Log in

 

Torneo delle Regioni, presentato a Bari il 56^ torneo di Calcio a 5

Torneo delle Regioni, presentato a Bari il 56^ torneo di Calcio a 5

In Puglia dal 25 aprile al 1 maggio

È stata presentata questa mattina, in una conferenza stampa tenutasi presso la Sala Giunta del Comune di Bari, la 56^ edizione del Torneo delle Regioni di Calcio a Cinque. La massima competizione di calcio giovanile organizzata dalla Lega Nazionale Dilettanti in collaborazione con il Comitato Regionale Puglia LND è patrocinata da Regione Puglia, Agenzia Regionale del Turismo Pugliapromozione, Assessorato allo Sport del Comune di Bari, ANCI Puglia e Istituto per il Credito Sportivo. La manifestazione avrà luogo nei comuni pugliesi dal 25 aprile al 1° maggio 2017. Nelle finali del PalaFlorio si contenderanno il titolo nazionale di categoria le Rappresentative regionali Juniores Maschile, Femminile, Allievi e Giovanissimi.

L'evento di punta della Lega Nazionale Dilettanti è stato presentato da Vito Tisci, Presidente del Comitato Regionale Puglia LND; assieme ad Angelo Giliberto, numero uno del Coni Puglia; e agli assessori allo Sport di Regione Puglia e Comune di Bari, Raffaele Piemontese e Pietro Petruzzelli. «Il TDR - ha spiegato Tisci - mancava in Puglia da 28 anni. Per una settimana intera, la Puglia sarà capitale del futsal italiano. Devo ringraziare la Lega Nazionale Dilettanti per aver assegnato l'organizzazione di questo torneo al Comitato Regionale che rappresento. La 56^ edizione avrà una valenza sportiva ma anche turistica, attraverso un'operazione di co-branding che ha unito il logo di Pugliapromozione a quello del Torneo delle Regioni. Devo dunque ringraziare per il patrocinio l'assessore al Turismo della Regione Puglia, Loredana Capone. Con lo scopo di promuovere i prodotti tipici della nostra terra, al termine di ogni gara sarà organizzato un Terzo Tempo dedicato a calciatori e dirigenti. Ringrazio anche gli altri partner istituzionali che hanno permesso l'organizzazione di questa manifestazione nazionale: Regione Puglia, Comune di Bari, ANCI Puglia e Istituto per il Credito Sportivo».

Eccezionali i numeri della 56^ edizione, che coinvolgerà oltre 1.500 persone tra atleti, tecnici, accompagnatori e dirigenti, in rappresentanza di tutte le regioni d'Italia; 71 squadre impegnate nelle 120 gare da disputare nei 12 comuni della provincia di Bari; 4 strutture alberghiere per ospitare delegazioni regionali, presidenti e addetti ai lavori. A partire dai quarti di finale, le partite saranno trasmesse in diretta streaming sul canale Facebook della LND e su GoStreaming.it. Ampio spazio sarà dato alla comunicazione, con approfondimenti in diretta sulle piattaforme web lnd.it e torneodelleregioni.lnd.it. La Gazzetta del Mezzogiorno realizzerà un inserto speciale di quattro pagine interamente dedicato al torneo.

Soddisfatto anche Angelo Giliberto, Presidente del Coni Puglia: «Sono felice di verificare questa proficua collaborazione fra gli enti pubblici e sportivi, si tratta di una sinergia che può essere davvero proficua per la nostra regione. Sport, turismo e spettacolo possono coesistere. Il Torneo delle Regioni? È possibile anche grazie all'impiantistica d'avanguardia, il nostro fiore all'occhiello».

Numerose anche le iniziative collaterali organizzate dal C.R. Puglia LND. Si parte dalla cerimonia di inaugurazione in programma a Bari il 24 aprile. Alle 18.30 tutte le Rappresentative regionali in gara sfileranno da Piazza del Ferrarese fino a Piazza Mercantile, seguendo un percorso che si snoda attraverso il Fan Village LND fino ad arrivare al palco dal quale le autorità sportive e politiche daranno ufficialmente il via alla manifestazione sulle note dell'inno nazionale.

«Affronteremo questo prestigioso appuntamento - ha dichiarato l'assessore allo Sport del Comune di Bari, Pietro Petruzzelli - con grande entusiasmo. Stiamo promuovendo la Terra di Bari e l'intero territorio pugliese attraverso un torneo nazionale che rientra a pieno titolo nella strategia complessiva sul turismo sportivo, portando in città manifestazioni competitive e non. Lo dimostra il modo in cui è stata organizzata questa iniziativa, finalizzata a promuovere lo sport, le bellezze naturali e le peculiarità della Puglia, come il cibo».

