Log in

 

Under 15 Juventus: le parole di mister Bovo

Una vittoria voluta, meritata, sudata, in una giornata che, però, per l'ambiente Juventus non è stata una giornata di festa. Ecco perché, dopo la vittoria dello Scudetto Under 15, mister Riccardo Bovo ha dedicato innanzitutto un pensiero ad Erika Pioletti, scomparsa dopo i fatti della sera del 3 giugno in Piazza San Carlo: «In questa serata, il nostro pensiero va innanzitutto a lei, perché lo sport dovrebbe essere sempre un'occasione di festa, proprio come stasera».

UNA SERATA IMPORTANTE PER QUESTO GRUPPO
«I complimenti vanno fatto ai ragazzi, che oggi hanno dato l'anima per questo sport. In una Finale non ci sono favoriti: ogni ragazzo gioca una partita del genere come se fosse la propria Finale di Champions League, ed è quello che tutti i giocatori hanno dimostrato, sia i miei ragazzi, sia quelli dell'Inter. Stesse emozioni, e stesse tensioni. Oggi i ragazzi sono stati strepitosi, iniziano a capire che cosa significa vestire una maglia importante come quella della Juventus».

PRIMO TEMPO CHIUSO IN VANTAGGIO, GESTITO NELLA RIPRESA
«Essere andati in vantaggio il primo tempo ci ha aiutato, poi l'Inter ha dimostrato grande forza in avanti, come già sapevamo. Siamo stati bravi a soffrire, a difenderci e ad essere squadra nei momenti cruciali del match. C'è grande soddisfazione: vedere i ragazzi piangere di gioia è stata la cosa più bella di questa serata»

PAROLA D'ORDINE: LA CRESCITA DEI RAGAZZI
«Il nostro obiettivo è formare ragazzi che possano diventare degli uomini. Ciò che accadrà nel futuro dipenderà dalla loro volontà, dalla loro determinazione e dalla loro voglia di lavorare duro. Questo è ciò che ci ha contraddistinto soprattutto nel girone di ritorno: nella prima parte della stagione abbiamo creato una squadra, un gruppo, ora la squadra c'è, è presente, soffre, combatte, gioca quando c'è da giocare ed è una squadra forte».

SECONDO SCUDETTO NELLA CATEGORIA PER LA JUVENTUS
«E' il secondo titolo italiano in questa categoria: è un onore per me essere capitato quest'anno qui, ma sicuramente il grande merito va ai ragazzi vestiti di bianconero che ora stanno festeggiando».

RINGRAZIAMENTI SPECIALI
«Il ringraziamento va a tutto il settore giovanile Molti ragazzi che arrivano dall'attività di base oggi erano qui presenti, grazie ad uno scouting che continua a lavorare sodo per dare i migliori giocatori a disposizione dei giocatori. Grazie allo staff tecnico, perché senza di loro sarebbe davvero difficile, e hanno fatto vivere ai ragazzi dei momenti indimenticabili. Grazie a tutta la Juventus: la Juventus è una grande famiglia, alla Juve impari a vivere, a fare sacrifici e a vincere».

juventus.com

  • Pubblicato in Under 15

Under 15 A e B, Juventus campione d'Italia

JUVENTUS - INTER 2-0

Marcatori: 31′ pt. Poppa (J), 40′ st. Zanchetta (J).

Juventus: Girelli; La Manna, Spina, Mosagna (25′ st. Riccio), Verduci; Brentan (28′ st. Spitale), Zanchetta; Sekulov, Tongya, Cavallo (12′ st. De Marzo); Poppa (12′ st. Sterrantino).
A disposizione: Raina, Dacosta, Diop, Poletti, Pittavino.
Allenatore: Riccardo Bovo.

