Log in

 

Al via la Tailorsan Cup

Si disputerà da 23 al 25 giugno, allo Sporting Center di Monte Compatri, la prima edizione della Tailorsan Cup, torneo di calcio femminile dedicato alle ragazze Under 14 che vede ai nastri di partenza, Roma, Juventus, Inter, Atalanta, Bari, Frosinone, Verona e la formazione ungherese dell’Eto Fc Gyor.
Organizzata dall’Academy Fc, la Tailorsan Cup fa parte di Briswa, un progetto finanziato dalla comunità europea che affronta il problema della discriminazione nello sport, non solo di razza ma anche di genere, e vuole essere un punto di riferimento per il movimento del calcio femminile, che rispetto a quello maschile è visto ancora con occhi diversi dalla maggior parte del pubblico e degli addetti ai lavori. “Dopo quattro anni di grande successo dell’edizione maschile del torneo Giuseppe Augello - le parole di Camillo Carlini, organizzatore della manifestazione e promotore del progetto Briswa - abbiamo deciso che era arrivato il momento di fare qualcosa anche in ambito femminile”. Determinante l’incontro con Loris Talone, amministratore di Tailorsan, azienda che opera nel settore dell’ecologia. “Non è una scelta casuale - le sue parole - quella di aver legato il nostro nome al torneo femminile. Tra i nostri valori c’è ovviamente la parità di genere, e troppo spesso il calcio femminile è oggetto di discriminazione. Riteniamo sia un nostro dovere accompagnare i giovani nella loro crescita, e manifestazioni come questa sono la strada migliore”.

PROGRAMMA PRIMA GIORNATA (23 Giugno)
Ore 15.30 Inter - Verona
Ore 16.30 Juventus - Bari
Ore 17.30 Atalanta - Frosinone
Ore 18.30 Eto Fc Gyor - Roma

PROGRAMMA SECONDA GIORNATA (24 Giugno)
Ore 9.00 Verona - Frosinone
Ore 10.00 Bari - Roma
Ore 11.00 Inter - Atalanta
Ore 12.00 Juventus - Eto Fc Gyor
Ore 15.30 Verona - Atalanta
Ore 16.30 Eto Fc Gyor - Bari
Ore 17.30 Frosinone - Inter
Ore 18.30 Roma - Juventus

  • Pubblicato in Tornei

Il Cagliari vince il "Challenge Claude Papi"

Il Cagliari vince il "Challenge Claude Papi"
Risultato di prestigio per il Cagliari Under 13 guidato da Marco Lantieri che ha conquistato il Torneo Internazionale Under 13 "Challenge Claude Papi" disputato a Porto Vecchio nel fine settimana.
I rossoblù, dopo aver superato il girone D di qualificazione affrontando Monaco, Bastia, Bonifacio e Sartene, hanno avuto la meglio su GFC Ajaccio negli ottavi, West Ham nei quarti per 2 a 1, Bordeaux in semifinale per 2 a 1 e Servette in finale sempre 2 a 1.
Questi gli atleti a disposizione di Mister Marco Lantieri e del Preparatore Motorio Giuseppe Allegra: Pileri, Porcu, Caddeo Alex, Laconi, Magro, Pilleri, Murtas, Murru, Piras Marcello, Masala, Perra, Mura.

  • Pubblicato in Tornei

TROFEO DOSSENA, CREMONESE CAMPIONE! Grigiorossi vincenti di rigore

TROFEO DOSSENA, CREMONESE CAMPIONE! Grigiorossi vincenti di rigore

I ragazzi di mister Gatti superano per 2-1 l'Atalanta: il vantaggio di Viola del primo tempo è pareggiato da Zambataro in avvio di ripresa. Nella ripresa penalty per la Cremo: entra Sonzogni per batterlo e non sbaglia

41° TROFEO DOSSENA

Stadio "Voltini" - Crema (CR)

Sabato 17 giugno 2017 - Ore 21.00

*** CREMONESE CAMPIONE ***


LA FINALISSIMA

CREMONESE - ATALANTA 2 - 1
35' pt Viola (C), 2' st Zambataro (A), 19' st Sonzogni rig. (C)

CREMONESE: Rossi, Tura, Alghisi (17' st Vezzoni), Lame, Amadio, Bertolotti, Peri, Guindani (14' st Bignami), Myrteza (33' st Poledri), Cesari, Viola (23' st Sonzogni).
A disposizione: Garletti, Spagnoli, Bingo.
Allenatore: Sig. Giorgio M. Gatti

ATALANTA: Vidovsek, Del Prato, Zanoni (24' st Zortea), Pagliari (8' st Ogliari), Marchetti, Alari, Zambataro, Mallamo, Mazzocchi, Colpani (36' st Piccoli), Migliorelli (1' st Eleuteri)
A disposizione: Taliento, Guth, Ricci.
Allenatore: Sig. Valter Bonacina

Crema (CR)


CREMONESE CAMPIONE!

I grigiorossi si laureano campioni, conquistando il primo posto del 41° Trofeo "Dossena".
Solo due anni dopo l'ultimo trionfo, la Cremonese torna ad alzare l'ambito trofeo, puntando su una squadra ricca di talenti nostrani.
Che emozione!

Bellissima partita al Voltini, dove scendono in campo due ottime squadre.
La prima fase del primo tempo è bloccata, ma dopo un evidente forcing nerazzurro, il gol di Viola spezza l'equilibrio allo scadere del primo tempo.
In avvio di ripresa Zambataro trova l'immediato 1-1, ma la Dea non riesce più a incidere come nella prima frazione.
Con il passare dei minuti cresce invece la Cremonese: Guindani si procura un penalty a metà ripresa e arriva un colpo di scena.
Mister Gatti fa entrare dalla panchina Sonzogni apposta per calciare il rigore.
Il classe '98 non tradisce emozione, da centrocampo corre verso il dischetto e trasforma all'incrocio il penalty del 2-1 che vale la vittoria.
Nel finale è forcing nerazzurro, ma brilla il portiere grigiorosso Rossi: la Cremonese è campione!

Si chiude il sipario su un Trofeo "Dossena" davvero entusiasmante: dopo un'incredibile fase a gironi, due semifinali di livello e una finalissima che ha confermato il livello dei giovani dei vivai di Cremonese e Atalanta, ma soprattutto il crescente spessore tecnico del torneo.

L'appuntamento è quindi per l'anno prossimo: viva il "Dossena"!


