Log in

 

Grieco: metteremo in difficoltà Longo

Il tecnico Vito Grieco dopo  Avellino 0 –  Pro Vercelli 3.

Marcatori:  15′ De Mitri (P.V.), 33′ Gouri (P.V.), 72′ De Mitri (P.V.).

Una vittoria per la crescita dei ragazzi della Pro Vercelli quella di sabato scorso ad Avellino. Ormai il campionato non ha quasi nulla da dire sia per l’Avellino che per la Pro Vercelli. Ma il tecnico dei Piemontesi, nel dopo-gara ha evidenziato alcuni aspetti positivi che saranno un buon tesoro per il futuro. Vito Grieco da calciatore tantissime avventure in  “C” ed in “B”, arrivando fino alla promozione in “A” con il Modena, può trasmettere ai suoi ragazzi come conquistare un posto tra i professionisti.

P.D.: “ Appare severa la classifica per la Pro Vercelli, almeno per quello visto qui ad Avellino?”

Grieco: “ Condivido. Ma la classifica esprime quello che abbiamo fatto. Certo che in alcune gare abbiamo fatto come oggi ma non siamo stati premiati. Oggi invece il risultato ci ha dato ragione anche rispetto al gioco espresso.”

P.D.: “ Nonostante la lunga distanza, tanti ragazzi del sud in organico. Sebastiano Luperto, proprietà Napoli in prima squadra, in primavera anche qualche ragazzo di Napoli!”

Grieco: “ Forse si riferisce a Davide Di Napoli, al quale oggi ho concesso spazio e si è comportato bene! Era il giorno della sua rivincita perché anche se in altre occasioni ha avuto spazio, quest’anno è stato un tantino sfortunato alle prese con qualche infortunio. Direi che sicuramente è un ragazzo interessante!”

P.D.: “ Spazi del campo ben coperti e buon giro palla, si vede la buona mano tecnica, ma in prospettiva prima squadra?”

Grieco: “ Ringrazio per i complimenti che saranno girati ai ragazzi! Penso che almeno due – tre ragazzi, possono avere il sogno di essere in un contesto di serie “B” … e  continuando, da oggi più di ieri, cercheremo di mettere in difficoltà mister Longo che poi sarà Lui a decidere di conseguenza!”

Primavera, Spal - Sampdoria 1-3

Reti: p.t. 10′ e 33′ Baumgartner, 47′ Boccafoglia; s.t. 47′ Cioce.

Spal (3-5-2): Thiam; Boccafoglia, Equizi, Ferrari; Strefezza, Artioli, Eklu Shaka, Di Pardo, Picozzi; Ubaldi (38′ s.t. Cigognini), Vago (11′ s.t. Scarparo).
A disposizione: Seri, Granziera, Foschini, Anostini, Righetti, Cantelli, Boreggio, Mostromattei, Balboni.
Allenatore: Roberto Rossi.

Sampdoria (4-3-1-2): Krapikas; Tomic (30′ s.t. Oliana), Leverbe, Pastor, Amuzie; Tessiore, Criscuolo (16′ s.t. Gabbani), Baumgartner; Cioce; Balde, Vrioni (45′ s.t. Tissone).
A disposizione: Cavagnaro, Gilardi, Romei, Ejjaki, Testa, Gomes Ricciulli.
Allenatore: Francesco Pedone.

Arbitro: Candeo di Este.
Assistenti: Sartori di Padova e Zanetti di Portogruaro.
Note: spulso al 9′ s.t. Boccafoglia per doppia ammonizione; ammoniti al 37′ p.t. Krapikas per proteste, al 15′ s.t. Criscuolo e Di Pardo, al 25′ s.t. Eklu Shaka, al 29′ s.t. Balde, al 46′ s.t. Tessiore per gioco scorretto; recupero 3′ p.t. e 1′ s.t.; terreno di gioco in sintetico.

