Log in

 

Primavera, Spal - Sampdoria 1-3

In evidenza Primavera, Spal - Sampdoria 1-3

Reti: p.t. 10′ e 33′ Baumgartner, 47′ Boccafoglia; s.t. 47′ Cioce.

Spal (3-5-2): Thiam; Boccafoglia, Equizi, Ferrari; Strefezza, Artioli, Eklu Shaka, Di Pardo, Picozzi; Ubaldi (38′ s.t. Cigognini), Vago (11′ s.t. Scarparo).
A disposizione: Seri, Granziera, Foschini, Anostini, Righetti, Cantelli, Boreggio, Mostromattei, Balboni.
Allenatore: Roberto Rossi.

Sampdoria (4-3-1-2): Krapikas; Tomic (30′ s.t. Oliana), Leverbe, Pastor, Amuzie; Tessiore, Criscuolo (16′ s.t. Gabbani), Baumgartner; Cioce; Balde, Vrioni (45′ s.t. Tissone).
A disposizione: Cavagnaro, Gilardi, Romei, Ejjaki, Testa, Gomes Ricciulli.
Allenatore: Francesco Pedone.

Arbitro: Candeo di Este.
Assistenti: Sartori di Padova e Zanetti di Portogruaro.
Note: spulso al 9′ s.t. Boccafoglia per doppia ammonizione; ammoniti al 37′ p.t. Krapikas per proteste, al 15′ s.t. Criscuolo e Di Pardo, al 25′ s.t. Eklu Shaka, al 29′ s.t. Balde, al 46′ s.t. Tessiore per gioco scorretto; recupero 3′ p.t. e 1′ s.t.; terreno di gioco in sintetico.

Nell’uovo di Pasqua Ciccio Pedone non trova la solita sorpresina da quattro soldi ma tre punti d’oro zecchino. La Sampdoria Primavera espugna il “Copparo” di Ferrara e risponde con tre squilli alle roboanti vittorie di Fiorentina e Milan negli anticipi del venerdì, restando quindi aggrappata al gruppo delle seconde.
I blucerchiati partono subito forte e con Baumgartner trovano il vantaggio già al 10′. L’esterno slovacco è in giornata di grazia e poco dopo la mezzora serve anche il bis. Tutto facile? Macché, nel recupero la Spal torna a farsi Boccafoglia trova tempo e modo di trafiggere Krapikas e fare 1-2. La fiammella della speranza biancazzurra è accesa: pareggio e playoff non sono poi così lontani quando i ventidue risbucano dagli spogliatoi. È proprio l’autore gol spallino a tirare però una secchiata d’acqua gelida sui propri compagni: Boccafoglia entra in ritardo su Vrioni e si becca il secondo giallo (54′), fiaccando così il tentativo di rimonta.
Da questo momento in poi, la partita scivola via senza troppi patemi e, anzi, nel recupero capitan Cioce ha modo di mettere il punto esclamativo sulla prestazione dei nostri, che salgono a quota 49 al pari di viola e rossoneri. Ora non resta che completare l’ottimo lavoro fatto fin qui vincendo anche le ultime due giornate con Trapani e Latina