I PREMI INDIVIDUALI

Miglior Giocatore del Torneo: Luca Viola (Cremonese)
Capocannoniere del Torneo: Mattia Palma (Sassuolo)
Miglior Portiere del Torneo: Andrea Rossi (Cremonese)

Miglior Giocatore della Finalissima: Malik Lame (Cremonese)
Premio "Fair Play" della Finalissima: Tommaso Ogliari (Atalanta)
Giocatore più giovane della Finalissima: Roberto Piccoli (Atalanta)
Giocatore meno giovane della Finalissima: Federico Tura (Cremonese)


LA CRONACA

In campo titolari tre ragazzi del Cremasco!
Myrteza, di Crema Nuova, e Bertolotti, di Capergnanica, con la maglia della Cremonese; Zanoni, di Agnadello, con la maglia dell'Atalanta.
Pronti a subentrare in campo il nerazzurro Ogliari, di Trescore, e Sonzogni, di Sergnano.
Che emozione!

Fino a metà frazione, regna sempre l'equilibrio: si gioca a ritmi blandi, con entrambe le squadre che si affidano solo a guizzi estemporanei, ma non si scoprono e non riescono ad arrivare a conclusioni nitide.

È l'Atalanta a farsi preferire complessivamente nella prima mezz'ora: pur senza occasioni pericolose, i bergamaschi sfondano spesso sulla corsia di destra con Del Prato e Zambataro, che con il tacco apre una bella triangolazione con Colpani, senza però ricevere il pallone di ritorno dal numero 10 nerazzurro.

La Cremonese si difende con ordine e resiste, piazzando un colpo pesantissimo nel finale di frazione: da una palla recuperata sulla trequarti, nasce l'1-0 grigiorosso.
Guindani serve capitan Peri sull'inserimento in area, traiettoria tesa verso il secondo palo dove Viola insacca in rete con il destro in spaccata.
Dopo diverse chances nerazzurre, il vantaggio della Cremonese fa sbandare l'Atalanta, che rischia grosso in altre due circostanze nell'arco di due minuti.

Si rientra negli spogliatoi sull'1-0 Cremonese, ma il vantaggio dura giusto il tempo dell'intervallo.

In avvio di ripresa i nerazzurri pareggiano subito i conti: bella sventagliata da destra a sinistra di Del Prato verso Zambataro.
Il numero sette nerazzurro approfitta del mancato intervento della difesa, controlla e insacca di giustezza l'immediato 1-1 nel secondo tempo.
Che lampo!

Atalanta nuovamente pericolosa con le discese e il pressing di Zambataro, ma il portiere Ricci della Cremonese lo driblla con suola-e-controsuola nell'area di porta: grande rischio, ma grande giocata!
La Cremonese spinge con Amadio: gran blitz a centrocampo, ma la conclusione di Guindani è solo potente, non angolata.

La ripresa si conferma molto più vivace e frizzante: ancora molto pericolosa l'Atalanta, con Mazzocchi che mette una gran palla dentro per Colpani, che prova la deviazione con la punta di sinistro, ma l'uscita di Ricci gli chiude lo specchio e sventa una vera occasionissima.

La Cremonese beneficia quindi di un penalty al 17' della ripresa: grande azione di Amadio (tra i migliori della Cremo) e scarica su Guindani, atterrato in area.
Il Sig. Peletti di Crema indica il dischetto, ma arriva un colpo di scena: mister Gatti fa entrare il sergnanese Sonzogni per battere il calcio di rigore.
Nessuna emozione tradita dal classe '98 dal dischetto e palla dritta all'incrocio dei pali per il 2-1 grigiorosso.
Trasformazione superlativa!

Reazione immediata e veemente dell'Atalanta: gran tiro di Colpani, che centra la traversa con una super conclusione. Che bordata!
Capovolgimento di fronte e subito occasionissima per la Cremo: il tiro di Myrteza sembra destinato al gol, ma è rimpallato da un difensore.

L'Atalanta nel finale spinge alla ricerca del pareggio: bell'assist di Mazzocchi per Del Prato, che arriva al tiro da dentro l'area, provando il piazzato sul secondo palo, ma il portiere grigiorosso Rossi blocca.

Il forcing nerazzurro prosegue senza sosta e l'Atalanta ha un'occasione pazzesca al 40': lancio illuminante di Zambataro per Marchetti, che entra in area, salta Rossi in uscita con un gran controllo anziché calciare (movimento in orizzontale rispetto alla porta) e viene fermato dal recupero in extremis di un difensore grigiorosso.
Che occasione!

Ancora un'opportunità per parte, ma non così nitida: al triplice fischio dell'arbitro il punteggio è di 2-1.

  • Pubblicato in Tornei

Trofeo Dossena, semifinali da brivido! Cremonese-Sassuolo e Atalanta-Milan

Trofeo Dossena, semifinali da brivido! Cremonese-Sassuolo e Atalanta-Milan

Venerdì 16 giugno in programma due gare spettacolari al Voltini: fischio d'inizio alle ore 20.00 e 22.00

41° TROFEO "DOSSENA"

LE SEMIFINALI

Venerdì 16 giugno 2017
Stadio "Voltini" - Crema (CR)

Ore 20.00
CREMONESE - SASSUOLO

Ore 22.00
ATALANTA - MILAN


Se la Fase a Gironi è stata solo l'inizio... Ne vedremo delle belle!

Tutto pronto per le semifinali del 41° Trofeo "Dossena", in programma allo Stadio "Voltini" a Crema: quella di venerdì 16 giugno sarà una fantastica serata di calcio, con due gare da vivere fino all'ultimo respiro.

Alle ore 20.00 scenderanno in campo Cremonese e Sassuolo: si preannuncia una vera sfida tra bomber, con il grigiorosso Viola e il neroverde Palma pronti a contendersi a suon di gol l'accesso alla finalissima e magari anche il titolo di Capocannoniere del torneo.

Alle ore 22.00 toccherà invece ad Atalanta e Milan: i bergamaschi sono reduci da una grande impresa, trascinati dal talento di Barrow, mentre i rossoneri si affideranno alla qualità di Forte e compagni per provare a giocarsi nuovamente il titolo.

Mai come quest'anno la qualificazione alle semifinali è stata incerta fino all'ultimo respiro, segnale dell'importanza che le squadre danno al "Dossena".

