Log in

 

Finale Primavera, Inter Campione d'Italia

FIORENTINA-INTER 1-2

Reti: 13′ Vanheusden, 22′ st Pinamonti, 31′ st rig. Sottil (F)

Fiorentina: Cerofolini; Mosti, Illanes, Chrzanowski, Pinto (46′ Ranieri); Diakhate, Castrovilli, Trovato (83′ Caso); Sottil, Mlakar (62′ Gori), Perez.
A disp.: Satalino, Ghidotti, Ranieri, Militari, Ferirgra, Faye, Maganjic, Marozzi, Benedetti, Meli.
All.: Federico Guidi.

Inter: Di Gregorio; Mattioli, Gravillon, Vanheusden, Cagnano; Carraro, Awua, Rivas; Emmers (83′ Danso); Rover (58′ Bakayoko), Pinamonti.
A disp.: Mangano, Dekic, Valietti, Belkheir, Bollini Frigerio, Butic, Lombadoni, Mutton, Sala, Putzolu.
All.: Stefano Vecchi.

L'Inter si laurea Campione d'Italia 2016/2017 superando la Fiorentina nella finale della Primavera TIM - Trofeo "G. Facchetti" disputata al Mapei Stadium. Per i nerazzurri si tratta dell'ottavo titolo di categoria, che colloca l'Inter al pari della Roma nell'Albo d'Oro, dove primeggia il Torino con 9. Curiosa la sequenza temporale delle vittorie in casa Inter, vincitrice ogni cinque anni negli anni duemila (2002, 2007, 2012, 2017).
Oggi la sfida con la Fiorentina è stata caratterizzata da un grande equilibrio, protrattosi fino al raddoppio nerazzurro, quando i viola si sono sbilanciati concedendo parecchie occasioni in contropiede. Nonostante il vantaggio siglato al 18' da Vanheusden (colpo di testa su angolo di Rivas), infatti, la partita ha offerto poche occasioni da gol nel primo tempo, con le due formazioni molto coperte e attente a non concedere palle gol. Nella ripresa le formazioni si sono allungate, con l'Inter che ha trovato il raddoppio proprio nel momento migliore della Fiorentina (colpo di testa in girata di Pinamonti al 67'). In doppio svantaggio la formazione di Guidi si è riversata all'attacco, accorciando le distanze su rigore con Sottil al 67'. Con i viola all'assalto finale i ragazzi di Vecchi hanno avuto negli ultimi minuti tre nitide palle gol per chiudere in anticipo il match (con Danso, Pinamonti e Bakayoko), ma il risultato è rimasto invariato fino alla fine, laureando l'Inter Campione d'Italia.

 

Fase Finale Campionato Primavera, Quarti di Finale: Fiorentina - Atalanta 1-0

RETE: 44' p.t. Mlakar.

ATALANTA: Mazzini, Migliorelli, Gatti, Bastoni, Bolis (34' p.t. Mallamo), Mazzocchi (28' s.t. Latte), Capone (40' s.t. Elia), Barrow, Zambataro, Melegoni, Badjie.
A disposizione: Taliento, Eleuteri, Marchetti, Zanoni, Alari, Del Prato, Colpani, Pagliari, Forte.
Allenatore: Valter Bonacina.

FIORENTINA: Cerofolini, Mosti, Sottil (32' s.t. Gori), Diakhate, Mlakar, Castrovilli, Baroni, Minucci, Perez, Trovato (45' s.t. Faye), Pinto (28' s.t. Ranieri).
A disposizione: Satalino, Ghidotti, Ranieri, Chrzanowski, Militari, Caso, Ferigra, Gori, Faye, Maganjic, Benedetti, Meli.
Allenatore: Federico Guidi.

ARBITRO: Irrati di Pistoia (Assistenti Tolfo e Di Iorio; IV Ufficiale Miele).

NOTE: ammoniti Gatti (A), Minucci (F), Pinto (F).

