Log in

 

ROBERTO VECCHIATO È IL NUOVO ALLENATORE DEL TRENTO

In evidenza ROBERTO VECCHIATO È IL NUOVO ALLENATORE DEL TRENTO

 

L'ex difensore aquilotto torna in gialloblu nel ruolo di tecnico della prima squadra

63 presenze in Serie D a cavallo delle stagioni 2002-2003 e 2003-2004 hanno lasciato un ottimo

ricordo del Roberto Vecchiato calciatore: due annate condite da una promozione sfiorata e

dall’aver trovato proprio in Trentino lo spazio per mettere su famiglia.

Quattro campionati di Serie D sulla panchina del Belluno lo hanno reso uno dei tecnici più ambiti:

Vecchiato ha portato e mantenuto la squadra veneta nelle zone alte della classifica con tre

piazzamenti in zona play-off.

Il profilo ideale per rispondere alle ambiziose esigenze della società di Via Sanseverino che ha

scelto Vecchiato anche per le attitudini tattiche mostrate dal tecnico classe 1972, aspetto che

consente al Direttore Sportivo Claudio Rastelli di affinare la ricerca dei giocatori che comporranno

la rosa del Trento targato 2017-2018.

Queste le dichiarazioni raccolte durante la conferenza stampa organizzata presso la Conferenze

Room della Giacca Srl a Spini di Gardolo.

Fabrizio Brunialti, Direttore Generale del Trento: “Le caratteristiche del nuovo tecnico sono

esattamente quelle disegnate dal nostro Consiglio di Amministrazione e individuate dal Direttore

Sportivo Claudio Rastelli.

La società innanzitutto tiene molto a ringraziare in questo momento sia Stefano Manfioletti per i

risultati conseguiti insieme che il Presidente del Belluno Perissinotto per aver dato il via libera alla

presentazione di Vecchiato, tecnico col quale abbiamo concordato un vincolo annuale.

Il ritiro comincerà il prossimo 15 luglio e cogliamo palla al balzo per confermare il rinnovo

dell’accordo con l'Hotel Bellacosta di Cavalese, sede che ci ospiterà anche la prossima estate in

collaborazione con gli amici del Fiemme Calcio che ci mettono a disposizione il campo grande in

erba sintetica e quello piccolo in superficie naturale.

Daniele Sontacchi, Vice Presidente del Trento: “Il vero progetto parte oggi, in questa

bellissima sala che il nostro Presidente Mauro Giacca ha allestito a tempo record.

Stiamo costruendo le fondamenta di cui Vecchiato è un tassello importante. A lui chiediamo di

contribuire a questa crescita, non certo di vincere il campionato, mentre la società porta avanti con

convinzione le iniziative intraprese, sia a livello di prima squadra che di settore giovanile, a

cominciare dalla struttura che intendiamo realizzare a Trento Sud.

Stiamo lavorando, io per primo perché ci credo, sulla carrozzeria della grande macchina gialloblù,

consci della responsabilità che riveste la gestione di una società che si chiama Trento.”

Claudio Rastelli, Direttore Sportivo del Trento: “Quando ci siamo trovati a definire il percorso

con la società, abbiamo condiviso la necessità di affidare la panchina ad un tecnico esperto,

ambizioso e concentrato sul Trento a tempo pieno.

La scelta è caduta su Roberto proprio perché ha una concezione del calcio del tutto coerente con

lo stile della società gialloblu. Su queste basi costruiremo una rosa che parte dalla scelta strategica

degli under e arriva alla composizione di un impianto tattico adeguato anche come mentalità.”

Roberto Vecchiato, neo allenatore del Trento: “Sono onorato e felicissimo di tornare in

questa società, un traguardo raggiunto grazie alla bellissima esperienza sulla panchina del Belluno

cui va il mio forte ringraziamento.

Oggi non mi pongo la questione del tipo di girone che affronteremo, per me la priorità è costruire

una squadra capace di giocare con qualità di fronte a qualsiasi avversario. Anche per queste

ragioni ho condiviso l'accordo annuale: desidero che il Trento apprezzi sia il Vecchiato tecnico che

il Vecchiato persona, sono io che devo mostrare di che pasta sono fatto e sono molto motivato a

fare del mio meglio anche per dare le soddisfazioni che piazza e tifosi meritano vista la storia del

Trento.

Col Direttore Sportivo siamo già al lavoro per fare tutte le valutazioni in merito alla squadra e ai

giocatori che non vedo l'ora di portare in campo.”