Il Girone A, infatti, si era concluso con un'incredibile volata: al termine della fase a gironi Cremonese, Milan, Cagliari e Koper hanno chiuse tutte quante a 4 punti, con una vittoria, un pareggio e una sconfitta a testa.
Una circostanza incredibile: un vero caso di scuola, entrato di diritto negli annali del torneo!
I criteri della classifica hanno premiato Cremonese (miglior differenza reti) e Milan (maggior numero di gol fatti tra le altre tre con stessa diff.reti).

Il Girone B, invece, si era deciso al fotofinish: i gol che decidono la qualificazione sono arrivati entrambi nei minuti di recupero!
L'Atalanta si è resa protagonista di un'impresa stoica: in dieci contro undici per tutta la ripresa, i bergamaschi hanno trovato la rete della vittoria contro il Goteborg al 4' di recupero!
Senza precedenti, anche l'epilogo tra Inter e Sassuolo: i nerazzurri sono in vantaggio per due reti e sprecano il tris, ma allo scadere incassano il gol del 2-1, rete che sarà decisiva ai fini della qualificazione.
Inter e Sassuolo chiudono entrambe a quota 4 punti (e differenza reti +0), ma nonostante la vittoria interista, sono i neroverdi a volare in semifinale in virtù del maggior numero di gol fatti.

Un Dossena così, non l'avevamo mai visto!

Reduci dalle emozioni della terza giornata della fase a gironi, siamo certi che i colpi di scena non mancheranno nemmeno nelle semifinali!

Appuntamento al "Voltini": venerdì 16 giugno dalle ore 20.00, tutti alla Scala del Calcio Cremasco!

  • Pubblicato in Tornei

Trofeo Dossena, i risultati della 3a giornata

Trofeo Dossena, i risultati della 3a giornata

Gol al fotofinish: grandi Dea e Sassuolo! Cremo e Milan passano in volata

Incredibile ultimo turno: nel Girone A quattro squadre appaiate a quota 4 punti, ma la classifica premia grigiorossi e rossoneri. Nel Girone B la qualificazione si decide con due gol nel recupero

Mercoledì 14 giugno 2017

3^ GIORNATA - Fase a Gironi

Una notte da lupi al Dossena!
Sui campi del torneo pioggia, tempesta... E una raffica di emozioni!

Incredibile il finale di entrambi i gironi!

Nel Gruppo A arrivano due pareggi su entrambi i campi e tutte e quattro le squadre concludono appaiate a quota 4 punti!

Passa il Girone da prima classificata la Cremonese in virtù della miglior differenza reti (+3).
Le altre tre squadri hanno la medesima differenza reti (-1), ma il secondo posto se lo aggiudica il Milan in virtù del maggior numero di gol segnati: 6, contro i 4 di Koper e Cagliari, elminati.

Una volata che entra di diritto negli annali del Dossena!

Il Girone B invece è incredibile per il finale al fotofinish: le qualificazioni si decidono con due gol nei minuti di recupero su entrambi i campi!

L'Atalanta vince 2-3 col Caravaggio e si qualifica con una grande impresa: in inferiorità numerica per tutta la ripresa, i nerazzurri trovano all'ultimo minuto la rete che vale la vittoria e il primato del raggruppamento!

Anche tra Inter e Sassuolo si decide tutto al fotofinish: la partenza a razzo dei nerazzurri sembra un'ipoteca sul match, ma all'ultimo dei tre minuti di recupero Palma insacca il 2-1 che trasforma il ko neroverde in una dolce sconfitta.
Inter e Sassuolo chiudono entrambe a 4 punti, ma il regolamento del torneo vede premiare i seguenti criteri: differenza reti (pari, +0 per entrambe), quindi gol fatti.
I neroverdi vantano 5 reti siglate, i nerazzurri solo 3: avanza il Sassuolo, qualificato come secondo, con un clamoroso colpo di coda!

 

GIRONE A

 

MILAN - CAGLIARI 1 - 1
15' pt Gagliano (C), 22' pt Capanni (M)

MILAN: Guarnone, Negri, Cortinovis, Bellodi, Pobega, Bianchi (28' st Torchio), Torrasi, Bellanova (1' st Finessi), Vigolo (29' st Fabozzi), Capanni (1' st Forte), Brescianini (1' st Zhikov).
A disposizione: Cavaliere, Murati.
Allenatore: Sig. Stefano Nava

CAGLIARI: Bizzi, Koaudio, Pitzalis, Sarritzu, Ladinetti, Cadili, Tetteh, Porcheddu (26' st Floris Bruno), Gagliano, Mastromarino (37' st Fini), Floris Luca.
A disposizione: Cabras, Porru, Serra, Aly, Cannas.
Allenatore: Sig. Pietro Pillosu

Ammoniti: Belloni, Forte

Sergnano (CR)
Spettacolo al Comunale di Sergnano, dove le squadre giocano di fronte a oltre 500 spettatori. Che risposta del pubblico!
Botta e risposta in avvio di gara: al 15' Gagliano si fa ipnotizzare da Guarnone, che para il penalty, ma non può nulla sulla ribattuta dello stesso Gagliano per lo 0-1.
Immediata ed efficace la risposta del Milan, che porta subito al pareggio: gol fantastico di Capanni, che salta il terzino sulla sinistra e lascia partire un pregevole diagonale per l'1-1 al 22'. Goooolazo!
Dopo una sospensione causa pioggia, prima, e interruzione della corrente elettrica, poi, si riprende a giocare.
Una notte da lupi!
Nella ripresa il Milan parte forte, macinando gioco e costruendo occasioni, ma il Cagliari tiene botta e cresce nel finale.
Grande reazione dei sardi nelle ultime fasi del match: i rossoblù sfiorano il gol con due palle-gol clamorose, al 29' e sugli sviluppi da corner con Sarritzu, che conferma l'impeto rossoblù.
Al triplice fischio, però, è 1-1.

 

KOPER - CREMONESE 0 - 0

KOPER: Gasper, Opra, Matosevic, Becaj (23' pt Cavalic), Zugan, Sever, Porzl (33' st Mestric), Cvek, Tiganje, Ahmetovic, Sroler.
A disposizione: Bicic, Zitko, , Perhavec, Hrvatin, Kesorovic.
Allenatore: Sig. Iztok Kavcic

CREMONESE: Rossi, Alghisi, Forni (15' st Viola), Lame, Amadio, Spagnoli, Peri, Guindani (25' st Tura), Mahjoubi (20' st Myrteza), Cesari (33' st Buonocuore), Sonzogni (15' st Bertolotti).
A disposizione: Garletti, Vezzoni.
Allenatore: Sig. Giorgio M. Gatti

Ammoniti: Peri, Matosevic

Cremona

Partita sospesa all'8' per pioggia torrenziale: dopo un'ora di attesa, di riprende (inizia) a giocare.
Il maltempo condiziona non poco il match molto equilibrato e con poche occasioni da rete: si rientra negli spogliatoi all'intervallo sul parziale di 0-0.
Anche nella ripresa gara molto tattica: il Koper ci mette più intensità, ma la difesa grigiorossa contiene bene.