Inter: Stankovic, Guedegbe, Dimarco, Cester, Alcides, Pirola, Barazzetta, Mangiarotti, Cancello, Sakho, Esposito.
A disposizione: Anane, Feltrin, Tinazzi, Essan, Boscolo, Sottini, Oristanio, Simic, Tordini.
Allenatore: Marco Mandelli.


La Juventus è Campione d'Italia della categoria Under 15: questo l'esito della vittoria per 2-0 nella Finalissima giocata al “Manuzzi” di Cesena, conquistata ai danni dell'Inter. Risultato ampiamente meritato per i giovani Bianconeri di mister Bovo, che sono stati in controllo della partita dall'inizio... fino alla fine.
Juve schierata in campo con il 4-2-3-1, con Girelli tra i pali; Spina e Mosagna coppia centrale con La Manna terzino destro e Verduci a sinistra. In mediana, coppia formata da Brentan e Zanchetta, con Sekulov, Tongya e Poppa alle spalle di Cavallo.
La Juve parte subito forte, sfruttando la velocità di Tongya che si conquista un calcio d'angolo dopo pochi secondi, col pallone che spiove in area senza trovare compagni. Risponde l'Inter con una conclusione debole dalla distanza di Cancello, parata senza problemi da Girelli, bravo anche qualche minuto dopo ad uscire pulito su Barazzetta lanciato in profondità.
Tra i Bianconeri, Poppa manca l'appuntamento col gol per una questione di centimetri, senza riuscire a deviare in tap-in un bel cross dalla sinistra, mentre al 19' è Cavallo a scaldare i guantoni a Stankovic con un bel diagonale che l'estremo difensore nerazzurro non riesce a trattenere, e sul quale si avventa Tongya, la cui conclusione è deviata in corner.
Lo stesso Tongya poco dopo semina scompiglio nella difesa nerazzurra penetrando in area con una serie di dribbling, fermato all'ultimo da Alcides, che riesce a liberare. E' poi Pirola a firmare, qualche secondo dopo, ancora Tongya in scivolata, ma al 33' la Juve passa in vantaggio: percussione di Poppa e conclusione angolata che si insacca alle spalle di Stankovic, per l'1-0 che manda le due squadre al riposo con i Bianconeri in vantaggio.

Nella ripresa, l'Inter prova ad alzare il baricentro ma la Juve controlla bene: prima è Sakho a mandare alto di testa in area, poi è Cancello a farsi vedere trovando un grande intervento difensivo di Spina, che devia in corner. I ragazzi di Bovo rispondono in contropiede, con il neo-entrato Sterrantino che conclude da posizione angolata, trovando la risposta di Stankovic.
I nerazzurri arrivano spesso al cross, ma la difesa della Juventus, tra Girelli sempre pronto all'uscita in presa alta e la linea ben schierata pronta a ribattere, non mostra alcun segno di cedimento. L'Inter ci prova, ma da quelle parti non si passa, e, dopo che Riccio svetta di testa a liberare a pochi minuti dal termine, è al secondo dei cinque minuti di recupero concessi che lo stesso difensore bianconero chiude bene su Simic, negando anche l'ultima occasione ai nerazzurri.
A questo punto, la Juve chiude la partita in contropiede: è il 74' quando Zanchetta, che già aveva segnato in semifinale contro la Roma, chiude la partita fissando il risultato sul definitivo 2-0.
Al triplice fischio, la Juve è Campione d'Italia per la seconda volta nella propria storia, dopo il titolo conquistato nel 1997/1998. Una cavalcata fantastica, quella dei ragazzi di mister Bovo, conclusa nel migliore dei modi: con un titolo tricolore ed una notte indimenticabile per il settore giovanile bianconero.

