Log in

 

Primavera, Torino - Carpi 3-0

Marcatori: pt 14' rig. D'Alena, 21' De Luca; st 10' Berardi.

Torino: Cucchietti; Tofanari, Giraudo, Rivoira, D’Alena (33' st Remacle); Buongiorno, Rossetti; Traoré, De Luca, Berardi (11' st Luise), Gjuci (26' st Piscopo).
A disposizione: Coppola, Auriletto, Bedino, Bortoletti, Mele, Oukhadda, Tobaldo, Savatovic, Dieye.
Allenatore: Coppitelli.


Carpi: Sarri; Fumanti, Scarf, Sapone, Di Pierri (21' st Vittorini); Melani, Kouakou, Tacconi (11' st Insolito); Saporetti, Morselli, Mezzoni (14' pt Ghidoni).
A disposizione: Bazzano, Luppi, Cardamone, Odasso, Nardini, Doda, Pernigotti.
Allenatore: La Manna.


Arbitro: Provesi di Treviglio.
Note: nessun ammonito. Recupero 1'.

Federico Coppitelli era stato chiaro dopo il derby perso giocando pure male: per sperare nel secondo posto bisognava considerarle tutte come finali e dopo il Sassuolo anche il Carpi oggi l’ha capito. Con il Toro a trazione anteriore, senza Remacle e Piscopo che ancora non hanno alzato il tasso tecnico della squadra, è un altro vedere e infatti i risultati sono arrivati già nel primo tempo: Berardi è stato bravo a procurarsi il rigore poi trasformato da D’Alena, poi De Luca è tornato finalmente al gol dopo un assist ancora di D’Alena.
Il Toro già nella prima frazione avrebbe potuto aumentare il punteggio e invece ha preferito amministrare senza affondare, trovando poi la rete della tranquillità con una stoccata apprezzabilissima di Berardi da fuori area. Manca più di mezz’ora alla fine ma in realtà succede ancora poco, perché Coppetelli decide di dare fiato ai titolari inserendo tra gli altri proprio Remacle e Piscopo e la squadra porta a casa tre punti fondamentali per la rincorsa playoff in attesa che cominci l’avventura al alla Viareggio Cup.

Primavera, Sassuolo - Torino 0-1

Marcatori: st 35' Rossetti

Sassuolo: Costa; Gambardella, Ferrini, Ravanelli, Masetti; Marin (7' st Romairone), Abelli, Franchini; Zecca, Scamacca, Pierini (25' st Caputo).
A disposizione: Vitali, Saccani, Celia, Rossini, Bellei, Cipolla, Viero, Bruschi, Scavo, Palma.
Allenatore: Mandelli.


Torino: Cucchietti; Auriletto, Rivoira, Friedenlieb, Giraudo; D’Alena, Rossetti; Berardi, Tobaldo (25' st Tobaldo), Piscopo (17' st Luise), Traore (37' st Oukhadda).
A disposizione: Savatovic, Tofanari, Buongiorno, Mele, Gjuci, Millico.
Allenatore: Coppitelli.


Arbitro: D'Ascanio di Ancona.
Note: ammonito Marin, Rossetti. Recupero 0', 4'.

Importantissimo successo del Torino di Federico Coppitelli, capace di espugnare il campo del Sassuolo nello scontro diretto scavalcandolo in classifica (per via degli scontri diretti), riaprendo di fatto il discorso per il secondo posto, l'unico ancora disponibile dopo la fuga ormai inesorabile al vertice del girone B della Juventus di Fabio Grosso.
Partita complessivamente equilibrata, con i granata che però faticano a trovare una quadratura e subiscono l'iniziativa sassolese nei primi minuti di gioco. Col passare del tempo, tuttavia, il Toro acquisisce sicurezza e prova a prendere le redini del centrocampo, ad ogni modo senza riuscire a costruire occasioni di rilievo, almeno fino alla mezzora quando un colpo di testa di Berardi impegna seriamente il portiere avversario. Sulla ripartenza, è invece Cucchietti a sventare l'occasione con un'uscita salvifica sul cannoniere Zecca. La prima frazione non regala ulteriori emozioni.
Nella ripresa al quarto d'ora lo stesso Zecca prova il colpo della "domenica" ma la sua girata al volo dà solo la sensazione del gol, finendo sull'esterno della porta. L'equilibrio regna sovrano rallentando i ritmi, ma una fiammata del Toro porta a conquistare i tre punti su un episodio: Giraudo costringe Costa a deviare la sua conclusione al volo in corner, dalla cui battuta di D'Alena la palla si arena in area e Rossetti, ben piazzato, insacca in mischia. Coppitelli si copre, col senno di poi fa bene ma da li in avanti è un assedio neroverde, tre conclusioni verso la porta in una delle quali Auriletto si supera sulla linea di porta. Non ancora un Toro bello a vedersi, ma efficace e, finalmente, vincente.
infotoro