 

GIRONE B

 

INTER - SASSUOLO 2 - 1
10' pt Damo (I), 14' pt Spaviero (I), 40'+3' st Palma (S)

INTER: Bolchini, Borsetti, Sala, Nolan, Gallina, Damo, Russo, Brignoli (1' st Marini), Mutton (34' st Vai), Kerin (20' st Rada), Spaviero.
A disposizione: Dekic, Capitano, Toccafondi, Ebui.
Allenatore: Sig. Gianmario Corti

SASSUOLO: Vlas, Murro, Jospeh (1' st Bisceglia), Diaw (9' st Marchetti), Piacentini, Maffezzoli, Opoku, Di Criscito, Svidecoschi (21' st Cataldo), Cicconi (1' st Palma), Piscicelli.
A disposizione: Aiello, Ficarelli, Esposito.
Allenatore: Sig. Paolo Bianco

Ammoniti: Diaw, Brignoli

Orzinuovi (BS)
Partita da subito entusiasmante a Orzinuovi: subito pericolosissimo il Sassuolo, che al 4' colpisce un palo clamoroso con Svidercoschi, poi all'8' Piscicelli con un bel tiro a giro rasoterra costringe Bolchini a una gran parata.
Dopo le due occasioni neroverdi, però...
Bum bum Inter: due gol in meno di quindici minuti per i nerazzurri!
Al 6' l'Inter passa in vantaggio con la botta di Damo, che scaraventa in rete una punizione da posizione centrale, che sorprende il portiere neroverde Vlas.
Già al 14' i nerazzurri trovano il raddoppio: sale in cattedra il cremasco Russo, che prende palla a centrocampo, salta due avversari e serve in profondità Spaviero, bravissimo a finalizzare in rete il 2-0.
Che uno-due dell'Inter!
I nerazzurri sfiorano addirittura il tris con Mutton, fermato dalla buona parata di Vlas, poi la reazione del Sassuolo: ancora Piscicelli pericoloso, ma calcia clamorosamente a lato.
Nella ripresa l'Inter amministra e sfiora il tris con Spaviero, poi si vede il Sassuolo: punizione di poco a lato di Opoku.
Il Sassuolo ci prova ancora con Palma, servito dopo una gran discesa di Ficarelli; Inter pericolosa con il subentrato Vai.
All'ultimo minuto, però, arriva il gol del Sassuolo: un colpo di coda diabolico, che vale la qualificazione al 3' di recupero!
Sul cross dalla trequarti di Opoku, bomber Palma svetta più in alto di tutti e insacca il 2-1 che rende il ko una dolce sconfitta.

 


GOTEBORG - ATALANTA 2 - 3
9' st Ohman rig. (G), 13' st Barrow (A), 22' st Barrow rig. (A), 27' st Gunnarsson Axel (G), 40'+4' Elia (A)

GOTEBORG: Hjerten, Gunnarsson Erik, Cousinne (24' st Bah), Ohman (29' st Backlund), Kanu (18' st Titi), Saebbò, Skoog, Dahlqvist, Sirinic, Oloffsson, Gunnarsson Axel.
A disposizione: Von Hejne, Flohr, Dizdar, Backman.
Allenatore: Sig. Thomas Olsson

ATALANTA: Viduvsek, Del Prato, Zanoni (18' st Ogliari), Pagliari (8' st Compagnone), Alari, Guth, Eleuteri (13' st Elia), Mallamo, Barrow, Zambataro, Zortea (8' st Mazzocchi),
A disposizione: Taliento, Ricci, Fiorese.
Allenatore: Sig. Valter Bonacina

Ammoniti: Sirinic, Backlund, Dahlqvist
Espulsi: Alari all'8' st per fallo in chiara occasione da rete

Caravaggio (BG)
Il campo da giuoco di Caravaggio è un vero gioiello: nonostante la pioggia, svedesi e orobici hanno la fortuna di giocare su un vero biliardo!
La gara è molto equilibrata: partita maschia, le squadre sono consapevoli di giocarsi la qualificazione e ogni episodio potrebbe essere decisivo.
L'occasione più ghiotta del primo tempo è a cura di Sirinic, che al 30' calcia a botta sicura, ma viene fermato da un salvataggio sulla linea.
In avvio di ripresa l'episodio che cambia la storia del match: sponda di Saebbò per Oloffsson, fermato da Alari in maniera fallosa in chiara occasione da rete all'8' del secondo tempo.
Per lui rosso diretto e penalty solare, trasformato da Ohman per l'1-0.
Risponde subito l'Atalanta, che nonostante l'inferiorità numerica pareggia i conti già al 13' con Barrow: grande assist di Gambataro per il numero 10 orobico, che la piazza di giustezza per l'1-1.
La Dea addirittura ribalta il match in dieci contro undici: penalty non propriamente netto, ma il direttore indica il dischetto da cui Barrow non sbaglia. Conclusione centrale, ma palla in rete per l'1-2 dell'Atalanta al 22'!
Il Goteborg non ci sta e ritrova presto il pareggio: Atalanta infilzata in velocità, dopo soli cinque minuti Axel Gunnarsson insacca il 2-2 con un altro gol superlativo al 27'. Controllo e tiro da manuale del calcio!
Gli svedesi spingono alla ricerca del gol vittoria: entra Backlund e dopo solo un minuto si inventa una conclusione "alla Del Piero" respinta dal palo al 30'. Avrebbe meritato miglior fortuna!
Qualifcazione in bilico fino all'ultimo minuto, quando l'Atalanta firma un vero capolavoro: all'ultimo dei quattro minuti di recupero Elia firma il gol che vale il primo posto del Girone B!