Si ferma nei quarti il cammino nella Fase Finale della Primavera di mister Valter Bonacina, sconfitta 1-0 dalla Fiorentina allo Stadio Tardini di Parma. Decisiva una rete di Mlakar allo scadere del primo tempo. Poi nella ripresa i tentativi di riequilibrare la gara con Bonacina che inserisce anche Latte e Elia (nel primo tempo Mallamo aveva preso il posto dell'infortunato Bolis), ma la difesa viola regge. L'ultimo brivido lo crea Barrow con un colpo di testa nel recupero. In semifinale passa la Fiorentina e alla fine è grande il rammarico tra i ragazzi di Bonacina (nella foto Capone consola capitan Gatti), ma la Primavera esce comunque a testa alta dopo un campionato giocato da protagonista.

Primavera, Napoli - Fiorentina 0-1

Napoli: Scheper, Schiavi, Riccio, Abdallah, Esposito, Marie Santie, Russo, Gaetano, Do Nascimiento, Acunzo, Zerbin.
A disposizione di mister Saurini: Marfella, Mazzella, Granata, Calabrese, Migliaccio, Otranto, Napolitano, Della Corte, Ritieni, Liguori, Daddio.

Fiorentina: Dragowski, Scalera, Illanes, Baroni, Trovato, Ranieri, Sottil, Diakhate, Gori, Castrovilli e Perez.
A disposizione di mister Guidi: Cerofolini, Benedetti, Mosti, Pinto, Faye, Caso, Maganjic, Militari, Meli.

Arbitro: De Tullo (Bari)
Ass.1 Viola (Bari)
Ass.2 Lacalamita (Bari)

La Primavera della Fiorentina coglie una vittoria fondamentale in chiave classifica ed in chiave Final Eight all'ultimo resipiro ed in pieno recupero grazie alla rete di Gori (94') battendo così il Napoli in trasferta a Sant'Antimo. I viola guidati da mister Guidi salgono a quota 52 punti in campionato mantenendo la seconda pozione ed allungando di due punti sul Milan (che ha pareggiato 1-1 contro la Lazio).

Anticipo Primavera, Fiorentina - Perugia 6-1

Marcatori: 10′ Maganjic (F), 28′ rig. Trovato (F), 61′ Castrovilli (F), 69′ Sottil (F), 81′ Gori (F), 83′ Panaioli (P), 84′ Perez (F).

Fiorentina: Dragowski; Scalera, Illanes, Baroni (78′ Ferigra), Ranieri; Militari, Trovato (69′ Gori) Castrovilli; Maganjic (58′ Sottil), Mlakar, Perez.
A disp.: Cerofolini, Belotti, Benedetti, Mosti, Marozzi, Faye, Meli, Toure.
All.: Federico Guidi.

Perugia: Santopadre; Gualtieri, Polidori, Achy, Patrignani (65′ Panaioli); Amadio (78′ Traore), Pellegrini (46′ Manga), Rondoni; Di Nolfo, Vicaroni; Mirval.
A disp.: Sorci, Fracassini, Buzzi, Bagnolo, Martinelli.
All.: Davide Ciampelli.

Arbitro: Sig. Zingarelli di Siena.

Ammoniti: 27′ Patrignani (P), 58′ Castrovilli (F).

Con una grande prestazione la Fiorentina Primavera batte il Perugia per 6-1 nella gara di anticipo della 24^ giornata disputatasi oggi pomeriggio alle 15.00 al "Gino Bozzi" di Firenze. Con questa vittoria i ragazzi di mister Guidi salgono momentaneamente in seconda posizione a quota 49 punti sorpassando il Verona di due lunghezze e portandosi a meno tre lunghezze dalla capolista Lazio. Hellas Verone e Lazio si scontreranno domani.