Primavera, Torino - Juventus 0-1

Marcatori: 2’ st. Coccolo (J).

Torino: Cucchietti, Tofanari, Giraudo, Auriletto (Cap.), Remacle, Friedenlieb, Berardi (35’ st. Gjuci), Rossetti, De Luca, Piscopo (8’ st. Tobaldo), Oukhadda (31’ st. Millico).
A disposizione: Coppola, Buongiorno, Rivoira, Bedino, Mele, Bortoletti, Luise, Dieye, Petruccelli. Allenatore: Federico Coppitelli.

Juventus: Del Favero, Vogliacco, Coccolo, Muratore, Toure, Rogerio, Semprini, Matheus Pereira, Zeqiri (17’ st. Kean), Clemenza (Cap.), Leris (41’ st. Kanoute).
A disposizione: Loria, Marricchi, Merio, Andersson, Bove, Ndiaye, Mosti, Galtarossa.
Allenatore: Fabio Grosso.

Ammoniti: 12’ st. Toure (J), 35’ st. Kean (J), 13’ st. Oukhadda (T), 22’ st. Berardi (T).

Per la seconda volta in stagione la Juventus fa suo il Derby Primavera. Era accaduto all’andata, 2-1 a Vinovo, e oggi a Venaria è andato in scena il bis (1-0).
Due vittorie di misura, quindi, che confermano come la stracittadina sia una partita equilibrata e complicata. La Juve parte bene, tentando di tenere in mano le redini del gioco, e dopo un paio di sortite offensive va vicina al gol all’ottavo con Leris, che costringe il portiere Cucchietti a una difficile parata. Pochi minuti dopo ancora Leris cerca in profondità Zeqiri, e ancora il portiere granata è decisivo nell’uscita. A metà frazione è proprio Zeqiri ad andare in gol con un bel destro rasoterra, ma all’attaccante juventino era stato segnalato off side.
Nell’ultimo quarto d’ora del primo tempo la Juve cerca di accelerare, ma la difesa granata è attenta e resiste al forcing guidato da Clemenza prima e Rogerio poi, mantenendo inviolata la porta fino al riposo. La pressione bianconera ricomincia alla ripresa del gioco, e porta i suoi frutti dopo appena due minuti, grazie a un tocco da distanza ravvicinata di Coccolo, che regala il vantaggio (e col senno di poi il gol partita) alla Juventus.
Ci si aspetta una reazione veemente del Toro, ma è la squadra di Grosso a non mollare un centimetro e ad andare vicina al gol prima con un siluro dalla distanza di Toure al 65’, fuori di pochissimo, poi con due occasioni ravvicinate di Clemenza e di Kean nel giro di un paio di minuti (siamo alla mezz’ora), entrambe sventate dalla difesa.
La Juve vince così con pieno merito un derby fondamentale per il morale e per la classifica, come confermano a fine partita le parole di Mister Fabio Grosso: «Abbiamo giocato da squadra – spiega
– I ragazzi mi sono piaciuti molto, siamo riusciti a fare ciò in cui siamo bravi, cioè mettere palla a terra, ma abbiamo anche saputo “alzare la voce”. Una partita piena, è quello che dovevamo fare per portare a casa i tre punti. Il nostro percorso continua».

Primavera, Pescara - Torino 0-0

Pescara: Antonino; Maloku, Delli Carri, Rodriguez, Ferrini; Del Sole, Palestini, Diallo; Battista, Mancini, Pompetti.
A disposizione: Scuccumarra, La Barba, Albanese, Diana, Marcelli, Marino, Liguori, Sow, Scimia, Di Giacomo.
Allenatore: Ruscitti.


