Log in

 

Under 17 A e B, Trapani-Sampdoria 1-2

Under 17 A e B, Trapani-Sampdoria 1-2

Trapani: Rao, Benivegna, Martina, Sammartano (dal 40’ s.t. Fazio), D’Aguanno, Rallo (dal 37’ s.t. Barbara), Valenti, Vella, Lazzara, D’Anca (dal 1’ s.t. Carolo), Landa (dal 22’ s.t. Gancitano). A disposizione: Ingrassia, Fazio, Culcasi, Carollo, Barbara, Marino, Gancitano. All. Amoroso

Sampdoria: Hutvagner, Doda, Viola, Ivaldi (dal 40’ s.t. Ghiglia), Serbouti, Veips, Gnecchi, Dagnino, Cappelletti, Curito (dal 30’ s.t. Cuneo), Guazzini (dal 16’ s.t. Cabral)(dal 40’ s.t. Baggio). A disposizione: Scatolini, Ghiglia, Baggio, Scotti, Cabral, Gargano, Spadoni, Cuneo. All. Bellucci

Arbitro: Antonino Costanza di Agrigento; assistenti: Antonio Barone di Marsala e Francesco Picciche’ di Trapani
Reti: Cappelletti al 18’ p.t., Valenti al 1’ s.t., Cuneo al 34’ s.t.
Note: Ammoniti Gnecchi al 3’ p.t., Rallo al 16’ p.t., Ivaldi al 24’ p.t., Martina al 32’ p.t., Carollo al 16’ s.t., Doda al 32’ s.t. Calci d’angolo 4-4

La cronaca
– 4’ Punizione di Vella centrale ma che il portiere preferisce alzare in corner.
– 8’ Gran cambio di gioco di Valenti a cercare e trovare all’interno dell’area D’Anca che la mette giù col petto ma non riesce a concludere. Potenziale occasione dunque per i granata.
– 13’ Vella recupera la sfera sulla trequarti, va in porta con un tiro a metà tra un tocco sotto e un colpo di punta. Hutvagner scavalcato ma per sua fortuna il pallone si spegne sopra la sua trasversale
– 16’ Azione in avanti della Samp, la difesa libera ma sui piedi di Dagnino che non ci pensa su due volte e conclude ma sulla traversa a Rao battuto.
– 18’ Blucerchiati in vantaggio direttamente su calcio di punizione calciato da Cappelletti. Sorpreso Rao. Doria avanti.
– 28’ Occasione per il Trapani. Un difensore sembrava essere sulla traiettoria del passaggio ma il suo buco ha favorito l’intervento di Valenti che si infila e, da posizione defilata, non riesce ad angolare a sufficienza per battere Hutvagner che si oppone coi piedi
– 31’ Trapani che prende sempre più campo e che spinge sulla fascia sinistra con Martina che davanti a sé ha un po’ di campo e ha tutto il tempo per guardare e proporre in mezzo per il tocco di Lazzara che da posizione favorevolissima fallisce, spedendo fuori.
– 41’ Il Trapani inizia come meglio non avrebbe potuto. Fischio d’inizio battuto dai granata: lancio lungo di Rallo lungo linea per Valenti sulla destra. Terzino in ritardo, il numero sette scappa via, entra in area, palla c’è-palla non c’è, conclusione e gol del meritato 1-1. Un cambio ad inizio secondo tempo: dentro Carollo per D’Anca.
– 47’ Molto bene il Trapani, in pressione e più deciso. Dalla media distanza tentativo di Sammartano ma Hutvagner blocca.
– 49’ Gol della Samp ma a gioco fermo. Cappelletti aveva insaccato quando il signor Barone aveva già sventolato la bandierina.
– 55’ Centrale e debole il tiro di Landa.

– 64’ Rallo provvidenziale su Curito chiuso in corner. Nell’azione successiva granata velocissimi in contropiede e in situazione di superiorità numerica con Lazzara che la cede a Valenti, il quale entra in area e conclude. Hutvagner dice no e la manda in calcio d’angolo.
– 70’ Cappelletti fa tutto bene, tranne che la soluzione.
– 72’ Punizione calciata di seconda da Sammartano, non la tiene il portiere. Nella ribattuta D’Aguanno fa gol ma è in fuorigioco.
– 74’ Cuneo porta in vantaggio la Samp con un sinistro radente che non lascia scampo a Rao.
– 82’ Ghiglia apre il piattone.
– Dopo sei minuti di recupero non c’è più nulla da fare per il Trapani. Passa la Samp per 2-1.

