mancano di precisione. La più clamorosa chance sui piedi del classe ’98 Crisci che a due metri ed a porta sguarnita manda alto sulla traversa. Il pari dell’Avellino però arriva su penalty al 77’ quando Dragone manda Cioce a destra e pallone a sinistra. La gara scende di intensità e quando sembra avviarsi sul pari finale ancora una volta, esattamente all’ottantaseesimo, Donnarumma parte dalle retrovie e dopo aver resistito anche a qualche placcagio, serve in diagonale Pinto che ottimamente inrocia per il definitivo risultato finale di Avellino 3 – Benevento 4.

In questa sfida  tutta Campana è proprio il caso di dire: “ Dimmi chi centrocampista hai, ti dirò che squadra sei!” Ed oggi il Benevento tra i suoi centrocampisti aveva Alessio Donnarumma che in due formidabili accelerazioni liquida tutti gli Avellinesi e manda in rete, prima Brignola per il due a uno e poi sul finire Pinto per il definitivo tre a quattro. A fine gara per Lui anche la convocazione in prima squadra che il Benevento di mister Baroni disputerà con l’Ascoli.