  • Pubblicato in Tornei

Trofeo Dossena, i risultati della 2a giornata

Trofeo Dossena, i risultati della 2a giornata


Tris Koper e manita Cremo! Goteborg-Sassuolo: 3-3 show! Vittoria Dea

Equilibrio sovrano in entrambi i raggruppamenti: che torneo! Nel Girone A Koper e Cremonese riscattano il ko dell'esordio e agganciano Milan e Cagliari: tutti a tre punti! Nel Girone B l'Atalanta vince con l'Inter: tutte possono ancora passare

Martedì 13 giugno 2017

2^ GIORNATA - Fase a Gironi

A prendersi le luci della ribalta della seconda giornata del Dossena è senza dubbio la Cremonese: dopo il ko all'esordio, i grigiorossi dominano col Milan e si impongono con un netto 1-5, trascinati da Viola, Peri e non solo.
Che reazione!

Si riscatta alla grande il Koper: gli sloveni, sconfitti all'esordio dal Milan, vincono 3-1 sul Cagliari con una prova convincente.

Ora nel Girone A tutte le squadre sono appaiate a quota 3 punti!
Milan, Cremonese, Koper e Cagliari: chi la spunterà?

Nel Girone B l'Atalanta supera l'Inter a Vaiano Cremasco grazie a Barrow e i cremaschi trovano ancora spazio al Dossena: scende in campo Russo, talento dei milanesi.
Presente in tribuna mister Stefano Vecchi, campione d'Italia Primavera con in nerazzurri e già allenatore dell'Inter in Serie A.

Gli oltre 350 spettatori di Asola si godono uno spettacolo sontuoso: pirotecnico 3-3 tra Goteborg e Sassuolo!

Squadre in scala: Sassuolo momentaneamente in testa con 4 punti, seguito dall'Atalanta con 3, dal Goteborg con 2 e dall'Inter con 1.
Tutto ancora aperto!

 


GIRONE A

 

MILAN - CREMONESE 1 - 5
36' pt Cesari (C), 12' st Viola (C), 18' st Viola (C), 27' st Forte (M), 37' st Cesari (C), 40' st Peri (C)

MILAN: Guarnone, Bellanova, Cortinovis, Bellodi, Murati (14' st Pobega), Sportelli, Torrasi, Zhikov (23' st Finessi), Sinani (30' pt Vigolo), Forte, Capanni.
A disposizione: Cavaliere, Negri, Bianchi, Brescianini.
Allenatore: Sig. Stefano Nava

CREMONESE: Rossi, Bignami (37' st Vezzoni), Spagnoli, Lame, Amadio (14' st Guindani), Bertolotti (37' st Forni), Tura, Peri, Mahjoubi (39' st Myrteza), Cesari, Viola (25' st Sonzogni).
A disposizione: Garletti, Giobbe.
Allenatore: Sig. Giorgio Gatti

Ammoniti: Sportelli, Pobega

Offanengo (CR)
Subito grandi emozioni di fronte alla bella cornice di pubblico a Offanengo: primo squillo del Milan con Capanni, che da posizione defilata lascia partire un bolide e scheggia l'incrocio; sul ribaltamento di fronte bella triangolazione Viola-Tura-Viola, ma Guarnone para bene.
I grigiorossi spingono: ancora Viola sugli scudi con un pregevole sinistro a giro, ma la traversa gli nega la gioia del gol.
La Cremonese insiste e nel finale di frazione trova il gol: al 36', su un lancio lungo della difesa, Mahjoubi vince il contrasto con il difensore milanista Murati e scarica dietro per l'accorrente Cesari, impeccabile al momento dell'esecuzione per il vantaggio grigiorosso.
Prima dell'intervallo arriva la reazione rossonera: sventola da fuori di Cortinovis, che conclude al volo con un gran tiro, ma Rossi è altrettanto superlativo e devia sul palo.
All'intervallo è 0-1 Cremonese: vantaggio decisamente meritato, nonostante anche il Milan abbia avuto alcune occasioni.
I grigiorossi provano a chiudere i conti in avvio di ripresa, ma il direttore di gara annulla il gol di Mahjoubi al 7' sul filtrante di Peri.
Il raddoppio è però nell'aria e non tarda ad arrivare: al 12' la punizione vincente del devastante Viola porta la Cremonese sullo 0-2, anche se in realtà la traiettoria è un ingannevole tiro-cross.
I grigiorossi volano sulle ali dell'entusiasmo: prima Peri sfiora il tris con un tiro da fuori, ma lo 0-3 non tarda ad arrivare: al 18' punizione battuta velocemente, palla per Cesari, che scodella al centro con un delizioso cucchiaio per Viola, bravo a stoppare e concludere a rete per il tris, punendo la difesa del Milan, colpevolmente ferma.

Reazione d'orgoglio del Milan con un sagace schema da punizione: palla battuta veloce per l'uomo che si stacca dalla barriera e serve di tacco Forte, che insacca l'1-3.
Nel finale la Cremonese allunga però sull'1-4: Cesari, servito al limite dell'area, salta due uomini e calcia sorprendendo Guarnone.
La Cremo dilaga allo scadere: Myrteza serve Peri scarica in rete la bordata di collo pieno per l'1-5.

 

KOPER - CAGLIARI 3 - 1
2' Ahmetovic (K), 6' Sever (K), 2' st Porcheddu (C), 7' st autorete Cadilli (K)

KOPER: Bicic, Opara, Matosevic, Becaj (31' st Hrvatin), Zugan (35' st Cavalic), Sever, Pozrl, Cvek (10' st Zitko), Tiganje (16' st Jerman), Ahmetovic, Srloler (40' st Perhavec).
A disposizione: Gasper, Mestric.
Allenatore: Sig. Iztok Kavcic

CAGLIARI: Crosta, Porru (1' st Cannas), Pitzalis (34' st Aly), Cadilli, Sarritzu (34' st Serra), Mastromarino, Koaudio, Tetteh, Galliano (30' st Contini), Porcheddu, Floris Luca (1' st Ladinetti).
A disposizione: Cabras, Fini.
Allenatore: Sig. Pietro Pillosu

Ammoniti: Pitzalis, Cadili, Porru, Pozrl, Zitko, Jerman.