Antenna Sud, media partner del TDR, riprenderà in diretta televisiva i momenti salienti delle numerose iniziative previste a margine della parte agonistica, come il Cooking Show a cura di NIC (Nazionale Italiana Cuochi) e FIPGC (Federazione Italiana Pasticceria Gelateria Cioccolateria) in programma nella giornata di riposo del 28 aprile. In questa occasione, le Rappresentative regionali si sfideranno ai fornelli simulando la preparazione di un menù pre-gara, stabilito sulla base delle indicazioni fornite dalla FMSI Puglia. Federazione Medico Sportivo Italiana con la quale, nella persona del Presidente regionale Domenico Accettura, il C.R. Puglia LND ha raggiunto un accordo che permetterà a tutti gli impianti coinvolti di avere un medico accreditato ed un'ambulanza a disposizione durante lo svolgimento delle gare.

«L'Amministrazione regionale presieduta da Michele Emiliano ha puntato sullo sport come fattore della "buona vita" - ha spiegato l'assessore regionale allo Sport per Tutti, Raffaele Piemontese - perciò, per noi, alla pur importante realtà che catalizza energie e passioni di tesserati e praticanti, questo fenomeno popolare si trasforma nel migliore alleato di quella più diffusa operazione che ci spinge a integrare le politiche dello sport con quelle della salute, del welfare, del turismo, dell'ambiente, della mobilità sostenibile e della rigenerazione urbana. Ci siamo impegnati a costruire le condizioni per moltiplicare il valore del Torneo delle Regioni, allungandone gli effetti ben oltre il 1° maggio, in modo che la Puglia entri nell'immaginario di ciascuno dei nostri ospiti e, da questi, in quello dei loro amici e familiari».

Il 25 aprile è in calendario la prima giornata della fase eliminatoria, alla quale parteciperanno tutte le Rappresentative regionali in gara. La fase a gironi terminerà il 27 aprile, giornata in cui saranno decretate le squadre qualificate al turno successivo. Il giorno successivo le attività agonistiche osserveranno un turno di riposo, ma la macchina organizzativa del torneo non si fermerà. La programmazione agonistica riprenderà il 29 aprile con i quarti di finale, fino all'atto conclusivo del TDR che celebrerà i quattro campioni italiani nella prestigiosa location del PalaFlorio di Bari, il più importante impianto sportivo indoor della Puglia.

Gli ingredienti per un'edizione irripetibile, da consegnare alla storia, ci sono tutti. Adesso la parola passa al campo, per una 56^ edizione del TDR di Calcio a Cinque che si preannuncia avvincente, da vivere tutta d'un fiato a cominciare dalla prossima settimana.

  • Pubblicato in Tornei

Sicily Football Cup: conclusa la prima edizione, il punto

Si è conclusa la prima edizione del Sicily Football Cup, torneo giovanile che dal 13 al 16 aprile ha riscosso consensi nei comuni di Capo D' Orlando, Brolo, Piraino e Rocca di Capri Leone.

Importanti i numeri che possono esplicitare la grandezza dell'evento internazionale: 36 società partecipanti, 70 squadre iscritte ai nastri di partenza, ben 190 le gare complessive disputate in 7 impianti sportivi della provincia di Messina, tutti con manto in erba sintetica.

Un successo acuito, oltre che dei numeri, anche dalla portata trasversale del torneo. La macchina organizzativa ha prodotto, infatti, benefici nel turismo attraverso il soggiorno di oltre 3000 persone provenienti da ben 7 regioni italiane diverse (Sicilia, Calabria, Puglia, Campania, Sardegna, Veneto e Trentino Alto Adige), evidenziando l'amore verso il calcio in maniera totale, dal Nord al Sud alle quali si aggiungono 2 nazioni estere quali Malta (con Valletta e Sirens) e Romania (Juniorul Bucarest con due squadre).

Successo ai tempi supplementari del C.S.P.R. 94 di Caulonia (RC) sul Ciccio Galeoto di Palermo per 3-1 nella categoria Allievi che registra il Cosenza nel gradino più basso del podio davanti a Panormus, Crotone e Juniorul Bucarest; premio come miglior calciatore per Antonio Galeoto.