Nell’uovo di Pasqua Ciccio Pedone non trova la solita sorpresina da quattro soldi ma tre punti d’oro zecchino. La Sampdoria Primavera espugna il “Copparo” di Ferrara e risponde con tre squilli alle roboanti vittorie di Fiorentina e Milan negli anticipi del venerdì, restando quindi aggrappata al gruppo delle seconde.
I blucerchiati partono subito forte e con Baumgartner trovano il vantaggio già al 10′. L’esterno slovacco è in giornata di grazia e poco dopo la mezzora serve anche il bis. Tutto facile? Macché, nel recupero la Spal torna a farsi Boccafoglia trova tempo e modo di trafiggere Krapikas e fare 1-2. La fiammella della speranza biancazzurra è accesa: pareggio e playoff non sono poi così lontani quando i ventidue risbucano dagli spogliatoi. È proprio l’autore gol spallino a tirare però una secchiata d’acqua gelida sui propri compagni: Boccafoglia entra in ritardo su Vrioni e si becca il secondo giallo (54′), fiaccando così il tentativo di rimonta.
Da questo momento in poi, la partita scivola via senza troppi patemi e, anzi, nel recupero capitan Cioce ha modo di mettere il punto esclamativo sulla prestazione dei nostri, che salgono a quota 49 al pari di viola e rossoneri. Ora non resta che completare l’ottimo lavoro fatto fin qui vincendo anche le ultime due giornate con Trapani e Latina

Primavera, Spezia - Brescia 1-0

Marcatori: 21'st Vatteroni (S)

SPEZIA: Desjardins, Gavini (18'st Demofonti), Della Pina (27'st Panaccione), Mannucci, Maigini (C), Manfredi, Giuliani, Martorelli, Capelli, Vatteroni (39'st Cerretti), Posenato
A disp. Fontana, Selimi, Conti, Cantatore, Monti
All. Giampieretti F.

BRESCIA: Arrighi, Torri, Baronio, Mangraviti, Carminati, Gentili, Minessi, Ferrari (17'st Venturelli), De Paoli, Tonali, Galante (1'st Milanesi)
A disp. Ndos, Gregorio, Licini, Viviani, Nezha
All. Bruni L.

Arbitro: Sig. Piscopo di Imperia

Nel 24° turno di campionato, gli aquilotti di Flavio Giampieretti superano di misura i pari età del Brescia, sfruttando nel migliore dei modi il turno casalingo. In un primo tempo equilibrato, è comunque lo Spezia ad avere le occasioni migliori, ma le conclusioni di Martorelli al 38' e di Gavini al 40' non bastano per portare in vantaggio gli aquilotti.
Nella ripresa è ancora Martorelli a mettere in difficoltà Arrighi, bravissimo a deviare in calcio d'angolo sulla potente botta del centrocampista toscano, mentre al 14' è Capelli a testare i riflessi del numero 1 lombardo, ancora una volta superlativo nel salvare la propria porta con un gesto felino sul colpo di testa a botta sicura del numero 9 spezzino. Tuttavia il gol è nell'aria ed arriva al 21', quando Demofonti apre in fascia per Della Pina, il cui cross trova prontissimo Vatteroni a centro area, perfetto nell'insaccare al volo ed a portare in vantaggio i suoi. Nei minuti successivi è sempre lo Spezia a tenere in mano le redini del gioco, tanto da sfiorare anche la seconda rete, ma sulla bellissima rovesciata di Capelli, è ancora una volta Arrighi a dire di no, deviando in angolo la sfera. Da segnalare infine, gli esordi nella formazione primavera del portiere Desjardins e del difensore Cerretti, rispettivamente classe 2000 e 2001.
www.acspezia.com

Primavera, Palermo - Roma 1-2

Marcatori: 40' Soleri (AS Roma), 54' Bonfiglio (US Città di Palermo), 84' Anočić (AS Roma).

US CITTÀ DI PALERMO (3-5-2) : Guddo; Punzi, Maddaloni (89' Kebbeh), Tafa; Mazza, Marinali, Zé Maria (63' Tramonte), Santoro (81' Calivà), Giuliano; Plescia, Bonfiglio.
A disp.: Breza (GK), Tarantino, Ambro, Rizzo, Di Paola, Gallo A., Manno, Di Cara (GK).
All.: Bosi.

