Log in

 

Primavera, Vicenza - Spezia 1-3

Marcatori: 8'pt e 16'st Capelli (S) 3'st Scapin (V) 41'st Vatteroni (S)

VICENZA: Dani, Boesso (4'st Zuddas), Vanzan, Pizzolato, Gamabsin (C), Sacchetto, Yeboah, Crestani (1'st Carniato), Cuppone, Scapin, Paiolo (23'st Okoli)
A disp. Pavan, Meneghetti, Pegoraro, Lovato, Sbrissa, Meduza
All. Luiso P.

SPEZIA: Fontana, Gavini, Della Pina (10'st Panaccione), Martorelli (42'st Bonfiglioli), Mannucci, Manfredi (C), Demofonti (18'st Monti), Posenato, Capelli, Vatteroni, Giuliani
A disp. Barone, Cerretti, Acampora, Maigini
All. Giampieretti F.

Arbitro: Sig. Lorenzin di Castelfranco Veneto

Cronaca - Nel 25° turno di campionato, gli aquilotti di Flavio Giampieretti ottengono una bella vittoria sul terreno del Vicenza, la seconda consecutiva dopo i tre punti guadagnati tra le mura amiche contro il Brescia. Partono benissimo i ragazzi di mister Giampieretti che sbloccano all'8' con l'imparabile colpo di testa di Capelli su cross di Vatteroni, mentre al 22' il protagonista è il numero 1 Fontana, perfetto nell'intervenire sul tentativo da distanza ravvicinata di Cuppone.
Nella ripresa i padroni di casa trovano il pareggio dopo appena 3' di gioco, con Yeboah che libera in area Scapin, il quale da ottima posizione non sbaglia. Lo Spezia però non molla ed al 16' torna nuovamente in vantaggio, ancora con Capelli, bravissimo a battere nuovamente a rete su cross di un ispirato Vatteroni. Nel finale il Vicenza prova ad agguantare il pareggio, ma la retroguardia spezzina regge l'urto ed i ragazzi di Flavio Giampieretti trovano addirittura il tris proprio con Vatteroni, che insacca la rete del definitivo 3 a 1 su cross di Gavini.
www.acspezia.com

Primavera, Vicenza - Hellas Verona 1-2

Marcatore: 19' pt Stefanec, 45' pt Kumbulla, 20' st Scapin.

VICENZA (4-3-3): Dani; Boesso, Gambasin, Sacchetto, Anzolin; Scapin, Carniato (dal 35' st Okoli), Pizzolato; Yeboah, Paiolo, Vanzan (dal 18' st Dal Dosso).
A disposizione: Pavan, Zuddas, Lovato, Sbrissa, Meneghetti, Pegoraro.
All.: Luiso.

HELLAS VERONA (4-3-1-2): Tosi; Pavan, Casale, Kumbulla, Badan; Danzi, Guglielmelli, Hoxha (dal 13' st Cherubin); Stefanec; Tupta, Buxton (dal 25' st Jurj; dal 37' st Pettinà).
A disposizione: Carletti, Nigretti, Baniya, Dall'Agnola, Kyriakopoulos, Gecchele, Dentale, Aloisi, Forgia.
All.: Pavanel.

Arbitro: Zufferli di Udine.
Assistenti: Nocenti di Padova e Michieli di Padova.
NOTE. Ammoniti: Sacchetto, Pavan.

Grande vittoria, la terza consecutiva, per la straordinaria Primavera dell'Hellas Verona. Battuto il Vicenza al termine di una gara giocata a viso aperto, che consegna a Casale e compagni altri tre punti che portano il totale a 44 in appena 22 giornate, in piena zona playoff. Il primo tempo finisce 2-0 per i gialloblù, che dominano la partita rischiando di segnare in molte più occasioni. Al 19' è Stefanec a sbloccare la gara, raccogliendo un bel suggerimento sul secondo palo, lasciato scoperto. Bravo l'attaccante a evitare la parata del portiere con una conclusione angolata. Allo scadere del primo tempo, è il difensore centrale Kumbulla a raddoppiare per l'Hellas raccogliendo una respinta corta del portiere avversario. Nel secondo tempo il Vicenza si scuote e prova a tornare in partita, segnando al 20' del secondo tempo la rete dell'1-2, con un tiro da fuori area di Scapin. Nella seconda parte della ripresa, occasioni per entrambe le squadre, con il Verona che nel finale gestisce al meglio le iniziative vicentine, aggiudicandosi il derby. Tra una settimana è in programma un'altra trasferta, a Perugia, per continuare il sogno playoff.