Quinzano d'Oglio (BS)
Partenza a razzo del Koper: cinici e spietati i ragazzi di Capodistria, bramosi di rifarsi dopo il ko all'esordio.
Gli sloveni non perdonano due amnesie difensive dei sardi e trovano il gol per due volte in sei minuti: prima Ahmetovic e Sever castigano il Cagliari e fissano il punteggio sul 2-0 lampo che indirizza il match verso il Koper.
Sloveni ancora in pieno controllo e vicini al tris con la traversa di Tiganje in velocità.
Dagli spogliatoi esce però un Cagliari motivato e i sardi riaprono subito il match: sugli sviluppi di un pregevole cross dalla sinistra, Porcheddu insacca il 2-1 che riaccende le speranze rossoblù.
Passano soli pochi minuti, però, e il fuoco cagliaritano viene spento dall'autorete di Cadili, che insacca nella propria porta il 3-1 che non cambierà più: vince il Koper 3-1.


GIRONE B

 

INTER - ATALANTA 0 - 1
11' st Barrow (A)

INTER: Dekic, Zappa, Rizzi (13' st Sala), Nolan, Minelli, Celeghin, Putzolu (18' st Brignoli), Marini (13' st Russo), Mutton, Rada (32' st Vai), Ebui (17' st Kerin).
A disposizione: Bolchini, Gallina.
Allenatore: Sig. Gianmario Corti

ATALANTA: Taliente, Del Prato, Migliorelli, Compagnone (38' st Eleuteri), Marchetti (29' st Guth), Aliari, Elia (37' st Ogliari), Mallamo, Mazzocchi, Colpani (21' st Pagliari), Barrow (19' st Zanoni).
A disposizione: Vidousek, Ricci.
Allenatore: Sig. Valter Bonacina

Ammoniti: Mallamo.

Vaiano Cremasco (CR)
Gara molto equilibrata su uno dei campi del Cremasco: la prima chance è a cura dell'Atalanta, ma la punizione di Barrow al 7' esce di un soffio.
Poche, pochissime occasioni nel derby nerazzurro: per la seconda emozione bisogna aspettare il 38', con il tiro del bergamasco Del Prato parato da Dekic.
Globalmente meglio la Dea prima dell'intervallo e anche in avvio di ripresa: all'8' del secondo tempo gran diagonale di Elia, deviato sul palo ancora da Dekic.
L'Atalanta si sblocca finalmente all'11' della ripresa: bel filtrante di Mazzocchi per Barrow, che insacca un pregevole diagonale dalla sinistra all'angolino per lo 0-1.
La risposta nerazzurra è affidata all'asse Mutti-Ebui-Mutton: bella azione in velocità, ma conclusa troppo centralmente.
Nel finale ci prova anche Vai, di testa, ma senza successo: vince la Dea.

 

GOTEBORG - SASSUOLO 3 - 3
6' pt Palma (S), 21' pt Titi rig. (G), 40' pt Sidercoschi (S), 4' st Gunnarsson Erik (G), 35' st Palma (S), 39' st Gunnarsson Axel (G)

GOTEBORG: Hjerten, Gunnarsson Erik, Ohman (32' st Bah), Titi, Saebbò (40'+2' st Backman), Backlund (14' st Dizdar), Skoog, Dahlqvist, Sirinic, Olffsson, Gunnarsson Axel.
A disposizione: Van Hejine, Cousinne, Flohr, Kanu.
Allenatore: Sig. Thomas Olsson

SASSUOLO: Vlas, Cannavaro (36' st Ficarelli), Zermani, Marchetti (12' st Acquafresca), Bisceglia, Denti, Porrini (9' st Piscicelli), Cataldo (28' st Di Criscito), Palma, Esposito (19' st Brugnano), Sidercoschi.
A disposizione: Aiello, Piacentini.
Allenatore: Sig. Paolo Bianco

Ammoniti: Cannavaro, Titi, Brugnano

Asola (MN)
Subito Sassuolo in vantaggio: si gioca da subito a grandi ritmi, che premiano i neroverdi. Grande break di Cataldo a centrocampo, palla filtrante per Palma che non perdona: dopo soli 6' Sassuolo già in vantaggio.
La reazione del Goteborg non si fa attendere e, nel cuore del primo tempo, porta al pareggio: brilla Olffson, che prima si rende protagonista di un'ottima occasione, poi si procura il penalty trasformato da Titi al 21' per l'1-1.
Il primo tempo si chiude con un'altra incursione di Cataldo, autentico rubapalloni, che intercetta un pallone nella trequarti difensiva del Goteborg e innesca Sidercoschi per il guizzo dell'1-2 con cui si chiude la frazione.
La gara si conferma gradevole e giocata a buon ritmo anche in avvio di ripresa, quando arriva l'immediato pareggio del Goteborg.
Sugli sviluppi di un corner dalla sinistra, dopo due rimpalli, la palla arriva sul secondo palo, dove Erik Gunnarsson è bravo a stoppare e calciare in una frazione di secondo per insaccare il 2-2.
La ripresa è davvero entusiasmante e si decide tutta nel finale, con due gol nei minuti conclusivi.
Il Sassuolo si porta sul 2-3 con Palma, che beneficia di un traversone dalla fascia e insacca da distanza ravvicinata.
Passano pochi minuti e gli svedesi pareggiano con un super gol di Axel Gunnarsson: botta tremenda sotto l'incrocio, scoccata dal limite dell'area piccola, ma non facile, che vale il 3-3 degli svedesi al 39'.
Finisce in parità una gara molto frizzante: complessivamente meglio il Goteborg, ma la qualità offensiva del Sassuolo vale il pareggio.

 

  • Pubblicato in Tornei

11° Memorial Settembrino: una giornata di grande calcio al San Filippo

11° Memorial Settembrino: una giornata di grande calcio al San Filippo

 

Nell'11ma edizione del prestigioso torneo in memoria di Guido Settembrino, sono i Giovanissimi 2003 dell’S.S.Napoli a trionfare grazie alle vittorie dopo i calci di rigore sul Brescia nelle qualificazioni, sulla Fiorentina (1-0) nelle semifinali e sull’Hellas Verona nella finalissima che ha consegnato ai ragazzi di Mister Sorano anche il “Trofeo Valdigrano”.

Il Brescia Calcio invece si aggiudica il 1° Memorial Fausto Corsini “Trofeo Bonomi Group“, a cui hanno partecipato le squadre sconfitte nella fase di qualificazione.
Complimenti ai ragazzi guidati da mister Piantoni che sono stati superati nei preliminari solo dal Napoli (5-4) dopo i calci di rigore, ma che hanno battuto nella finale il Vicenza grazie ad una rete di Bianchetti.