  • Pubblicato in Under 15

Under 15 A e B, i risultati e le finaliste

Under 15 Serie A e B

Semifinali (13 giugno)
Roma-Juventus 1-3
Inter-Sampdoria 3-0

Finale
Juventus - Inter
(16 giugno – ore 20.30, Orogel Stadium Manuzzi, Cesena)

Supercoppa (18 giugno – ore 16.30, Capanni, Savignano sul Rubicone (FC)

  • Pubblicato in Under 15

Semifinali Under 15 A e B, Inter - Sampdoria 3-0

MARCATORI: p.t. 22′ Esposito, s.t. 23′ 30′ Sakho.

INTER (4-3-3): Stankovic; Guedegbe, Cortinovis, Pirola, Dimarco; Barazzetta, Cester, Mangiarotti; Sakho, Esposito, Cancello. A disposizione: Anane, Feltrin, Alcides, Tinazzi, Boscolo, Sottini, Oristano, Simic, Tordini. Allenatore: Mandelli.

SAMPDORIA (4-3-3): Saio; Zucca, Aquino, Miceli, Alberto; Volpe, Trimboli, Ercolani; Somma, Morando, Gaggero. A disposizione: Inversetti, Doda, Campaner, Serafino, Dolcini, Zuccon, Molisso, D’Amoia, Rossi. Allenatore: Pastorino.

ARBITRO: Bindella di Pesaro. Assistenti: Vitale di Ancona e Bejko di Jesi. Quarto uomo: Catani di Fermo.

NOTE: ammonito al 26′ s.t. Morando per proteste; recupero 0′ p.t. e 4′ s.t.

La Sampdoria non può nulla contro un’inarrestabile Inter, capace di annichilire la formazione blucerchiata con un netto 3-0. Dopo un quarto d’ora iniziale di sano equilibrio, il “Morgagni” di Forlì si tinge di nerazzurro: a firmare il vantaggio è la rete di Esposito al 22′, bravo a finalizzare all’interno dell’area di rigore il rasoterra dalla destra di Barazzetta. Nella ripresa la trama non cambia, anzi l’Inter diventa maggiormente spavalda e chiude i giochi con la doppietta di Sakho, tra il 23′ e il 30′.

sampnews24

  • Pubblicato in Under 15

Semifinali Under 15 A e B, Roma-Juventus 1-3

Reti: 23' Cavallo (J), 27' Tueto (R), 43' Zanchetta (J), 69' Poppa (J)

Roma: Trovato, Muteba (49' Tomassini), Calafiori (40' Tripi), Ciucci, Astrologo, Buttaro, Travaglini, Bove (59' Silvestri), Antenori (49' Cancellieri), Milanese (59' Zalewski), Tueto.
A disp: Rossi, Aglietti, Suffer, Ciervo.
All: Fattori

Juventus: Girelli, La Manna, Verduci, Spina, Mosagna, Zanchetta, Sekulov (40' De Marzo), Brentan (70' Poletti), Sterrantino (65' Poppa), Tongya (70' Spitale), Cavallo (65' Da Costa).
A disp: Raina, Diop, Pittavino, Riccio.
All: Bovo.

Ammonito: 18' Calafiori (R)

La Under 15 di Bovo approda all'ultimo atto del campionato, battendo in Semifinale la Roma per 3-1: venerdì se la vedrà contro la vincente fra Inter e Sampdoria.
La partita è molto equilibrata, e combattuta, fin dall'inizio. Nonostante il forte caldo di Ravenna, le due squadre si fronteggiano a viso aperto, senza lesinare energie. Dopo una partenza piuttosto veemente della Roma, è la Juve a uscire gradualmente, ma in modo costante.
Gli sforzi dei bianconeri si concretizzano con un gran destro di Tongya al quindicesimo, un rasoterra che si stampa sul palo. E' il preludio al gol, che arriva pochi minuti dopo:
L'entusiasmo, però, dura poco: la Roma pareggia al 28', con un contropiede di Tueto.
La sostanza del match resta comunque la stessa: la Juve fa la partita, e ricomincia a macinare gioco al rientro in campo dopo la fine del primo tempo, costruisce azioni importanti, va vicina al gol al sesto della ripresa con Tongya (palla parata dal portiere della Roma) e, pochi giri di lancette dopo.
La Roma prova a rispondere con una rovesciata di Travaglini, pochi minuti dopo, ma il match ormai è saldamente in mano ai bianconeri, che verso il 70' trovano anche la rete del 3-1, con un contropiede micidiale del neo entrato Poppa.