Double del Sudtirol che trionfa con Giovanissimi (davanti a Crotone, Cagliari e F24 Messina) ed Esordienti (battuto in finale il Calcio Sicilia, Padova, Palermo, Juniorul Bucarest e Salernitana che completano le prime 6 posizioni finali). Doppio premio per il Sudtirol anche per i migliori atleti della categoria Under 15 (Alessandro Bertuolo) e Under 13 (Kifle Gambato). Premiata anche la 2004 Jenny Requirez della Polisportiva Calcio Sicilia come miglior calciatrice del torneo.

Affascinante la competizione che ha riguardato la categoria Pulcini, vinta dai rosa-nero del Palermo nel derby siciliano contro i cugini rosso-azzurri del Calcio Catania che avevano eliminato le altre due semifinaliste ovvero Fair Play Comiso e Tricase.

Nella categoria Primi Calci successo del Calcio Sicilia sui cugini palermitani del Buon Pastore mentre un altro derby, questa volta catanese, è andato di scena nella finalina vinta dalla Rinascita San Giorgio sulla Katane Soccer.

Grande successo per il “Trofeo Social”, innovativa competizione che premia la società che ottiene più likes sul proprio logo nella pagina facebook Tornei Giovanili Sicilia durante lo svolgimento del torneo: trionfo in rimonta per il Calcio Sicilia con 687 mi piace, secondi i maltesi del Valletta F.C. con 609.

Soddisfatti gli organizzatori dell'evento Davide Cicero e Francesco Casicci: " la soddisfazione e il divertimento di tutti i partecipanti hanno ripagato pienamente i tanti sacrifici e l'impegno quotidiano profuso nel corso degli ultimi mesi per ideare, organizzare e gestire la Sicily Football Cup. Siamo fieri – continuano Davide Cicero e Francesco Casicci - di aver portato per 4 giorni nella splendida costa orlandina più di 3000 persone tra atleti, dirigenti, tecnici, genitori, osservatori e simpatizzanti, promuovendo le bellezze paesaggistiche, storiche, gastronomiche e artistiche della nostra amata Sicilia.

La presenza di 10 squadre professionistiche tra cui Cagliari, Palermo, Crotone, Sudtirol e Padova ha dato un tocco prestigioso all’evento; lavoreremo per far crescere ulteriormente questo torneo che al suo primo anno è già diventato uno dei più grandi di tutto il sud Italia.

Un ringraziamento speciale va ad Antonio Magistro, alle Amministrazioni Comunali coinvolte e a tutti coloro che hanno reso indimenticabili questi giorni prendendo parte alla prima edizione del torneo pronto ad essere replicato nelle festività pasquali del 2018”.

  • Pubblicato in Tornei

ECCO LA VERONA SOCCER CUP – TROFEO BERTI

Giovedì 20 aprile la presentazione ufficiale del 28^Torneo Internazionale di Calcio

dedicato alla categoria allievi nazionali presso la Sala Arazzi di Palazzo Barbieri del Comune di Verona alla presenza delle autorità civili, enti patrocinanti e della stampa

 

VERONA - Si rifà il look il più importante torneo internazionale giovanile di calcio veronese dedicato alla categoria allievi nazionali (2001) che si svolgerà da venerdì 28 aprile a lunedì 1° maggio in ben 8 campi differenti, distribuiti in 8 comuni diversi della provincia di Verona e di Vicenza.

 

Ecco la nuova Soccer Cup, nuovo nel nome ma non nella sostanza della prestigiosa manifestazione. L’edizione numero 28 del torneo che per tanti anni è sempre stato associato alla Città di San Bonifacio, sia per motivi organizzativi che economici sappiamo tutti, quest’anno si apre a tutta la provincia di Verona in collaborazione con l’Asd Montorio e la finale a Caldiero base su cui l’Ac Sambonifacese ha trovato di nuovo casa. Si perché la prima novità riguarderà proprio la collaborazione dell’Asd Montorio nella struttura organizzativa del torneo, con i direttori d’orchestra Ettore Paolini e Roberto Zantedeschi a ufficializzare il nuovo main sponsor che quest’anno sarà Macchine Agricole – Berti, da cui prende il nome il trofeo. 

 

Il Trofeo Berti verrà assegnato proprio allo stadio “Berti” di Caldiero lunedì 1° maggio alle ore 16. Il torneo vede anche il patrocinio della Provincia di Verona, del Comune di Verona, il Comune di Grezzana, il Settore Giovanile Scolastico, AGSM, AMIA di Verona e l'Avis di San Bonifacio.