Sampdoria Under 17, la mezzala Gnecchi: «Siamo un ottimo gruppo e lo dimostreremo»

Sampdoria Under 17, la mezzala Gnecchi: «Siamo un ottimo gruppo e lo dimostreremo»


Milanese di nascita ma genovese d’adozione, il classe 2000 Gianluca Gnecchi è uno dei punti di forza della Sampdoria U17. «Non abbiamo iniziato benissimo in campionato, ma il gruppo è ottimo e lo dimostreremo in questa seconda parte di stagione – racconta in esclusiva a Samp TV -. Ho iniziato a giocare dietro, successivamente al Doria mi hanno spostato a centrocampo come mezzala. Un ruolo che mi permette di partecipare sia alla fase difensiva che a quella offensiva. Sono qui da cinque stagioni ormai e sogno di esordire in A con questa maglia».

  • Pubblicato in Under 17

Serie A, Atalanta - Sampdoria 1-0

Serie A, Atalanta - Sampdoria 1-0

Reti: s.t. 10′ A. Gómez rig.

Atalanta (3-4-1-2): Berisha; Masiello, Caldara, Bastoni; Conti (16′ s.t. Zukanovic), Melegoni (1′ s.t. Grassi), Freuler, Spinazzola; Kurtic, A. Gómez (43′ s.t. Toloi); Petagna.
A disposizione: Mazzini, Gollini, D’Alessandro, Migliaccio, Pesic, Suagher, Paloschi, Raimondi.
Allenatore: Tullio Gritti.

Sampdoria (4-3-1-2): Puggioni; Pereira, Silvestre, Skriniar, Pavlovic; Linetty (13′ s.t. Muriel), Torreira, Praet (6′ s.t. Djuricic); Fernandes (38′ s.t. Budimir); Quagliarella, Schick.
A disposizione: Krapikas, Tozzo, Barreto, Palombo, Regini, Cigarini, Bereszynski.
Allenatore: Marco Giampaolo.

Arbitro: Rizzoli di Bologna.

Assistenti: Di Fiore di Aosta e Pegorin di Latina.
Quarto ufficiale: Tolfo di Frosinone.
Arbitri addizionali: Sacchi di Macerata e Serra di Torino.
Note: ammoniti al 29′ p.t. Pereira, al 29′ s.t. Kurtic, al 36′ s.t. Djuricic, al 44′ s.t. Skriniar per gioco scorretto; recupero 1′ p.t. e 4′ s.t.; abbonati 10.832 (rateo gara 129.389 euro), paganti 4.782 (incasso 67.236 euro); terreno di gioco in discrete condizioni.

L'ATALANTA SUPERA LA SAMPDORIA

L'Atalanta supera la Sampdoria e scavalca il Milan al sesto posto, senza dimenticare però che i rossoneri hanno una partita da recuperare. Gasperini sorprende tutti e presenta nell'undici titolare altri due giovanissimi, Bastoni e Melegoni, entrambi classe '99 e al debutto in A. I bergamaschi scendono in campo con un'età media molto bassa e nel primo tempo pagano la minor esperienza rispetto ai blucerchiati, trascinati da Quagliarella. Nella ripresa però arriva subito in avvio il rigore trasformato da Gomez e i nerazzurri acquistano fiducia, sfiorando poco dopo il raddoppio con Freuler. La Sampdoria potrebbe pareggiare con Schick, ma Masiello interviene salvando i suoi che festeggiano l'ennesima vittoria in questa sorprendente stagione.

  • Pubblicato in Serie A

PRADÈ: "FAREMO CRESCERE LA SAMPDORIA"

PRADÈ: "FAREMO CRESCERE LA SAMPDORIA"

Primo giorno da sampdoriano a tutti gli effetti per il neo direttore dell’Area Tecnica, Daniele Pradè:

"Per me essere qui è un privilegio, è un motivo d’orgoglio essere stato scelto dal presidente Massimo Ferrero, un uomo che ogni volta che ti parla ti dà una carica enorme. Questa è una società che ha una grande voglia di crescere e io sono qui per darle una mano a farlo. Ringrazio la famiglia blucerchiata, da oggi posso dire di essere finalmente uno di noi. Sono davvero contento: questa è la squadra dai colori più belli al mondo e ha uno stadio che trasmette grandi sensazioni".

"Forse la parola ‘progetto’ nel calcio non funziona, ma qui c’è un programma importante: a partire da Casa Samp, che è una struttura all’avanguardia di cui pochi in Italia possono disporre, e poi anche per il nuovo centro sportivo. Senza dimenticare che c’è una prima squadra che ha delle basi solide per il futuro. Questo è un club che ha voglia di crescere, di diventare un’azienda all’avanguardia".