Torino
: Cucchietti; Tofanari, Auriletto, Friedenlieb, Molinaro; Luise, Mele, D’Alena; Berardi, De Luca (29' st Tobaldo), Piscopo (33' st Millico).
A disposizione: Coppola, Giraudo, Viola, Petruccelli, Oukhadda, Dieye, Gjuci.
Allenatore: Coppitelli.


Arbitro: Viotti di Tivoli.
Note: due gialli per il Toro, uno per il Pescara. Recupero 2', 4'.

Niente da fare, questo Torino non riesce a fare il salto di qualità. Che sia colpa dell'inesperienza di Coppitelli o di un gruppo evidentemente non all'altezza è difficile dirlo, ma di certo le cose, così come stanno ora, non sono positive ed il mercato non ha portato i rinforzi necessari perché fino ad ora né Remacle né tanto meno Piscopo sono riusciti a fare la differenza.
Non è riuscito a vincere, il Torino, neppure rinforzato da un calciatore esperto come Molinaro, evitando di giocare, non è più una novità, il primo tempo, provando poi a vincere nella ripresa sperando in qualche giocata individuale. Un legno in mischia in pieno recupero e niente di altro, con De Luca che da un po' di tempo non riesce più a rendersi determinante (periodo che coincide con il declino di questo Toro). I sintomi già c'erano dopo il ko contro la Virtus Entella, fortuna che il girone in cui i granata sono inseriti non sia del livello degli altri. La Juventus ed il Chievo vanno a forza cinque, allontanandosi nuovamente, l'Empoli ed il Sassuolo (che ora agguanta i piemontesi) vincono e rimettono a rischio, per il Toro, pure la lotta per i play off
infotoro

Primavera, Torino - Ascoli 1-0

Marcatori: st 29' D'Alena.

Torino: Cucchietti, Tofanari, Avelar, Auriletto, D’Alena, Buongiorno (37' pt VIola), Luise, Remacle (16' st Mele), De Luca, Piscopo (34' st Tobaldo), Traoré.
A disposizione: Coppola, Giraudo, Potop, Oukhadda, Drovetti, Gjuci, Millico, Reinaudo, Dieye.
Allenatore: Coppitelli.

Ascoli
: Martinez, Diop, Perri, De Angelis, Schiaroli (34' st Marques), Busti, Ciarmela, Buono (38' st Della Mora), Ventola, Di Sabato (17' st Mancini), Tassi.

A disposizione: Colantonio, Costa, Mataloni, Cicchella, Tamba M’Pinda, Bellini, Giannantonio, Petrarulo.
Allenatore: Di Mascio.

Arbitro: Cozza di Seregno.

Note: ammonito Schiaroli, De Angelis, Perri, Luise. Recupero 2, 5''. Ventola colpisce la traversa al 31' st.

Primavera, Pro Vercelli - Torino 1-1

Marcatori: st 21' rig. Gouri, 38' rig. D'Alena.

Pro Vercelli: Tripicchio; Wang, Vernero, Sangiorgi, Negro, Picone Chiodo, Di Mitri, De Bonis (39' st Menabò), Gouri (44' st Soto), Foglia (32' st D'Agostino), Castellano.
A disposizione: Cairola, Chiovenda, Ferrando, Di Napoli, Rosano, Della Morte, Pagliaro, Specchia.
Allenatore: Grieco

Torino: Cucchietti; Tofanari (22' st Dieye), Giraudo, Auriletto, D’Alena, Buongiorno, Traoré, Rossetti (43' pt Oukhadda), Remacle, Berardi (34' st Millico), Piscopo.
A disposizione: Coppola, Viola, Bedino, Samakè, Luise, Gjuci, Petruccelli, De Luca.
Allenatore: Coppitelli

Arbitro: Piscopo di Imperia.
Note: nessun ammonito. Espulso Rosso al 45' st. Recupero 1', 3'.