Premi:
il titolo di miglior portiere è stato assegnato a Tommaso Luci (Fiorentina), il premio come miglior giocatore è andato invece a Eduardo Esposito (Napoli) e Degnand Gnonto (Internazionale) si è aggiudicato il titolo di capocannoniere del torneo.
Al Vicenza la Vittoria Alata, simbolo della città di Brescia, quale Premio Fair Play.

4° MEMORIAL PETTINARI
Anche questa edizione ha visto la partecipazione di 5 squadre di Pulcini: Juventus, Brescia, FeralpiSalò, Atalanta ed Internazionale, in quanto il Lumezzane, a causa di un terribile lutto che ha colpito uno dei piccoli atleti della società valgobbina, all’ultimo momento si è visto costretto a dare forfait.

Sotto un sole cocente i Pulcini 2006 si sono sfidati in un girone all’italiana al termine del quale sono stati i piccoli atleti bianconeri a portare a casa l’ambito trofeo e ad aggiudicarsi il trofeo Sifral, seconda a pari punti ma sconfitta nello scontro diretto, si è classificata l’Atalanta.

Premi:
il titolo di miglior portiere è stato vinto da Alessandro Bonzi (Atalanta), mentre come miglior giocatore è stato premiato Cheick Kone (Internazionale). Alberto Caliendo (Feralpi Salò) si è aggiudicato il titolo di capocannoniere, mentre
ad Andrea Gardoni (Feralpi Salò) la targa di Miglior Istruttore.

  • Pubblicato in Tornei

Trofeo Dossena, risultati e tabellini della prima giornata

Trofeo Dossena, risultati e tabellini della prima giornata


Forte Milan: poker rossonero! Vincono Cagliari e Sassuolo, pari Inter col Goteborg

Forte Milan: poker rossonero! Vincono Cagliari e Sassuolo, pari Inter col Goteborg

Super rossoneri al Voltini: 1-4 al Koper. Vittorie 1-0 per sardi e neroverdi, con gol decisivi nella ripresa. L'Inter pareggia il vantaggio svedese

Lunedì 12 giugno 2017

1^ GIORNATA - Fase a Gironi

Niente male, come inizio!
Gol, emozioni e tanti episodi sui campi del Dossena durante la prima giornata.

La gara inaugurale al Voltini vede il Milan imporsi in rimonta sul Koper: netto 1-4 per i rossoneri, che ribaltano il punteggio trascinati da FORTE.
I ragazzi di mister Nava calano il tris, ma subiscono il ritorno dei ragazzi di Capodistria, fermati dalle parate superlative di GUARNONE: un altro talento dopo Donnarumma e il cremasco Plizzari, decisivo al Dossena nella finalissima 2016.

Scuola portieri sugli scudi anche con VLAS, del Sassuolo: il numero uno neroverde vanifica tutti i tentativi di una grande Atalanta, freddata nel finale dal guizzo da corner di PISCICELLI, che insacca l'1-0 finale.
Apprensione per il gioiellino LATTE LATH: uscito a seguito di un brutto contrasto nel primo tempo, si è temuto per i legamenti, ma anche per tibia o perone, ma per fortuna gli accertamenti hanno ravvisato solo un brutto colpo. Che spavento!
Nota di colore per il calcio del Cremasco: con la maglia della Dea sono scesi in campo Enrico ZANONI, di Agnadello, e Tommaso OGLIARI, di Trescore. Avanti tutta!


Il Cagliari supera con merito la Cremonese: decide il match il gol di GAGLIANO in avvio di ripresa, al termine di una bella azione di contropiede, ma i rossoblù meritano nel complesso i tre punti sotto gli occhi di Mario Beretta, responsabile del settore giovanile rossoblù.
E anche con i sardi c'è un super portiere italiano: CROSTA ha già esordito in Serie A, parando un rigore a Bacca nell'ultimo match di campionato col Milan.


Partita vivace e dai toni accesi tra Goteborg e Inter: svedesi in vantaggio nel primo tempo con lo straripante SAEBBÒ (nonostante il gol sia un omaggio nerazzurro).
Nella ripresa le sostituzioni cambiano faccia all'Inter, che cresce con il passare dei minuti e acciuffa il pareggio sugli sviluppi di un corner con VAI.





GIRONE A



KOPER - MILAN 1 - 4
7' pt Tiganje (K), 20' pt Cortinovis (M), 34' pt Forte (M), 1' st Sinani (M), 30' st Capanni (M)

KOPER: Bicic, Opara, Matosevic, Becaj (37' st Hrvatin), Zugan, Sever, Pozrl, Sroler, Tiganje, Ahmetovic (6' st Mestric), Zitko (19' st Jerman).
A disposizione: Gasper, Cvek, Perhavec, Cavalic.
Allenatore: Sig. Iztok Kavcic

MILAN: Guarnone, Bellanova, Cortinovis, Bellodi, Pobega (12' st Bianchi), Gabbia (1' st Sportelli), Torrasi, Zhikov (1' st Murati), Vigolo (Finessi), Forte (20' st Capanni), Sinani.
A disposizione: Cavaliere, Negri.
Allenatore: Sig. Stefano Nava

Crema (CR) - Stadio "Voltini"
Dopo un buon avvio rossonero, il Koper passa alla prima occasione: Guarnone non trattiene un tiro in porta, ribadito in rete da Tiganje per l'1-0.
Il Milan ci prova ancora, ma il Koper fa valere la propria fisicità: Guarnone (portiere Primavera Milan) esce tra i piedi di Ahmetovic per fermare un'azione pericolosa.
La reazione dei campioni in carica porta però al pareggio: al 20' corner ben calciato da Forte e stacco preciso di Cortinovis, che mette la palla all'incrocio di testa per l'1-1.
Rossoneri ancora in avanti: traversone di Bellanova, incornata da distanza ravvicinata di Forte, ma Bicic salva con una parata d'istinto col piedone.
Il Milan continua a spingere e al 34' completa la rimonta: Bicic non trattiene una conclusione da fuori e Forte si avventa come un falco sul pallone, ribadendo in rete l'1-2 per i rossoneri.
Anche la ripresa si apre con un gol-lampo, ma stavolta è il Milan ad andare a segno: Sinani capitalizza al massimo un bel filtrante in area e supera Bicic, in uscita bassa, con un tocco morbido per l'1-3 che chiude i conti.
Emozioni a non finire al "Voltini": sale in cattedra il portiere azzurro Guarnone, che si supera con tre parate in serie nell'arco di due minuti e vanifica la grande reazione del Koper, che nel frattempo aveva inserito gli attaccanti Mestric e Jerman.
Sfumata la reazione del Koper, il Milan fa l'anagramma e cala il poker: Capanni, entrato da pochi minuti, insacca all'angolino l'1-4, che non cambierà più fino al triplice fischio dell'arbitro.