"Io farò parte di un comparto sportivo, lavorerò a stretto contatto con il direttore Osti e con il responsabile dello scouting e del Settore Giovanile Pecini e poi con il presidente Ferrero, l’avvocato Romei, l’allenatore e la squadra. C’è poi la parte aziendale, dove ho l’opportunità di confrontarmi con un giovane direttore operativo come Bosco. Noi infatti vogliamo migliorare anche sul piano anche della comunicazione e del marketing. Sarò un raccordo, una cerniera, appunto, perché cercheremo di stare il più stretto e vicino possibili. Il mio contratto? La durata è di un anno più uno: ci servirà qualche mese per conoscerci, ma siamo già al lavoro per il futuro".

"Da giugno, quando sono stato contattato per prima volta, ho seguito con grande attenzione la parte tecnica. Il tecnico è preparatissimo, capace di fare crescere la squadra e di allenare sul campo. La Sampdoria parte dal bel gioco. Tra una decina di giorni vedremo cosa migliorare insieme all’allenatore, per vedere anche gli scontenti e chi ha trovato meno spazio. Quello che vogliamo ottenere nel tempo, mattone dopo mattone, è un miglioramento costante. A questo scopo serviranno identità ed empatia tra noi e i nostri tifosi. L’identità, poi, nasce dalla quotidianità, da quello che accade ogni giorno sui campi dell’Academy. Vogliamo che i giocatori della Primavera abbiano la mira di poter dire: un giorno giocherò in prima squadra".

  • Pubblicato in Serie A

DORIANI IN CAMPO PER PREPARARE LA SFIDA COL PALERMO

DORIANI IN CAMPO PER PREPARARE LA SFIDA COL PALERMO

Reduce dalla trasferta in terra sarda, la Sampdoria ha ripreso nella giornata di ieri gli allenamenti in vista del prossimo impegno col Palermo. Marco Giampaolo ha diviso in due il gruppo di lavoro, selezionando i giocatori in base al minutaggio messo assieme contro il Cagliari. Per i più impiegati il programma ha previsto scarico in palestra e poi esercizi in piscina. I meno utilizzati hanno invece eseguito una seduta a pieno regime.

Quanto agli infortunati: Andrea Tozzo, Jacopo Sala e Carlos Carbonero vanno avanti con i rispettivi programmi di recupero agonistico sul campo. Per Daniel Pavlovic, invece, individuale riabilitativo.

Oggi in calendario una giornata dedicata agli allenamenti specifici, lasciando il resto della banda libero da impegni. I blucerchiati si ritroveranno al gran completo a Bogliasco giovedì, quando sosterranno due sessioni.

  • Pubblicato in Serie A

Mister Pedone nel post-napoli

Napoli - Sampdoria. Campionato primavera girone “A”.

Napoli  -1-  – Sampdoria -4- . Il dopo-gara di Francesco Pedone. 

Presso il Centro sportivo di Sant’Antimo (Na), la primavera della Sampdoria ottiene la terza vittoria consecutiva tra campionato e coppa Italia. Due a zero al Brescia,  quattro a tre al Pescara (C.Italia) e quattro a uno contro un eccellente Napoli, almeno nel primo tempo. Dopo quest’ultima gara abbiamo ascoltato il parere del mister dei Liguri,  Francesco Pedone.

P.D.: ”La sua squadra ha saputo soffrire ed attendere nel primo tempo, per poi ripartire in contropiede nella ripresa e … che contropiede!”
Pedone: “ Si sapeva che qui a Sant’Antimo (Na) avremmo dovuto affrontare delle difficoltà. Il Napoli è una squadra forte con importanti individualità. Da quanto fin qui fatto, sà il fatto suo con giocatori che già dall’anno scorso conoscono la categoria. Noi un pochettino paghiamo a livello fisico. Quest’anno abbiamo quasi in toto, tutti ’99 che devono crescere. Ecco perché nel primo tempo il Napoli ci ha messo sotto e siamo andati in difficoltà in molte circostanze. Proprio per questo, in ogni gara, la dobbiamo mettere sul piano del gioco e sfruttare al massimo quelle che sono le nostre più spiccate caratteristiche. Dopo un primo tempo di difficoltà, dove noi non abbiamo potuto sfruttare le nostre caratteristiche, il Napoli ci ha messo quasi alle corde! Nel secondo è andata meglio, siamo riusciti a fare il nostro gioco ed abbiamo sfruttato al massimo le occasioni che si sono presentate! Ci è andata bene ed è chiaro che un risultato positivo fa felice tutti!”