Non sortiscono l'effetto sperato i due ultimi nuovi innesti Piscopo e Remacle, entrambi in campo dall'inizio in questo derby regionale contro la Pro Vercelli che frutta, dopo il ko nello scontro diretto contro il Chievo, solamente un punto. Il Toro di Coppitelli non sa più vincere, problema grosso in questa fase della stagione.
Eppure i granata si mostrano superiori ai padroni di casa, mantenendo il controllo del gioco e costruendo più occasioni senza, come al solito, concretizzarle. Il primo a provarci è proprio il neo arrivato Piscopo, liberatosi dall'uomo ha poi costretto l'estremo difensore avversario a mette in angolo. Alla mezz'ora Traoré arriva tardi sulla spizzata di Tofanari che lo aveva liberato sul secondo palo. L'occasione grossa capita ancora al giovane attaccante senegalese, che lanciato in area salta prima il portiere salvo poi concludere debolmente permettendo il recupero di un difensore avversario.
Nel secondo tempo il Toro ci prova con più insistenza, ma la difesa della Pro è sempre attenta a chiudere ogni varco, anche con interventi all'ultimo. La doccia fredda arriva a metà ripresa quando Cucchietti commette fallo su De Bonis permettendo a Gouri di portare avanti i suoi dal dischetto. Da qui in avanti esordisce in Primavera il giovanissimo Millico, inserito nel nuovo 4-2-4. E' proprio lui a procurarsi il penalty al 37', concretizzato al meglio da D'Alena (pochi minuti prima Dieye si era divorato il pareggio). Il finale è un assedio, alimentato anche dal Rosso per Negro ma non accade più nulla di rilievo ed il Toro coglie il pareggio, altro risultato deludente.

infotoro

Primavera Torino, sabato trasferta a Vercelli

Appuntamento in trasferta per il Torino FC Primavera, alla ricerca di riscatto dopo il ko interno contro il Chievo della settimana scorsa. I ragazzi di Coppitelli saranno impegnati sabato alle ore 14.30 contro la Pro Vercelli. Ilmatch avrà luogo presso il c.s. Roberto Picco di Trino (VC).

 

Primavera, Torino - Chievo Verona 0-1

Marcatori: st 10' rig. Rabbas.

Torino: Cucchietti; Tofanari, Giraudo, Rivoira, Mele (12' st Oukhadda); Friedenlieb, Traoré, Rossetti; De Luca, Berardi (27' st Gjuci), D’Alena (40' st Dieye).
A disposizione: Coppola, Auriletto, Buongiorno, Samake, Bortoletti, Luise, Gashi.
Allenatore: Coppitelli.

Chievo: Confente; Polo, Oprut, Sbampato, Danieli, Pogliano, Rabbas, Bertagnoli, Isufaj (46' st Ebui), Liberal, Manconi (34' st Pozzoni).
A disposizione: Pavoni, Apollonio, Nuti, Kaleba, Franchini, Imiolek.
Allenatore: D'Anna.

Arbitro: Giua di Olbia.
Note: ammoniti Mele, Polo, Friedenlieb, Isufaj, Rivoira. Recupero 0', 2'.

Ad alti livelli questo Torino, purtroppo, non funziona. Lo ha già dimostrato contro l'Empoli (e contro la Juventus), ma pure con l'Udinese proseguendo ora contro il Chievo Verona, battuto si all'andata ma in un periodo di forte rodaggio per la formazione clivense. Tre partite che hanno portato un solo punto permettendo ora alla formazione di D'Anna di scappare in classifica.
Brutta prestazione per i ragazzi di Coppitelli, che non subiscono molto venendo puniti da un episodio sfortunato, ma non riescono neppure a creare, ad eccezione della clamorosa occasione nei minuti finali, altrettanto. Dopo dieci minuti Traoré mette in difficoltà il portiere avversario il quale è però bravo a deviare in corner in tuffo. Si tratta dell'unica vera occasione di un brutto primo tempo. Nella ripresa l'episodio che decide il risultato, Manconi gira verso la porta, il neo acquisto Tofanari allarga il braccio fermando la conclusione e l'arbitro indica il dischetto, da cui Rabbas batte Cucchietti. A parte un colpo di testa di De Luca neppure troppo pericoloso, il Toro non produce nulla fino alla mezzora passata, quando Gjuci riesce nell'impresa di non insaccare da mezzo metro della porta vuota sulla conclusione di Traoré. L'ultima possibilità di impattare a pochi secondi dal triplice fischio: ci ha privato Giraudo, ma il suo diagonale sfiora solo il montante. Primo ko interno del Torino in campionato, nella partita peggiore.

infotoro