  • Pubblicato in Under 15

Under 15 A e B, il programma delle finali nazionali

Il programma delle finali nazionali

Under 15 Serie A e B

Semifinali (13 giugno)

Roma-Juventus (ore 16.30 – B.Benelli, Ravenna)
Inter-Sampdoria (ore 18.30 – T.Morgagni, Forlì)

Finale (16 giugno – ore 20.30, Orogel Stadium Manuzzi, Cesena)

Supercoppa (18 giugno – ore 16.30, Capanni, Savignano sul Rubicone (FC)

Under 15 A e B, quarti di finale: Atalanta - Sampdoria 2-1

ATALANTA: Pirola, Yeressa, Ruggeri, Panada, Scanagatta, Derbali, Renault, Viviani, Reda, Traore, Meraglia.
A disp.: Nozza Bielli, Gennari, Marcaletti, Cittadini, D'Alessandro, Fossati, Faye, Roma, Mallamo.
All.: Lorenzi.

SAMPDORIA: Saio, Zucca, Alberto, Aquino, Trimboli, Miceli, Somma, Volpe, Morando, Ercolano, Gaggero.
A disp.: Inversetti, Napoli, Doda, Simone, Dolcini, Campaner, Molisso, D'Amoia, Rossi.
All.: Pastorino.

Domenica da incorniciare per l’Academy blucerchiata. Dopo l’esaltante successo della Primavera sul Torino, esulta anche la Sampdoria U15 che – nonostante la sconfitta per 2-1 rimediata al “Bortolotti” di Zingonia con l’Atalanta – accede alla semifinale, forte del 4-2 ottenuto nella gara d’andata al “Garrone” di Bogliasco.

Gara subito in salita per i ragazzi di Matteo Pastorino che vanno sotto già al 1′, quando Meraglia coglie impreparata la retroguardia doriana e porta in vantaggio i nerazzurri. Prima dell’intervallo Panada firma su calcio di rigore il raddoppio bergamasco (36′), ma il Doria non si disunisce e al 7′ della ripresa trova il gol-qualificazione con capitan Trimboli sempre dagli undici metri.

Il finale di partita è in discesa per l’U15 che resta addirittura in doppia superiorità numerica in seguito alle espulsioni di Scanagatta (6′) e Reda (31′). E che può festeggiare per essere entrata tra le prime quattro formazioni d’Italia. Ad attendere i blucerchiati nella semifinale in gara unica c’è l’Inter.

 

  • Pubblicato in Under 15

Under 15 A e B, quarti di finale: Inter - Salernitana 5-0

Reti: 5’ pt, 9’ pt, 18’ st Cancello, 17’ pt, 28’ pt Esposito.

Inter: Stankovic, Guedegbe, Dimarco, Cester, Alcides, Pirola, Barazzetti, Mangiarotti, Cancello, Sakho, Esposito.
All.: Mandelli.

A disposizione: Anane, Cortinovis, Feltrin, Essian, Boscolo Chio, Sangallo, Simic, Oristanio, Tordini.

Salernitana: De Simone, Iaunese, Guzzo, Vignes, Di Micco, Percuoco, Arena, Manzo, Guida, Falanga, Pellino.
All.: Landi.

A disposizione: Scognamiglio, De Mase, Imperiale, Fois, Petrullo, Minchella, Nemia, Caputo, Calicchio.

Arbitro: Prior di Ivrea.
Assistenti: Rotaru (sez. Crema) – Giordano (sez. Seregno).

  • Pubblicato in Under 15