P.D.: ”Pensa, vista la giovane età anche dei ragazzi del Napoli, che un tantino erano già con la testa al Benfica di mercoledì prossimo?”
Pedone: “ Certo che per tutti questi ragazzi, non è semplice gestire partite ed a maggior ragione competizioni importanti! Per loro sono tutte importanti vuoi la coppa che il campionato! Anche noi veniamo da un turno di coppa Italia svolto in settimana ed è chiaramente difficile gestire tutti questi impegni. Ma la loro crescita consiste proprio nel saper gestire tutte queste enormi pressioni che arrivano e capire che se poi un giorno arrivano nei professionisti il calcio è proprio questo.”

 

GIAMPAOLO: "A BOLOGNA SENZA CAMBIARE LA MENTALITÀ"

GIAMPAOLO: "A BOLOGNA SENZA CAMBIARE LA MENTALITÀ"

Vigilia del primo turno infrasettimanale della stagione per la Serie A TIM. Il Milan è oramai sullo sfondo, Marco Giampaolo ha il Bologna a cui pensare: «Incontriamo un avversario che gioca insieme da un anno, ha già consolidato qualcosa nel suo calcio e sa quello che vuole. Come si può notare anche nelle ultime prestazioni, ci sono cose che si ripetono all’interno di una partita. Per esempio, ha qualità e alternative offensive, non rinuncia mai a giocare la palla. Fattori evidenziati a Napoli, dove a tratti, nella seconda parte della gara, ha messo in difficoltà un avversario che non è facile mettere in difficoltà. Non sarà una partita semplice, ma questa è una cosa scontata. Non mi sono mai capitate nella vita partite semplici».

Identità. Se il Bologna sa quel che vuole e come ottenerlo, la Sampdoria a che punto è nella ricerca della sua identità?
«Ci sono aspetti che vanno migliorati – premette il mister in conferenza -, ma dobbiamo continuare a giocare così, con questa mentalità e con le nostre strategie di calcio. Bisogna andare avanti su questa strada, senza farci condizionare. Non siamo certo contenti della sconfitta, ma la direzione è quella giusta. Detto ciò, dobbiamo migliorare e stiamo lavorando su aspetti sia tecnici che tattici».

Palleggio. Possono essere quei particolari a dettare dei cali di prestazione nel secondo tempo?
«Il riferimento ad un’intera frazione è troppo largo – puntualizza l’allenatore doriano -. Nel finale arriviamo un po’ corti. questo è vero, ma non dipende dalla forma fisica, che è eccellente. Molto è riferibile alla qualità del palleggio: dobbiamo mantenere la squadra più compatta. Se miglioriamo questi aspetti, miglioriamo anche la nostra intensità, fino al termine della gara».

Undici. Partita di mercoledì fa rima con turnover. O no?
«Domani gioca la miglior formazione dal mio punto di vista, a prescindere da idee di turnover. O meglio, i migliori undici per questa partita».
I giornalisti hanno qualche interrogativo sulla difesa: chi scende in campo a sinistra? «Dodô o Regini – lascia il dubbio -. Dodô va scomposto e ricomposto, come giocatore. Lui deve resettare tutti i suoi comportamenti in campo fino ad ora. Ha tutte le qualità tecniche per fare quel ruolo e sarà la mia scommessa. Se la vinco la vince lui, se la perdo la perde lui”.

(Foto LaPresse)

  • Pubblicato in Serie A

SAMPDORIA, PROVE TATTICHE ANTI-BOLOGNA

SAMPDORIA, PROVE TATTICHE ANTI-BOLOGNA

La Sampdoria continua la marcia d’avvicinamento al primo turno infrasettimanale del campionato di Serie A TIM 2016/17. Nella giornata di ieri Marco Giampaolo e staff hanno diretto sul prato superiore una seduta a porte chiuse incentrata sugli aspetti tattici – collettivi e di reparto – da mettere in pratica al “Dall’Ara” di Bologna contro i rossoblù di Roberto Donadoni.

Da segnalare sul fronte degli infortunati i progressi sul campo di Andrea Tozzo e Carlos Carbonero, impegnati nei rispettivi programmi di recupero agonistico. Restano invece in infermeria Daniel Pavlovic (controlli strumentali per lui che saranno valutati nelle prossime ore) e Jacopo Sala (alle prese con una doppia razione tra piscina e fisioterapia).

Agenda. Oggi è in agenda un allenamento mattutino a porte chiuse, seguito alle ore 12.30 dalla conferenza stampa pre-partita del mister (diretta Twitter e sintesi Samp TV), dal pranzo in hotel e dalla partenza alla volta dell’Emilia.

(Foto LaPresse)

  • Pubblicato in Serie A