 

DUE GIRONI, 8 REGINE – Spagna, Inghilterra, Brasile e Italia. Non è solo il rimando ad una possibile semifinale mondiale, ma sono i paesi che vengono rappresentati al torneo qualitativamente sempre rimasto all’altezza delle precedenti edizioni nonostante i gironi siano rimasti 2. E per capire il peso specifico del ricco torneo, che ogni anno sa sfornare talenti grezzi capaci qualche anno dopo di fare le fortune di molti club italiani e stranieri, basta rileggere i nomi di tutti i campioni passati da Verona negli anni.

 

Le squadre 2017:

Girone A: Real Madrid, Juventus, Hellas Verona, Bassano Virtus

Girone B: Arsenal, Flamengo, Atalanta, Chievo

  • Pubblicato in Tornei

FIUGGI CUP 2017, PAROLA AL PRESIDENTE BRUNI: "ORGOGLIOSO DI QUANTO ABBIAMO FATTO"

FIUGGI CUP 2017, PAROLA AL PRESIDENTE BRUNI: "ORGOGLIOSO DI QUANTO ABBIAMO FATTO"

Un successo senza precedenti quello del Fiuggi Cup 2017. Ad un giorno dalla fine del Torneo, l’entusiasmo è palpabile sia in casa FC Fiuggi che in casa Vigor Perconti. Le due società fresche di affiliazione portano a casa un risultato importante, dopo tre intense giornate di calcio a trecentosessanta gradi. Naturalmente non può che essere soddisfatto Roberto Bruni, che intervistato per commentare quanto si è visto nel week end di Pasqua in quel di Fiuggi si è mostrato raggiante e pieno di idee per l’imminente futuro. Ecco cosa ha dichiarato il presidente del club biancorosso, cui va il merito di aver creduto, messo in piedi la macchina organizzativa e portato avanti un progetto poi rivelatosi vincente.

Presidente Roberto Bruni, dopo la fine del Torneo Fiuggi Cup sono arrivati tutti commenti positivi. Siete soddisfatti del risultato ottenuto e quanto è gratificante vedere il lavoro di tanti mesi ripagato da un così alto gradimento?

Siamo estremamente soddisfatti. Partiamo dal presupposto che dopo la fondazione dell’FC Fiuggi il Torneo era già nel programma annuale della società. Abbiamo lavorato per step, prima con l’avvio di una Scuola Calcio di livello, poi con l’affiliazione alla Vigor Perconti e infine con il Torneo. E’ stato un lavoro meticoloso durato oltre sette mesi, per cui siamo arrivati alla cerimonia di inaugurazione consapevoli dei sacrifici fatti e soprattutto con la voglia di non sbagliare nulla. Abbiamo cercato di dimostrare, io e tutto il mio staff, la nostra professionalità curando ogni dettaglio: dall’accoglienza dei giocatori, alla cura dei campi e degli spogliatoi, senza dimenticare niente. Nei quattro giorni del Fiuggi Cup ho ricevuto costantemente telefonate di apprezzamento, dalla sfilata di apertura e la successiva riunione con i responsabili tecnici alla finale sono arrivati solo complimenti. Per me e per l’FC Fiuggi questo è un motivo di grande orgoglio. Tanti allenatori, dirigenti e genitori hanno sottolineato come il Torneo sembrasse avviato da anni, segno che non si è sbagliato quasi nulla. I numeri da capogiro, a livello mediatico, in termini di audience, visualizzazioni, condivisioni e commenti ci fanno capire l’importanza del lavoro svolto e come sia stato seguito e osservato. E’ un’emozione indescrivibile.

Per quanto riguarda il livello tecnico, a suo avviso il Torneo è stato di qualità? Le squadre che avete invitato e che hanno dato vita alle partite si sono rivelate all’altezza delle vostre attese?

Credo che il livello tecnico sia stato alto sotto tutti i punti di vista. Lo dimostra il fatto che molte partite si sono decise ai rigori, segno della forza e della qualità delle squadre. Abbiamo chiamato società con squadre di Giovanissimi 2003 importanti e competitive nei loro campionati. Nessuna compagine è stata superiore alle altre, ho visto tanto equilibrio ed è segno di un Torneo livellato verso l’alto. Le partite sono state intense, c’è stata molta fatica per il quoziente di difficoltà dei match. Lo abbiamo fatto appositamente, costruendo un giusto mix di professionisti e semi-professionisti per dare spazio a tutti. Ma il prossimo anno le squadre saranno più di otto...