AS ROMA (4-3-3) : Crisanto; Ciavattini (57' Anočić), Nani, Marchizza, Pellegrini; Valeau (70' Keba Coly), Bordin, Spinozzi; Antonucci (81' Cappa), Tumminello, Soleri.
A disp.: Romagnoli (GK), Ciofi, Diallo Ba, Kastrati, Grossi, Franchi, Meadows.
All.: De Rossi.

Arbitro: Sig. Alberto Santoro di Messina.
Assistente 1: Sig. Alfio Conti di Acireale.
Assistente 2: Sig. Salvatore Sangiorgio di Catania.
Ammoniti: Bordin (AS Roma), Maddoloni (US Città di Palermo), Tumminello (AS Roma).
Espulsi: 90+1' Spinozzi (AS Roma).
Note: recupero 0'pt,5+1'st. Calci d'angolo: 3-4.

Nella 24ª giornata del Girone C dei Gironi Eliminatori del Campionato Primavera TIM - Trofeo "Giacinto Facchetti" 2016/2017 l'AS Roma del tecnico Alberto De Rossi vince per 2-1 contro l'US Città di Palermo del tecnico Giovanni Bosi.
I giallorossi, dopo essere passati in vantaggio al 40' con Edoardo Soleri, vengono raggiunti dai padroni di casa con la rete rosanero di Francesco Bonfiglio al 54' prima che il subentrante Silvio Anočić regali la vittoria alla Roma trafiggendo Samuele Guddo all'84'. Da registrare, al 90+1', l'espulsione di Emanuele Spinozzi per un falo da dietro ai danni di un avversario.

Primavera, Genoa - Salernitana 4-1

Reti: 2’ pt rig. Asencio, 9’ pt Benedetti, 35’ pt Minardi (G), 13’ st Thioune (S), 26’ st Bianchi (G).

Genoa: Rollandi, Capotos, Mahrous, Embalo (39’ st Funicelli), Quaini, Zanadrea, Micovschi (13’ st Bianchi), Minardi, Asencio, Zanimacchia, Benedetti (32’ st Fassone).
All. Stellini.
A disposizione: Boasi, Bruzzo, Palmese, Logan, Sibilia, Tazzer, Belloni, Coppola, Bulgarelli.

Salernitana: Scolavino, Nardecchia, Vignes, Amabile (33’ st Maione), Ranieri, Siciliano, Faella (24’ st Carrafiello), Proto, Palladino (47’ st Cantelli), Gaeta, Thioune.
All. Savini.
A disposizione: Cangiano, Alcorace, Garofalo, Caterino, Altea.

Arbitro: Gariglio di Pinerolo.
Assistenti: Trinchieri (sez. Milano) – Lombardo (sez. Sesto San Giovanni).
Ammoniti: Amabile, Palladino (S).
Recupero: 3’ pt, 4’ st.

Sonora sconfitta per la Salernitana Primavera. Allo “Sciorba” i granatini incassano un sonoro 4–1 dal Genoa, avanti già al 2’ grazie a un calcio di rigore trasformato da Asencio. Lo stesso Asencio regala a Benedetti l’assist che vale il 2–0 dopo nove minuti. I granatini accusano il colpo e al 35’ subiscono il tris ad opera di Minardi, che chiude il primo tempo sul 3–0. Al 13’ della ripresa sussulto d’orgoglio dei granatini, che accorciano le distanze con Thioune, bravo a incornare di testa un cross dalla sinistra di Vignes. Ma è un fuoco di paglia perché al 26’ il neo entrato Bianchi cala il poker, fissando il risultato sul definitivo 4–1.