Primavera, Fiorentina - Lazio 5-2

FIORENTINA (4-3-3): Dragowski; Mosti, Illanes, Chrzanowski, Pinto; Castrovilli, Faye, Diakhate; Gori, Mlakar, Perez.
A disp.: Cerofolini, Belotti, Ferigra, Benedetti, Ranieri, Marozzi, Maganjic, Militari, Sottil, Scalera.
All.: Federico Guidi

LAZIO (4-2-3-1): Adamonis; Spizzichino, Miceli, Petro, Ceka; Abukar, Folorunsho; Portanova, Bezziccheri, Ndiaye; Rossi.
A disp.: Alia, Spiezio, Baxevanos, Bari, Cardoselli, Beqiri, Rezzi, Javorcic, Al-Hassan, Muzzi.
All.: Andrea Bonatti.

Arbitro: Marco Guarnieri (sez. Empoli) Ass.: Scatragli-Pancioni.

La Primavera di mister Guidi rifila cinque goal alla Lazio di Bonatti nel big match del girone A andato in scena oggi pomeriggio al "Gino Bozzi" di Firenze. Successo importantissimo per i viola che porta la squadra a 42 punti, ora a sole quattro lunghezze dai biancocelesti. La Lazio gioca bene la prima parte della gara anche se in dieci dal 26' per il rosso a Folorusnho. Per i biancocelesti vanno a segno Bezziccheri e Rossi, con in mezzo l'1-1 di Mlakar. Lo stesso numero 9 viola insieme a Gori e Sottil, è il protagonista del secondo tempo. Vittoria importante per la Fiorentina, che riapre cosi il discorso primo posto.

 

Primavera, Fiorentina - Latina 4-0

Marcatori: 59′ Trovato (F), 63′ Perez (F), 78′ Valencic (F), 87′ Trovato (F)

Fiorentina: Dragowski; Scalera, Baroni, Pinto, Ranieri (71′ Benedetti); Valencic, Militari (54′ Faye); Trovato (68′ Caso), Perez, Sottil; Mlakar.
A disp.: Cerofolini, Ferigra, Illanes, Mosti, Gori, Meli, Turé, Maganjic.
All.: Guidi

Latina: Rausa; Costanzo, Morelli, Santovito, Oberrauch (Tucci); Barberini, Megelaitis, Colarieti (80′ Begliuti); Beccaceci, Rodriguez, Atiagli.
A disp.: Marino, Cancelli, Barry, Chianese, Arfaoui, Rizzi, Muca, Romani, Mentana, Giardino.
All.: Tebi

Note: Ammoniti Ranieri (F), Trovato (F), Santovito (L), Tucci (L)

La Fiorentina Primavera vince per 4-0 contro il Latina nella gara di anticipo della ventunesima giornata di campionato. Viola in seconda posizione (per differenza reti) a quota 42 punti in virtù del pareggio del Milan contro la Sapdoria (1-1).

Primavera, Sampdoria - Fiorentina 1-0

Rete: s.t. 37’ Baumgartner rig.

Sampdoria (4-3-1-2): Krapikas; Oliana, Pastor, Leverbe, Tissone; Tessiore, Criscuolo (42’ s.t. Curito), Baumgartner; Cioce (28’ s.t. Gabbani); Balde, Vrioni (28’ s.t. Cuomo).
A disposizione: Cavagnaro, Piccardo, Amuzie, Gilardi, De Nicolo, Romei, Testa, Gomes Ricciulli.
Allenatore: Francesco Pedone.

Fiorentina (4-4-2): Cerofolini; Scalera, Illenas (40’ s.t. Gori), Chrzanowski, Pinti; Perez, Militari (39’ s.t. Faye), Valencic, Caso (18’ s.t. Sottil), Mlakar, Castrovilli.
A disposizione: Ghidotti, Benedetti, Ferigra, Mosti, Baroni, Belotti, Trovato, Ranieri.
Allenatore: Federico Guidi.

Arbitro: Maggioni di Lecco.
Assistenti: Mokhtar di Lecco e Zaninetti di Voghera.
Note: espulso al 45’ s.t. Guidi per proteste; ammoniti al 24’ p.t. Pinto, all’11’ s.t. Chrzanowski, al 36’ s.t. Militari, 45’ s.t. Leverbe per gioco scorretto; recupero 1’ p.t., 3’ s.t.; spettatori 150; terreno di gioco sintetico.