Durante la cerimonia di presentazione la città di Fiuggi ha risposto con grande accoglienza. Dal palco si è detto dell’importanza di questo Torneo, sia per la vetrina nazionale che indubbiamente ha portato, sia per il flusso turistico richiamato. Come ha risposto, a suo avviso, la città?

Fiuggi ha iniziato un percorso per tornare ad essere la città dello sport e per questo va riconosciuto il lavoro di chi ha intrapreso questa strada. Grazie alle scelte di persone competenti nell’ambito sportivo e sociale, il nostro centro può ambire ad essere la capitale dello sport. Consentitemi tuttavia di ringraziare pubblicamente e personalmente tutta la città di Fiuggi. Ricevere i complimenti dai genitori, dai tecnici, dai dirigenti e dai giocatori per l’ospitalità, la cordialità e l’educazione è un’enorme soddisfazione e ne vado orgoglioso. Tutti si sono resi disponibili. Il mio ringraziamento, e spero di non dimenticare nessuno, va a tutti: attività commerciali, albergatori, ristoratori, i titolari e il personale degli alberghi in cui hanno alloggiato gli ospiti durante i quattro giorni. C’è stato un lavoro impressionante sotto tutti i punti di vista e va dato merito alla città di aver risposto alla grande.

Si può affermare che questo Torneo e il successo ottenuto sono i primi risultati dell’affiliazione con la Vigor Perconti?

Assolutamente sì. Con la Vigor lavoriamo ogni giorno, l’FC Fiuggi è a stretto contatto con il club romano. Il supporto tecnico e organizzativo della Vigor è stato impagabile, ma soprattutto mi rende lusingato perchè dimostra come la società ci tenga a questa affiliazione. Ringrazio, e non finirò mai di farlo, la Vigor Perconti per aver creduto in me, in questa città e in questo progetto. Grazie anche al presidente Maurizio Perconti, sono fiero di collaborare con lui. La riuscita di questo Torneo la si deve a tante persone. L’intervista la rilascio come presidente, ma Roberto Bruni deve ringraziare in primo luogo il Comune di Fiuggi, i Vigili Urbani del Comando di Fiuggi che hanno svolto un lavoro straordinario, i responsabili degli impianti sportivi di Fiuggi, Piglio e Alatri, e tutti i ragazzi-tutor che hanno lavorato con passione e determinazione seguendo le squadre loro assegnate. La cosa che mi ha toccato moltissimo è la commozione negli occhi dei miei collaboratori nel pranzo di Pasquetta a fine Torneo, erano tutti soddisfatti di aver vissuto questa bella esperienza. Posso anche essere il presidente, ma i complimenti vanno a tutti i collaboratori che in un modo o nell’altro hanno contribuito alla causa e già oggi erano in campo e al lavoro per riprendere la normale attività. Un ringraziamento lo voglio fare anche a Raffaele Minichino e Filippo Minichino, che hanno creduto in questo progetto e ci hanno sostenuto, così come Paolo Lori.

Prima del Torneo in un’intervista ci aveva rivelato di avere in serbo altre novità: può svelarci qualcosa riguardo i progetti futuri?

Durante il Torneo abbiamo incontrato due nuovi tecnici che faranno parte dell’FC Fiuggi il prossimo anno, presto ufficializzeremo i nomi. Volfango Patarca ha seguito e presenziato tutte le partite continuando il lavoro che svolge ormai da due mesi. Stiamo lavorando per far sì che il Settore Agonistico, con Giovanissimi e Allievi, possa puntare subito alla vittoria di un titolo. Lo stesso Volfango Patarca sta lavorando ai raduni che verranno organizzati a Fiuggi e Piglio: l’intento è quello di fare dei campus sportivi all’avanguardia per creare delle rose competitive. Ma non finisce qui, nelle prossime settimane daremo notizie più precise.

Intanto, per il Torneo Fiuggi Cup, è un arrivederci al prossimo anno visto il successo?

Certo che sì. E il Fiuggi Cup 2018 sarà ancora più sorprendente. Da questa edizione sono già nate delle idee da mettere in campo per il futuro...

Ufficio Stampa Torneo Fiuggi Cup 2017

 

  • Pubblicato in Tornei