Le principali dichiarazioni dell'allenatore della Primavera gialloblù Massimo Pavanel: «Abbiamo fatto uno splendido primo tempo, poi il Vicenza è venuto fuori da buona squadra quale è. Ora dobbiamo restare concentrati, ma non era scontato rientrare in questo modo da una sosta lunga come quella che abbiamo appena affrontato, ed è importante continuare a pensare di partita in partita come abbiamo sempre fatto. Le altre non mollano, non vogliamo farlo neanche noi».

 

Primavera, Brescia - Vicenza 0-2

Marcatori: 59′ Yeboah, 94′ Carniato

Brescia: Festa, Torri, Licini, Mangraviti, Marconi, Zanotti (34′ Gentili), Minessi, Oaida, Milanesi (13’st Nezha), De Paoli, Baronio (8’st Venturelli).
A disposizione: Mandelli, Tonali, Faini, Ferrari.
Allenatore: Bruni.

Vicenza: Dani, Boesso, Vanzan, Pizzolato (19’st Crestani), Barbosa Vischi, Gambasin, Pegoraro (10’st Meneghetti), Carniato, Paiolo, Scapin (39’st Sbrissa), Yeboah.
A disposizione: Rossi, Zuddas, Lovato, Okoli Memeh, Tardivo, Sacchetto.
Allenatore: Luiso.

Arbitro: GARIGLIO di Pinerolo

Ammoniti: Mangraviti (B) Crestani (V).
Espulsi: 24's.t. Marconi, 45's.t. Torri .
Recupero 0’ e 5′.

Primavera, Vicenza - Lazio 2-2

Marcatori: 4' Bari, 47' Rossi, 82' Paiolo, 90'+5' Okoli

VICENZA (4-2-3-1): Pavan; Boesso, Gambasin, Sacchetto, Vanzan; Crestani, Pizzolato; Yeboah, Scapin, Pegoraro; Paiolo.
A disp.: Rossi, Zuddas, Meneghetti, Lovato, Sbrissa, Okoli, Carniato, Zironelli.
All.: Luiso.

LAZIO (4-3-3): Adamonis; Spizzichino, Miceli, Baxevanox, Petro; Rezzi, Bari, Bezziccheri; Al-Hassan, Rossi, N’Diaye.
A disp.: Borrelli, Spurio, Ceka, Portanova, Cardoselli, Javorcic, Beqiri.
All.: Bonatti.

Arbitro: Diego Provesi (sez. Treviglio).
Assistenti: Cosimo Cataldo e Cinzia Carovigno.

Lazio, che beffa. Bari la sblocca dopo quattro minuti, Rossi firma il doppio vantaggio. I giochi sembrano fatti, ma alla fine a festeggiare è il Vicenza. Paiolo riapre il match al 82’, nell’ultimo secondo di recupero Oikoli pareggia i conti. Masticano amaro i biancocelesti che avrebbero voluto fare bottino pieno e inanellare la decima vittoria consecutiva. Nota positiva la conferma del primo posto. Ma ancora una volta Luiso rallenta la corsa di Bonatti. La Lazio perde infatti un punto sia dal secondo che dal terzo posto.

Torna titolare Rezzi nell’ormai consolidato 4-4-2, mentre resta a Roma Folorunsho. Solita difesa a quattro con Adamonis tra i pali. Bezziccheri gioca a destra, N'Diaye a sinistra, Rossi e Al Hassan sono i due attaccanti. Bonatti definisce l’incontro con il Vicenza la partita più importante dell’anno. La chiave di volta è sbloccarla subito e i biancocelesti interpretano alla perfezione il dictat del tecnico. Dopo quattro minuti Bari la mette dentro di testa su corner di Miceli, re degli assist oramai. Esultanza con balletto in coppia con Al Hassan e si torna a fare sul serio. Dal campo lo scontro si sposta alle panchine. Scintille tra Luiso e Bonatti, l’arbitro li ammonisce verbalmente. Il Vicenza tenta una reazione, ma le fiammate maggiori sono tutte targate Lazio. Alla mezzora Al Hassan cestina la chance del doppio vantaggio, poco più tardi la difesa veneta regala a Rossi un’occasione d’oro. È assalto biancoceleste, bello l’approccio, buona la gestione del vantaggio. Bene così.