La Sampdoria Primavera torna a sorridere. Dopo il k.o. interno subito con la Lazio e il pari ottenuto una settimana fa in casa dell’Hellas Verona, i ragazzi di Ciccio Pedone superano con merito, seppur di misura, la Fiorentina al “Garrone” di Bogliasco grazie al penalty trasformato da Baumgartner nel finale e la scavalcano in classifica portandosi a quota 41 punti.
I baby blucerchiati iniziano con il freno a mano tirato, crescono con il passare dei minuti ma sprecano l’opportunità per sbloccare il risultato già nella prima frazione. Al 13’ Illenas ferma istintivamente con il braccio una conclusione di Balde e il direttore di gara assegna il penalty in favore del Doria. Sul dischetto va Cioce, ma Cerofolini intuisce la conclusione del capitano doriano e in tuffo fa sua la sfera.
La ripresa inizia così come si era chiusa la prima frazione: con il Doria alla ricerca del vantaggio e i viola pericolosi in contropiede. Al 27’ Vrioni raccoglie il lancio di Tessiore dalla destra e con il mancino calcia su Cerofolini che in due tempi fa sua la sfera. Due minuti più tardi Pedone prova a dare maggior freschezza alla manovra inserendo Gabbani al posto di Cioce con l’avanzamento di Criscuolo a supporto del tandem offensivo, dove Cuomo entra al posto di Vrioni per affiancare Balde.
Mosse che fruttano il vantaggio. Proprio Criscuolo al 33’ scambia con Cuomo e una volta in area viene steso da Militari. Anche questa volta Maggioni è a due passi ed assegna il secondo penalty alla Samp, ammonendo l’autore del fallo. Questa volta sul dischetto va Baumgartner che spiazza Cerofolini e porta in vantaggio la Samp, facendo esplodere di gioia il “Garrone”.
Nel finale gli animi si surriscaldano. Il tecnico viola Guidi viene allontanato dal campo per proteste, la Fiorentina si riversa in avanti e in contropiede il Doria sfiora il raddoppio con il neoentrato Curito. Allo scadere dei tre minuti di recupero Cioce e compagni possono far festa: la Sampdoria Primavera è tornata e da lunedì preparerà l’ennesimo big-match: venerdì 10 marzo ad attenderla “Vismara” di Milano ci sarà il Milan.

Primavera, Fiorentina - Cesena 2-2

Marcatori: 19’ pt. Akammadu (CE), 8’ st. Sottil (FI), 12’ st. Perez (FI), 32’ st. Akammadu (CE)

ACF FIORENTINA: Satalino, Scalera, Pinto (28’ st. Ferigra), Chrzanowski, Valencic, Ranieri, Sottil (27’ st. Gori), Militari (8’ st. Illanes), Mlakar, Castrovilli, Perez.
A disp: (Cerofolini, Mascarenhas, Caso, Faye, Belotti).
Allenatore: Guidi F.

A.C. CESENA: Fantini, Soumahin (37’ st. Ceccacci), Carnicelli, Salcuni, Farabegoli, Cavallari, Conti (27’ st. Tommasini), Dhamo, Akammadu, Maleh, Kondic (44’ st. Andreoli).
A disp: (Bianchini, Felli, Gasperoni)
Allenatore: Angelini G.

Ammonizioni: 27’ st. Dhamo (CE), 36’ st. Farabegoli (CE)

La Primavera del Cesena guidata da mister Giuseppe Angelini conquista un buon pareggio in terra Fiorentina. Sono i bianconeri a sbloccare l’incontro al minuto 19’ con il gol del n. 9 Akammdu. Nella ripresa parte forte la Fiorentina che accorcia le distanze all' 8' st. con il n.7 Sottil e si porta momentaneamente in vantaggio al 12' st. con il n. 11 Perez. La rete che sancisce il pareggio arriva al 32’ del secondo tempo porta la firma del solito Akammadu.