CAGLIARI - CREMONESE 1 - 0
7' Gagliano (Cag.)

CAGLIARI: Crosta, Kouadro, Pitzalis, Cadili, Barritzu, Mastromarino, Tetteh, Porcheddu, Gagliano (34' st Floris Bruno), Fini (18' st Porru), Gungui (23' pt Luca Floris).
A disposizione: Cabras, Ladinetti, Aly, Serra.
Allenatore: Sig. Pietro Pillosu

CREMONESE: Rossi, Alghisi (37' st Bignami), Forni (25' st Peri), Lame, Cesari, Spagnoli (22' st Bertolotti), Tura, Amadio, Mahjoubi, Viola (14' st Guindani), Sonzogni (22' st Buonocuore).
A disposizione: Garletti, Vezzoni, Guindane.
Allenatore: Sig. Giorgio M. Gatti

Ammoniti: Mastromarino, Guindani, Bignami

Casale Cremasco (CR)
Gara equilibrata, in cui le due squadre non riescono a superarsi, ma di certo non si risparmiano: si registrano anche contrasti e agonismo, con Gungui costretto al cambio; al suo posto dentro Luca Floris.
Poche occasioni da rete nel match: i sardi ci provano con un paio di radenti a incrociare, i cremonesi con qualche traversone improduttivo.
Sardi in vantaggio a inizio ripresa: gran manovra in contropiede del Cagliari, conclusa con un bel cross dalla sinistra e incornata vincente di Gagliano per l'1-0. Cremonese sfiora il pareggia poco dopo con una ghiotta occasione, che sarà però l'unica della ripresa grigiorossa.
Nel secondo tempo i cagliaritani si confermano più quadrati, portano a casa il risultato e meritano i tre punti.



GIRONE B



GOTEBORG - INTER 1 - 1
33' pt Saebbò (G), 35' st Vai (I)

GOTEBORG: Hietren, Gunnarsson Erik, Titi, Saebbò (29' st Bah), Baczlund (26' st Dizdar), Skoog, Dahlqvist, Sirinic (15' st Flohr), Olofssen, Gunnarsson Axel (34' st Backman).
A disposizione: Von Heijne, Cousinne, Kanu.
Allenatore: Sig. Thomas Olsson.

INTER: Bolchini, Zappa, Rizzi (12' st Duenno), Gallina, Minelli, Damo (18' st Celeghin), Toccafondi (12' st Russo), Marini (12' st Brignoli), Vitali, Spaviero, Ebui (12' st Vai).
A disposizione: Clemente, Kerin.
Allenatore: Sig. Gianmario Corti

Ammoniti: Damo, Sirinic, Olofssen, Vai, Celeghin.

Dello (BS)
Colpo di coda degli svedesi, che trovano il vantaggio nei minuti finali del primo tempo: approfittando di un controllo non impeccabile di Minelli su un avventato retropassaggio, il fortissimo Saebbò (già convocato in Nazionale) non perdona e insacca l'1-0 per gli svedesi.
All'intervallo il Goteborg legittima il vantaggio: in avvio meglio i nerazzurri, che avevano provato a manovrare palla a terra, ma gli svedesi crescono con il passare dei minuti e meritano il vantaggio, trascinati da qualità e fisicità di Saebbò.
Nella ripresa il match sembra inizialmente scivolare verso la vittoria svedese, ma l'Inter cambia marcia grazie agli innesti dalla panchina e trova il meritato pareggia nel finale: sugli sviluppi di una carambola da cross, il più lesto a ribadire in rete il pallone è Vai.



SASSUOLO - ATALANTA 1 - 0
27' st Piscicelli (S)

SASSUOLO: Vlas, Murro, Josef, Diaw, Piacentini, Maffezzoli, Opoku (10' st Esposito), Di Criscito (35' st Cataldo), Palma (1' st Svidercoschi), Cicciconi (25' st Porrini), Piscicelli.
A disposizione: Aiello, Zermani, Bisceglia.
Allenatore: Sig. Paolo Bianco

ATALANTA: Vidovsek, Eleuteri (28' st Del Prato), Zanoni Enrico, Pagliari (35' st Compagnone), Guth, Marchetti, Elia, Zambataro (17' st Mallamo), Latte Lath (19' Mazzocchi), Colpani, Zortea (38' st Ogliari).
A disposizione: Taliento, Alari.
Allenatore: Sig. Walter Bonacina

Ammoniti: Josef.

Fiorenzuola d'Arda (PC)
Partita combattuta e con poche occasioni da rete nei primi minuti: la gara non lesina contrasti e a farne le spese è il promettente Latte Lath, costretto al cambio per un grave infortunio: sospetta lesione a tibia o perone; al suo posto entra Mazzocchi.
Atalanta in controllo del gioco, Sassuolo in campo puntando sulla velocità delle ripartenze. L'occasione più ghiotta del primo tempo è quella di Colpani: bel tiro del bergamasco, che dà però solo l'illusione del gol.
Anche nella ripresa Atalanta pericolossima per tre volte volte: prima due super chances per Pagliari, poi ghiotta l'occasione per Mazzocchi, che stoppa a centro area il bel cross di Zortea, ma calcia clamorosamente a lato.
Nella fase centrale della ripresa cresce il Sassuolo: bel tiro da fuori del subentrato Svideroschi e punizione velenosa di Esposito, deviata dalla barriera e terminata a lato di un soffio.
La crescita neroverde è il preludio al gol: al 27' un corner dalla destra non viene liberato dalla difesa dell'Atalanta; palla addosso al difensore Guth, che si ostacola con il compagno Marchetti; a centro area il più lesto ad avventarsi sul pallone è Piscitelli, che insacca l'1-0 con una pregevole girata in controbalzo.
L'Atalanta le prova tutte, ma sbatte sempre sul muro del portiere neroverde Vlas, il migliore in campo per distacco, superlativo anche nel finale, con riflessi felini dopo un tirocross sbattuto sul montante; ultimo sussulto del match.
Presente in tribuna mister Mario Beretta, responsabile del settore giovanile del Sassuolo, che applaude la vittoria dei neroverdi.

  • Pubblicato in Tornei