Rossi c’è. Stesso trend e approccio del primo tempo. Questa volta servono ancora meno minuti. Al capitano della Lazio bastano due giri d’orologio, per insaccare di punta la palla alle spalle di Pavan, che non può davvero farci nulla. Ancora una volta il lancio lungo è di Miceli. 21 gol in campionato per il bomber di Viterbo, 40 il totale in carriera, solo 15 in meno rispetto a Palombi che detiene attualmente il record. Altra chance Lazio dopo il quarto d’ora, rigore in movimento per Spizzichino che spara alto il pallone. Si arrabbia tantissimo Bonatti, sarebbe potuta essere l’occasione del 3-0. Sul cambio di Portanova che rileva Al Hassan, Bonatti protesta con Provesi. Il direttore di gara invita l’allenatore laziale ad abbandonare la panchina. Non una prima volta per il tecnico della Lazio che ora seguirà le prodezze dei suoi dalla tribuna. Ma attenzione perché al 82’ il Vicenza riapre il match con Paiolo, una piccola deviazione batte Adamonis che inerme non può far altro la palla che entra in porta. Ma il peggio deve ancora arrivare. Nell’ultimo secondo di recupero si consuma la beffa ai danni dei biancocelesti. Okoli pareggia i conti, complice anche un errore di Adamonis. Festeggia il Vicenza, mastica amarissimo la Lazio che stava già assaporando la decima vittoria consecutiva. Proprio come nell'andata Luiso ferma la corsa di Bonatti. I timori della vigilia si sono avverati.

lalaziosiamonoi

Primavera, Napoli - Vicenza 4-1

Marcatori: 31′ Yeboah, 63′, 65′ Esposito, 69′ Leandrinho, 72′ Acunzo

NAPOLI (4-3-3) Marfella, Schiavi, Esposito, Milanese, D’Ignazio, De Simone (Capitano), Gaetano, Acunzo, Liguori, Zerbin, Leandrinho.
A disposizione: Schaeper, Mazzella, Granata, Riccio, Calabrese, Migliaccio, Daddio, Della Corte, Ritieni, Napolitano, Russo.
All. Saurini

VICENZA (4-2-3-1) Rossi, Boesso, Gambasin, Lovato, Vanzan, Pizzolato, Carinato, Pegoraro, Crestani, Yeboah, Paiolo.
A disposizione: Dalla Valle, Sacchetto, Okoli, Meneghetti, Sbrissa, Zuddas.
All. Luiso

Il Napoli Primavera ha battuto il Vicenza per 4-1 nella 19esima giornata di campionato sul campo di Sant'Antimo. Per gli azzurrini doppietta di Esposito, gol di Leandrinho e Acunzo.
Napoli che parte sotto per la rete vicentina di Yeboah dopo mezzora. Ma la risalita è immediata e decisa e parte dopo un'ora di gioco. In 3 minuti Esposito colpisce due volte di testa in area e sigla la rimonta: 2-1.
Da qui i ragazzi di Saurini vanno a mille. Al 69' Leandrinho di precisione in area segna il suo secondo gol consecutivo con gli azzurrini. Chiude il 4-1 finale una splendida punizione di Acunzo. Successo netto del Napoli che rilancia per la zona play off.

Primavera, Perugia - Vicenza 1-3

RETI: 27’ pt Scapin (V), 29’ pt Vicaroni (P), 43’ pt Pagliolo (V), 8’ st Gambasin (V)

PERUGIA: Santopadre, Rondoni, Calzola, Polidori, Achy, Ceccuzzi, Panaioli, Amadio (24’ st Pellegrini), Vicaroni, Di Nolfo (1’ st Buzzi), Garofalo (15’ st Patrignani).
A disp.: Sorci, Fracassini, Gualtieri, Settimi, Orlandi, Pietrangeli, Salvucci, Niederwieser.
All. Ciampelli

VICENZA: Pavan, Boesso, Anzolin, Pizzolato, Lovato, Gambasin, Pegoraro, Crestani (16’ st Carniato), Pagliolo (18’ st Meneghetti), Scapin (35’ st Okoli), Vnzan.
A disp.: Rossi, Sacchetto, Carniato.
All. Luiso

ARBITRO: Capraro di Cassino (Notarangelo - Dell’Università)
NOTE: Ammoniti per il Perugia Ceccuzzi, Amadio, espulso Rondoni al 13’ della ripresa. Per il Vicenza ammonito Crestani, espulso Anzolin al 38’ del secondo tempo.