Primavera, Bologna - Novara 1-0

Marcatori: 44′ Okwonkwo (B)

BOLOGNA: Ravaglia, Callegari, Frabotta, Gulinatti, Bianconi, Cestaro, Pattarello (78′ Tazza), Cozzari, Okwonkwo, Trovade (74′ Tabacchi), El Kaouakibi (66′ Ghini).
All. Magnani

NOVARA: Ragone, Carrara (82′ Oliveira Ferreira), Guatieri, Collodel, Bove, Pasqualoni, Ageymang, Penna (60′ Gomez Oliveira), Salucci, Caldirola (60′ Lattarulo), Stoppa.
All. Gattuso

Arbitro: D’Ascanio di Ancona

Ammoniti: Collodel (N), Pasqualoni (N), Ageymang (N), Okwonkwo (B)

Primavera, Sassuolo - Chievo Verona 0-0

SASSUOLO: Costa, Gambardella, Masetti, Abelli, Rossini, Ravanelli, Pierini, Franchini (90' Palma), Bruschi (78' Romairone), Marin, Caputo (74' Piscicelli).
A disposizione: Fasolino, Saccani, Celia, Ferrini, Cipolla, Tinterri, Diaw, Sarzi Maddidini.
Allenatore: Paolo Mandelli.

CHIEVO VERONA: Pavoni, Carminati, Oprut, Sbampato, Danieli, Pogliano, Rabbas, Polo, Isufaj (90' Ebui), Liberal, Ngissah (74' Bertagnoli).
A disposizione: Anderloni, Pavlev, Dukic, Nuti, Kaleba, Pozzoni, Franchini, Cataldi, Ceretta.
Allenatore: Lorenzo D'Anna.

Arbitro: Sig. Viotti di Tivoli.
Assistenti: Sig. Della Croce e Sig. Salvatori di Rimini.


Due ottime squadre si sono affrontate oggi al Ferrarini di Castellarano, ne è scaturito un pareggio a reti inviolate. Il Sassuolo ha mancato l'occasione per superare in classifica i veneti ma il punto è comunque prezioso e mantiene i neroverdi solitari al terzo posto in graduatoria a due giornate dal termine della regular season. Buon avvio dei neroverdi che sono più intraprendenti, il Chievo tiene bene il campo e risponde con qualche veloce ripartenza che la difesa del Sassuolo controlla senza troppi affanni. Al 13' guizzo di Pierini e buon sinistro che impegna in angolo Pavoni. Al 26' bella azione corale con palla in area per Bruschi che però non arriva alla deviazione. Al 38' colpo di testa di Isufaj che termina a lato, poco prima dell'intervallo Bruschi tenta di sorprendere Pavoni con un pallonetto dalla distanza ma il portiere veneto controlla. Squadre al riposo sullo 0-0. La ripresa corre sul filo dell'equilibrio, il Sassuolo gioca e cerca con più insistenza qualche sbocco in avanti ma il Chievo si conferma solido. I neroverdi chiudono in attacco ma il risultato rimane fissato sullo 0-0.

Primavera, Pescara - Cittadella 1-1

Reti: Rodriguez 30’st, Ballarin 48’st

PESCARA: Antonino, Diana (Scimia 1’st), Di Giacomo, Maloku, ,Ferrini, Rodriguez, Diallo, Marcelli, Sow (Mancini 7’st), Del Sole, Ilic (Pompetti 27’st).
A disposizione: Fargione, Zugaro, Marino, Lupo, Battista, Liguori.
Allenatore: Ruscitti

CITTADELLA: Bugin, Guerra, Zonta, Maniero, Maronilli, Nocerino, Caccin, Ansah (Volpato 35’st), Tumiatti (Ballarin 14’st), Sartori, Rozzi (Placido 19’st).
A disposizione: Vettorel, Ferro, Menon, Papi.
Allenatore: Giacomin

Arbitro: Cudini Cristian sez. Fermo
I’Assistente: Teodori Simone sez. Fermo
II’Assistente: Montanari Enrico sez. Ancona

Ammoniti: Ansah 22’pt, Rodriguez 6’st, Marcelli 37’st

La Primavera del Pescara di Mister Ruscitti Dopo aver raggiunto il vantaggio al 30’st cede di schianto nel finale e al 48′ gli ospiti riescono a trovare il gol del pareggio.(Pescara 1 Cittadella 1).