 Allo stadio comunale “G. Fatabbi” di Valfabbrica la 5ª giornata del girone di ritorno del Campionato Primavera Tim Perugia-Vicenza termina 1-3.
Partita combattuta fin dai primi minuti di gioco con i Grifoncelli che si vedono al 5’ un gol annullato in fuorigioco di Vicaroni.
Al 23’ la grande chance per i biancorossi, Amadio viene atterrato in area di rigore avversaria e l’arbitro fischia. Sul dischetto Di Nolfo che calcia forte ma la palla finisce sopra la traversa.
Al 27’ è il Vicenza a passare in vantaggio con Scapin che sulla palla respinta da una bella parata del numero 1 biancorosso insacca di testa.
Poco dopo al 29’ il Perugia pareggia i conti con Vicaroni che batte il portiere avversario per il momentaneo 1-1. Al 43’ infatti Vicenza ancora in vantaggio con Pagliolo che con un tiro da fuori area sorprende la difesa biancorossa per il 2-1.
Nella ripresa dal primo minuto fuori Di Nolfo e dentro Buzzi. Il secondo tempo si mette subito in salita per i ragazzi del tecnico Ciampelli quando all’8’ subiscono la rete del 3-1 con il gol di Gambasin che sfrutta al meglio lo schema dei compagni su punizione dal limite.
Al 13’ la situazione si complica ancora quando i biancorossi restano in 10 per l’espulsione di Rondoni, allontanato per protesta.
Ciampelli è costretto a togliere l’attaccante Garofalo per inserire Patrignani terzino destro. I grifoncelli non mollano e anche in inferiorità numerica tentano di mantenere la circolazione della palla.
Al 38’ anche il Vicenza in 10 a causa dell’espulsione di Anzolin ma nulla da fare, il risultato resta fermo sul 3-1.
“Ci è mancata troppa attenzione e intensità ma soprattutto oggi non abbiamo avuto quella rabbia e quella fame che che ci aveva contraddistinto negli ultimi due mesi” afferma il tecnico Ciampelli a fine gara che si prende la responsabilità di un atteggiamento sbagliato dei suoi ragazzi in campo.

Primavera, Vicenza - Latina 2-1

Marcatori: Di Nardo 40′ (L), Paiolo 62′ (V), Carniato 69′ (V)

Vicenza: Dani, Boesso, Anzolin, Sbrissa (45′ Meneghetti), Gambasin, Barbosa, Scapin (79′ Pegoraro), Pizzolato (72′ Crestani), Paiolo, Carniato, Vanzan.
A disp.: Pavan, Lovato, Sacchetto, Crestani, Yeboah, Pegoraro, Pkoli.
All.: Luiso

Latina: Rausa, Costanzo (70′ Tucci), Oberrauch, Megelaitis, Celli, Santovito, Varriale, Barberini (63′ Muca), Di Nardo, Colarieti (83′ Mentana), Rodriguez.
A disp.: Alfieri, Morelli, Magro, Rizzi, Cancelli, Ludovisi, Arfaoui, Garau, Romani All.: Ghirotto.

Ammoniti: Varriale, Barberini, Pizzolato, Barbosa, Meneghetti, Vanzan
Espulsi: all’88’ Colarieti (L) dalla panchina, all’88 Tucci (L) per proteste, al 90′ espulso Rodriguez (L) per proteste

La Primavera del Latina torna senza punti dalla trasferta in terra veneta. I baby nerazzurri sono stati superati 2-1 dal Vicenza al Comunale di Grisgnano di Zocco. Latina in vantaggio con Di Nardo, Paiolo e Carniato regalano il successo ai biancorossi.

Primavera, Cesena - Vicenza 1-0

Marcatori: 7' st. Akammadu (CE)

A.C. CESENA: Bianchini, Soumahin, Carnicelli (32' st. Andreoli), Salcuni, Farabegoli, Cavallari, Conti (22' st. Kondic), Dhamo, Akammadu, Maleh, Tommasini (22' st. Urso).
A disp: (Fantini, Ballini, Ceccacci, Felli, Lanzoni).
Allenatore: Angelini.

VICENZA CALCIO: Dani, Boesso, Dal Dosso, Pizzolato (23' st. Anzolin), Gambasin, Lovato, Scapin (39' st. Yeborh), Crestani, Paiolo, Carniato (10' st. Okoli), Vazan.
A disp: (Pavan, Pegoraro, Sbrissa).
Allenatore: Luiso

Ammonizioni: 29' pt. Soumahin (CE), 5'st. Conti (CE), 15' st. Dhamo (CE), 36' st. Crestani (VI), 51' st. Paiolo (VI).

I baby bianconeri guidati da mister Giuseppe Angelini si aggiudicano con il risultato di 1 a 0 la 16^ giornata del girone A del campionato Primavera Tim. Il gol vittoria, segnato al 7^ del secondo tempo, porta la firma dell'attaccante Akammadu.